Pancake con latte di mandorla, colazione golosa

Pancake con latte di mandorla
Commenti: 0 - Stampa

Pancake con latte di mandorla, senza glutine e senza lattosio

Il pancake con latte di mandorla e uva sultanina è una deliziosa alternativa per una colazione che coniughi gusto e nutrimento. E’ una variante del pancake tradizionale, anche perché è totalmente priva di lattosio e glutine. Il merito va ad una scelta degli ingredienti che ha voluto premiare il valore dell’accessibilità, ovviamente nei confronti degli intolleranti al lattosio e degli intolleranti al glutine. Per esempio, il latte vaccino è sostituito dal latte di mandorla, mentre la farina standard (ovvero quella di grano di tipo doppio zero) è sostituita dalla farina di riso. Di questi due ingredienti parlerò nei prossimi paragrafi, in questo vorrei soffermarmi sul procedimento, che differisce ben poco da quello del pancake tradizionale. Si tratta, infatti, di amalgamare tutti gli ingredienti, tra i quali ovviamente non devono mancare il latte (nella fattispecie di mandorla), la farina, e le uova.

Per il resto, come già saprete, l’impasto non va assolutamente infornato ma cotto in padella, cucchiaiata dopo cucchiaiata. Nello specifico, una cucchiaiata di impasto corrisponde a uno strato di pancake. Non esiste pancake senza un qualche tipo di topping. In questo caso non ho optato per il classico sciroppo d’acero, ma ha voluto puntare a un approccio un po’ più mediterraneo. In particolare, per guarnire adeguatamente questo pancake con latte di mandorla e uva sultanina propongo della panna montata o della confettura alla frutta. Ovviamente, se avete problemi di assorbimento del lattosio, optate per una panna montata lactose-free. Tra l’altro, questo genere di panna è buona come quella standard e anche piuttosto reperibile. Inoltre, il processo di delattosizzazione è del tutto naturale, si tratta di applicare alla materia prima l’enzima lattasi, in modo da scindere preventivamente il lattosio in glucosio e galattosio, sostanze digeribili anche dagli intolleranti.

Quale farina scegliere per questo pancake?

Ne ho già fatto cenno nel paragrafo precedente, questo pancake con latte di mandorla è completamente privo di glutine. Il merito va alla presenza della farina di riso, che sostituisce quella di grano di tipo doppio zero. La farina di riso non ha il solo merito di essere gluten-free, ma propone anche sentori diversi, nettamente più delicati e quindi in grado di soddisfare qualsiasi palato. Anche dal punto di vista nutrizionale la farina di riso si difende molto bene. Il riferimento è alle significative concentrazioni di vitamine e sali minerali, alla quasi totale assenza di grassi e a un apporto calorico leggermente inferiore alle altre farine.

Pancake con latte di mandorla

L’unico vero difetto della farina di riso consiste in una quantità di proteine inferiore alla media. Va considerato, poi, che la farina di riso non eccelle in quanto a capacità panificatoria. Spesso, quindi, viene associata a un’altra farina per ovviare al problema. Nella fattispecie del pancake il problema non si pone in quanto l’impasto non deve andare incontro a levitazione, ma viene cotto direttamente in padella (come peraltro è tradizione per i pancake).

Il latte di mandorla fa ingrassare?

Questo pancake con latte di mandorla è rigorosamente gluten-free e anche lactose-free. Il merito va proprio al latte di mandorla, che è un ottimo sostituto del classico latte vaccino. E’ una bevanda molto nutriente, apprezzata da tutti sia per il suo gusto che per le sue proprietà nutrizionali. Per quanto riguarda queste ultime, sono praticamente identiche a quelle della mandorla vera e propria. Dunque, si segnala una certa abbondanza di vitamina E, di fosforo e di potassio. Inoltre la mandorla, in quanto frutta secca, contiene discrete dosi di acidi grassi omega tre, nonché di altri grassi buoni.

A proposito di grassi, la domanda a questo punto sorge spontanea, il latte di mandorla fa ingrassare? In realtà, l’apporto calorico non è poi così elevato, di certo non è elevato come quello della mandorla propriamente detta. Il merito di ciò va essenzialmente alla presenza dell’acqua. Infatti, il latte di mandorla va sempre diluito, sia per essere consumato a crudo che per essere inserito all’interno di ricette.

Ecco la ricetta del pancake con latte di mandorla e uva sultanina:

Ingredienti per 2-3 persone:

  • 2 uova,
  • 200 ml. di latte di mandorla,
  • 40 gr. di uvetta sultanina,
  • 100 gr. di farina di riso,
  • 50 gr. di maizena,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • 30 ml. di acqua fredda,
  • 1 pizzico di sale,
  • q. b. di panna montata consentita o marmellata.

Preparazione:

Per la preparazione del pancake con latte di mandorla iniziate immergendo l’uvetta in una ciotola con acqua tiepida e lasciatela ammollare per circa 15 minuti. Poi scolatela e strizzatela per bene. In un’altra ciotola versate la farina di riso, la maizena, le uova, un po’ di sale, l’acqua fredda, l’uvetta e il latte di mandorla.

Ora scaldate un po’ di olio d’oliva in una padella (giusto il necessario per ungerla), poi versate una cucchiaiata di impasto e cuocete fino a quando la frittella (ovvero il pancake) non si sarà dorato. A questo punto girate il pancake e portate a completa cottura. Ripetete il procedimento, cucchiaiata dopo cucchiaiata, fino a terminare l’impasto. Servite con marmellata o con una golosa panna montata

3/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cutizza alla comasca

Cutizza alla comasca, una merenda tradizionale

Cutizza alla comasca, una ricetta semplice e gustosa Oggi vi presento una ricetta cui sono molto legata, ossia la cutizza alla comasca. Si tratta di una preparazione tradizionale, e per la...

colazione per gli studenti

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...

Merenda per i ragazzi

La merenda per i ragazzi, ecco le soluzioni...

La merenda pomeridiana non è solo un piacere. La merenda è da sempre considerata un piacere. Per gli adulti può arricchire un momento di pausa dal lavoro o, se fatta molto tardi, sancire la fine...

Barrette con frutta secca e miele

Barrette con frutta secca e miele, ottime a...

Barrette con frutta secca e miele, un break leggero e nutriente Le barrette con frutta secca e miele sono una splendida idea per la colazione o per un break gustoso. Un’idea che coniuga gusto,...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Skyr con ananas e ribes

Skyr con ananas e ribes, una colazione nutriente

Skyr con ananas e ribes, una colazione diversa dal solito Lo Skyr con ananas e ribes è un’idea spettacolare per una colazione diversa dal solito, che presenta tutte le caratteristiche del...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti