Lingua di vitello impanata, una cotoletta alternativa

Lingua di vitello impanata
Commenti: 0 - Stampa

Lingua di vitello impanata, il sapore che non ti aspetti

La lingua di vitello impanata è un secondo molto corposo e nutriente. Il motivo di ciò non risiede solo nella presenza di un’abbondante panatura, ma anche e soprattutto nelle caratteristiche della lingua di vitello. Tecnicamente è una frattaglia, ovvero un prodotto di scarto, tuttavia è così buona da essere considerata una prelibatezza da tantissime tradizioni gastronomiche regionali. Il suo gusto è particolare, e coniuga la corposità dei tagli più raffinati di vitello con il sapore vagamente dolciastro delle frattaglie, il tutto valorizzato da una texture morbida e gradevole al palato.

La lingua di vitello vanta dei valori nutrizionali importanti. L’apporto proteico è buono, pari al 17% del totale, e non ha nulla da invidiare ai tagli di carne classici. Per quanto riguarda i sali minerali, abbonda soprattutto in ferro: 100 grammi di lingua di vitello, infatti, contengono una quantità di ferro pari al 40% del fabbisogno giornaliero. Valori abbastanza simili si rilevano nel fosforo e nel potassio. Anche in quanto a vitamine la lingua di vitello non delude. Il riferimento è in particolare alla vitamina B3, che è presente in grandi quantità. L’unico difetto della lingua di vitello è la quantità di grassi, che è rilevante perché pari a 18%. L’apporto calorico di conseguenza non è trascurabile: 230 kcal per 100 grammi. La lingua di vitello contiene alcune sostanze, come l’acido folico, importanti e benefiche per l’organismo, le quali esercitano una funzione antiossidante e di stimolazione per la rigenerazione cellulare.

Il prezioso contributo della curcuma e le sue proprietà

La curcuma, utilizzata nella preparazione della lingua di vitello impanata, è una spezia apprezzata in ogni angolo del globo, in particolar modo in Italia, dove negli ultimi anni è andata incontro a una crescente diffusione. Originaria dell’India, funge da base per altre spezie più composite, come il famoso curry (che ne valorizza l’arancione brillante). La curcuma aggiunge gusto e un tocco esotico a ogni preparazione, e quindi anche alla lingua di vitello impanata. Nello specifico, viene mescolata al pangrattato in modo da contribuire a una panatura dal sapore deciso ma comunque leggera.

Lingua di vitello impanata

Per quanto riguarda i valori nutrizionali, la curcuma contiene molte sostanze antiossidanti. Tali sostanze stimolano la rigenerazione cellulare, rallentano l’invecchiamento e impattano in maniera benefica sul cuore. La curcuma contiene anche tantissima fibra, il ché aiuta a risolvere i problemi di stipsi. Se parliamo delle proprietà intrinseche, la curcuma sfocia quasi nell’ambito terapeutico. Il riferimento è alla funzione depurativa, che coinvolge in particolare i reni e il fegato. La curcuma è anche un blando antinfiammatorio e analgesico, al pari dello zenzero.

Qualche consiglio per friggere come si deve

Per la lingua di vitello impanata consiglio ovviamente la frittura come metodo di cottura. Non è frequente consigliare il fritto, dal momento che certo non spicca per leggerezza. Qualche strappo alla regole, però, possiamo farlo. Anche perché nessun altro metodo di cottura può valorizzare la lingua di vitello come fa la frittura. Essa ne conserva la morbidezza e fa sì che non si asciughi troppo (evenienza che rischia di verificarsi se la cottura è al forno).

Ovviamente è fondamentale saper friggere. Immergere il cibo nell’olio bollente non vuol dire saper friggere. Occorre prendere infatti un paio di accorgimenti che possano rendere la frittura un metodo di cottura non dannoso. Per esempio, è bene immergere le fette panate solo quando l’olio ha raggiunto la temperatura giusta (170 gradi circa). Per verificarlo, potete utilizzare un termometro o anche solo fare la prova dello stecchino: immergete uno stecchino nell’olio tenendolo per la punta superiore, se l’olio sfrigola allora è pronto. Un altro consiglio, per quanto poco intuitivo, è di abbondare con l’olio. Solo con la classica frittura a immersione, infatti, si ridurrà la quantità di olio assorbito (almeno rispetto alla normale rosolatura).

Ecco la ricetta della lingua di vitello impanata:

Ingredienti per 6-8 persone:

  • 400 gr. di lingua di vitello;
  • 2 uova;
  • 150 gr. pane grattugiato consentito;
  • 1/2 cucchiaino di curcuma;
  • olio di girasole per friggere;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della lingua di vitello impanata iniziate lavandola accuratamente sotto l’acqua corrente. Poi mettetela in un sacchetto creando il sottovuoto con un apposito macchinario. Mettete il sacchetto in una pentola piena d’acqua e fissate sopra l’apparecchio per il bagno termostatico, disponendo una temperatura di 70 gradi e un timer di 16 ore. Trascorso questo lasso di tempo, aprite con delicatezza il sacchetto ed estraete la lingua. Poi ponetela su un tagliere, rimuovete la pellicina esterna e riducete la lingua in piccole fette. In una ciotola rompete le uova e sbattetele con una forchetta.

Poi prendete un’altra ciotola, versate il pangrattato, un po’ di sale e mezzo cucchiaino di curcuma, poi mescolate per bene. In una padella mettete a riscaldare olio di arachidi. Quando l’olio ha raggiunto la giusta temperatura (170 gradi), impanate le fette di lingua passandole prima nell’uovo e poi nella miscela di pangrattato. Friggetele fino a completa doratura, rigirandole almeno una volta. Ponete la frittura su una carta assorbente da cucina in modo che venga rimosso l’olio. Servite la lingua di vitello panata quando è ancora calda.

5/5 (480 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...

Carpaccio di salmone

Carpaccio di salmone, un secondo dal gusto delicato

Carpaccio di salmone, un secondo gourmet pieno di gusto e colore Il carpaccio di salmone è un secondo dal sapore delicato, raffinato e adatto a tutti i palati. E’ anche piuttosto complesso, non...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti