Faraona ripiena con mele e prosciutto per Pasqua

Faraona ripiena con mele
Commenti: 0 - Stampa

Faraona ripiena con mele e prosciutto crudo, davvero particolare

La faraona ripiena con mele e prosciutto crudo è un secondo davvero raffinato. Lo potete intuire dalla lunga lista degli ingredienti e dalla ricetta ricca di dettagli. Tuttavia, non si tratta di una ricetta difficile. L’unico elemento di complessità è la preparazione della farcitura, dal momento che viene realizzata da alimenti diversi, che prevedono tempi di cottura altrettanto diversi. La faraona ripiena con mele e prosciutto crudo potrebbe apparire a primo acchito come un secondo agrodolce, vista la presenza della mela. In realtà, questa si amalgama bene con gli altri sapori, senza interferire più di tanto.

Il vero punto di forza di questa faraona ripiena è la farcitura, che come ho già anticipato è abbastanza complessa. Nella sezione dedicata alla ricetta trovate tutti i dettagli, ma per ora vi basti sapere che è a base di prosciutto crudo, salsiccia, mele e uova. Il segreto sta nel cuocere gli ingredienti per il tempo necessario (quindi iniziare la cottura in momenti differenti) e amalgamare bene il tutto. Un altro elemento particolare è la salsina di accompagnamento. Questa infatti, non viene “realizzata a parte”, come capita per la stragrande maggioranza dei secondi, bensì si ricava dal fondo cottura, che per questo motivo va frullato. Il risultato, per quanto abbastanza sui generis, è straordinario. Insomma, questa faraona ripiena con mele e prosciutto crudo è una specialità da provare!

Tutta la bontà della carne di faraona

Quella di faraona è una carne davvero pregiata. Tra parentesi, la faraona è un uccello galliforme originario dell’Africa settentrionale, che può essere allevato a tutte le latitudini. Le sue carni possono essere accostate, per il sapore, al pollo. In realtà, però, sono molto più delicate e tenere. Ma i suoi pregi non finiscono qui, infatti la carne di faraona spicca per l’elevato valore biologico e per le caratteristiche nutrizionali eccellenti.

Faraona ripiena con mele

Partiamo dall’apporto calorico, che è davvero ridotto. 100 grammi di faraona, infatti, apportano appena 133 kcal. La quantità di grassi, quindi, è minima. Ciò che stupisce è l’apporto proteico, che è eccezionale, pari al 24% e quindi superiore persino a quello delle carni rosse. Proprio come la carne di pollo, è molto digeribile, dunque adatta al consumo da parte di tutti: bambini piccoli e anziani compresi. La faraona, proprio in virtù delle sue carni tenere ma sode, si presta alle farciture. Di certo, dà il meglio di sé nella ricetta della faraona ripiena con mele e prosciutto crudo.

La salsiccia, un’importante fonte di vitamina PP

Come ho già specificato, la farcitura spicca per la ricchezza di ingredienti. Per esempio, comprende ben due tipi di carne: il prosciutto crudo e la salsiccia. Proprio su questa vorrei soffermarmi. Spesso viene tacciata di essere dannosa per la salute, eccessivamente grassa e povera dal punto di vista biologico… ma sarà vero? Ebbene, se consumata nelle giuste dosi, la salsiccia può dare molto e senza effetti collaterali.

E’ in primis una discreta fonte di proteine, come tutte le carni. E’ però ricca anche di ferro e di vitamine del gruppo B. Contiene, inoltre, anche tanta vitamina PP, la quale stimola la formazione di globuli rossi e sostiene il metabolismo a livello cellulare. La salsiccia è anche grassa, ma basta consumare le giuste quantità per non subirne le conseguenze.

Ecco la ricetta della faraona ripiena con mele e prosciutto crudo:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 1 faraona di circa 1 kg;
  • 150 gr. di carne macinata mista;
  • 50 gr. di salsiccia;
  • 100 gr. di prosciutto crudo;
  • 1 cipolla bianca;
  • 2 mele;
  • 1 uovo;
  • 1 bicchierino di Vecchia Romagna;
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della faraona ripiena con mele e prosciutto iniziate pulendo, lavando e asciugando la faraona. Poi aggiustate di sale al suo interno. Ora rimuovete la buccia e il torsolo dalla mela, poi tagliatela a cubetti e versatela in una padella con dentro due cucchiai di olio extravergine d’oliva per farla ammorbidire a fiamma bassa. Poi pelate la cipolla e tagliatela a fette sottili. Una metà versatela in un tegame con pochissimo olio e fatela appassire insieme al prosciutto crudo (tagliato a strisce sottili). A questo punto aggiungete la salsiccia, la carne macinata e fate rosolare per bene. Versate un bicchierino di brandy e fatelo sfumare, in seguito aggiustate di sale e pepe.

Quando la cottura è terminata, versate il contenuto della padella in una ciotola e fate raffreddare. Versate nella ciotola anche la mela appassita, l’uovo e mescolate fino ad ottenere un omogeneo composto da farcitura. Con questa farcite la faraona e legatela con uno spago da cucina, infine posizionatela su una teglia coperta di carta da forno. Poi date una spennellata di olio su tutta la superficie della faraone e fate cuocere in forno preriscaldato a 190 gradi per 1 ora e mezza. Di tanto in tanto, però, versate pochissima acqua sul fondo cottura per realizzare la salsa di accompagnamento, che frullerete a cottura terminata. A questo punto non rimane che servire e godervi questa splendida faraona ripiena con mele e prosciutto crudo.

5/5 (498 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale e sono molto facili da preparare. Le uova sono uno degli alimenti simbolo...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone. Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-04-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti