Semifreddo al pistacchio e cioccolato, una ricetta speciale

Semifreddo al pistacchio e cioccolato
Commenti: 2 - Stampa

Perché il semifreddo al pistacchio è così buono?

Il semifreddo al pistacchio e cioccolato bianco è una straordinaria variazione sul tema dei classici semifreddi. E’ una ricetta di Carlo Cracco, che ho scoperto grazie al libro “Dolce, Cracco”, che lo stesso chef stellato ha scritto insieme a Marco Pedron. Non sono un’amante dei dolci al cucchiaio, bavaresi, semifreddi, panne cotte ma ultimamente mi sto ricredendo!

Perché il semifreddo al pistacchio e cioccolato bianco è così buono? In primis, per la scelta degli ingredienti. I dolci al pistacchio affascinano sempre! Se solo pensate alla crema di pistacchio mi darete ragione.

L’abbinamento tra pistacchio e cioccolato bianco non è certo comune, ma è indice di una creatività spiccata, capace di regalare gradevoli sensazioni al palato. In secondo luogo la ricetta si distacca leggermente dai canoni tradizionali.

E’ un po’ complessa, è vero, ma allo stesso tempo è alla portata di tutti. D’altronde la grandezza di uno chef si vede anche da questo, ossia dalla capacità di stupire con ricette nuove e deliziose, mettendo però la sua arte a disposizione della gente comune.

In particolare questo semifreddo valorizza il pistacchio, un ingrediente spesso (e a torto) mal considerato. E’ vero, il pistacchio è abbastanza grasso e calorico, tuttavia l’apporto calorico non è superiore rispetto alla frutta secca e i grassi sono in realtà “buoni”.

Nello specifico, impattano positivamente sull’apparato cardiovascolare, riducendo il colesterolo cattivo. Il pistacchio, inoltre, è ricco di vitamina E, che esercita una funzione antiossidante.

In virtù di ciò, contrasta i radicali liberi, riduce lo stress ossidativo e aiuta a prevenire alcuni tipi di tumori. Si segnala anche una buona concentrazione di sali minerali, e in particolare di fosforo, ferro, calcio e potassio. In occasione di questa ricetta va utilizzata la “pasta” di pistacchio, un preparato che si trova facilmente in tutti i supermercati. Vi consiglio, però, di puntare alle varianti artigianali, piuttosto che a quelle industriali.

Il cioccolato bianco è vero cioccolato?

Un altro protagonista del semifreddo al pistacchio è il cioccolato bianco. A scanso di equivoci, è bene fare una precisazione, non si tratta di un vero cioccolato nel senso letterale del termine. Infatti non viene realizzato con il cacao, bensì con il burro di cacao, con latte e zuccheri.

Ciononostante, e a dispetto di quanto suggerisce l’immaginario collettivo, il cioccolato bianco non è il più calorico. Rispetto al cioccolato fondente, infatti, vanta qualche decina di calorie in meno (per etto).

Semifreddo al pistacchio e cioccolato

Il cioccolato bianco vanta anche alcuni importanti pregi nutrizionali. Il riferimento è all’abbondanza di vitamina A, di potassio, di zinco e di magnesio. Ottime sono anche le concentrazioni di calcio, dovute alla presenza del latte. Infine i grassi sono “buoni”, proprio come quelli del pistacchio, dei semi oleosi e della frutta secca.

Quale decorazione usare per questo semifreddo?

Uno dei punti di forza di questo semifreddo al pistacchio e cioccolato bianco è la decorazione. In realtà si tratta di una vera e propria copertura, realizzata sciogliendo il cioccolato bianco e immergendovi il semifreddo tagliato a rettangoli e con uno stecco centrale (quasi come se fosse un ghiacciolo).

Quando il cioccolato è ancora liquido va applicata una bella sventagliata di granella di pistacchi, in questo modo aderiranno perfettamente alla superficie. Dopodiché, si ripone il tutto nel freezer.

La copertura è dunque semplice, ma capace di rendere sia in termini visivi che organolettici. Tra l’altro, proprio la presenza della granella pone in essere un gradevole contrasto tra il morbido e  il croccante.

Preparare in casa questo semifreddo “stellato” è molto semplice.

Ecco la ricetta del semifreddo al pistacchio e cioccolato bianco:

Ingredienti per 6 persone:

  • 220 gr. di zucchero semolato,
  • 150 gr. di pasta di pistacchio,
  • 3 albumi d’uovo,
  • 2 tuorli d’uovo,
  • 450 ml. di panna consentita,
  • 60 ml. di acqua.

Per la decorazione:

  • 200 gr. di cioccolato bianco,
  • 50 gr. di granella di pistacchio.

Preparazione:

Per la preparazione del semifreddo al pistacchio e cioccolato bianco la prima cosa da fare è prendere una planetaria, versate gli albumi, 20 grammi di zucchero e montate. Potete anche montare con le fruste elettriche .

In un pentolino versate il restante zucchero, l’acqua e portate ad una temperatura di 121 gradi, ottenendo una specie di sciroppo. Versate una parte di questo sciroppo sugli albumi montati e mescolate per ottenere una montata lucida.

Intanto  prendete un’altra ciotola e montate i tuorli, poi versateci sopra un po’ di sciroppo caldo rimasto. Montate la panna .

Ora unite i due composti, aggiungiamo la pasta di pistacchio e la panna montata. Mescolate dal basso verso l’alto con delicatezza , fino ad ottenere un composto grezzo.

Stendete quest’ultimo in un contenitore basso e largo, coprite con della pellicola trasparente da cucina e riponete in freezer per circa 4 ore. Trascorso questo lasso di tempo, ricavate dal semifreddo dei pezzi rettangolari da 6 x 3 cm e applicate uno stecco in ciascuno di essi.

Ora riponete i rettangoli di semifreddo nel freezer. Per la decorazione, sciogliete il cioccolato bianco al microonde e immergeteci dentro i semifreddi al pistacchio.

Prima che il cioccolato si indurisca, applicate la granella di pistacchio tostata per 6 minuti a 16,5 gradi. A questo punto il semifreddo è pronto, ma è opportuno conservarlo in congelatore prima di servirlo. Potete aggiungere della granella di nocciole o altra frutta secca.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Semifreddo al pistacchio e cioccolato, una ricetta speciale

  • Dom 18 Lug 2021 | Elio ha detto:

    Ciao il pistacchio è ottimo e sta bene ovunque. Devo provare questa ricetta

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Creme caramel

Crème caramel, un classico della cucina francese

Crème caramel, un dolce delizioso e apprezzato da tutti Oggi vi parlo della crème caramel, uno dei dolci al cucchiaio più conosciuti d’Europa associato alla cucina francese, d’altronde il...

Cupcakes per Halloween

Cupcake per Halloween, idee per una festa perfetta

Cupcake per Halloween, un impasto anti intolleranze Oggi vi presento due varianti di cupcake per Halloween, due modi per vivacizzare una festa che pone al primo posto la “presenza scenica”, come...

Fantabudino di zucca

Fantabudino di zucca, il dessert perfetto per Halloween

Fantabudino di zucca, un dessert facile da preparare Ve ne sarete già accorti spulciando la foto, il fantabudino di zucca è un dolce, o per meglio dire un dessert, non solo buono ma anche...

Cioccolata calda con marshmallow

Cioccolata calda con marshmallow, una pausa golosa

Cioccolata calda con marshmallow, un abbinamento perfetto La cioccolata calda con marshmallow è una bevanda ottima per i pomeriggi invernali, o per una pausa all’insegna della dolcezza e del...

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti