Confettura di mele e pompelmo rosa, davvero squisita

Confettura di mele e pompelmo rosa
Commenti: 0 - Stampa

Confettura di mele e pompelmo rosa, squisita

Se cercate una confettura diversa dalle altre, che sappia regalare aromi insoliti ma suggestivi, offrite una possibilità alla confettura di mele e pompelmo rosa. L’abbinamento potrà sembrarvi bizzarro, e in effetti è fuori dal comune, ma è comunque interessante e capace di regalare più di qualche soddisfazione. Anche perché la lista degli ingredienti non comprende delle mele qualsiasi, bensì le Granny Smith, una varietà particolare, che spicca per la croccantezza e la succosità, nonché per il sapore acidulo, che ricorda quello degli agrumi.

E’ proprio questa caratteristica a rendere possibile l’abbinamento con il pompelmo rosa, con il quale risulta in perfetto equilibrio organolettico. Tra l’altro, le Granny Smith sono anche belle da vedere, dotate di un bel colore verde acceso e di una buccia regolare. Potete evincerlo voi stessi dalla foto, che riporta le Granny Smith del mio albero. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, le Granny Smith, pur non spiccando rispetto alle altre varietà di mela, si difendono molto bene. Sono ricche di vitamina C, che impatta positivamente sul sistema immunitario, ma anche di sali minerali, e in particolare di potassio. Abbondando, inoltre, di antiossidanti, sostanze che esercitano una funzione positiva per molti organi e contrastano i radicali liberi, contribuendo alla prevenzione del cancro.

Il contributo organolettico del pompelmo rosa

L’altro protagonista della confettura di mele è il pompelmo rosa. Si tratta di un agrume molto interessante in quanto supera i tradizionali limiti delle classiche varietà di pompelmo e ne migliora i pregi. Il riferimento è in particolare al gusto, che risulta meno acidulo di quanto possiate immaginare. Non a caso, è utilizzato per realizzare degli ottimi succhi. Tra l’altro, questa “acidità equilibrata” gli consente di formare abbinamenti interessanti, come ad esempio con la mela.

Confettura di mele e pompelmo rosa

Tuttavia, il pompelmo è anche straordinariamente ricco di antiossidanti, più della maggior parte degli agrumi, dunque contiene molte sostanze che fanno davvero bene alla salute. Per esempio, possiede tantissimo licopene, che altrimenti potreste trovare solo nel pomodoro e in pochi altri alimenti. Inoltre, è ricco di vitamina C, ma anche di vitamina A e di betacaroteni, che sono dei precursori vitaminici.

Il pompelmo eccelle anche per quanto riguarda i sali minerali, e in particolare per il fosforo, il magnesio e il calcio. Infine, esercita una funzione riequilibrante per l’apparato cardiocircolatorio, riducendo la quantità di grassi nel sangue. Per quanto concerne questa ricetta, il pompelmo viene trattato come qualsiasi altra frutta da confettura, ossia va sbucciato accuratamente e cotto insieme agli altri ingredienti.

Il tocco di dolcezza dato dalla vaniglia

La lista degli ingredienti della confettura di mele e pompelmo rosa comprende anche la vaniglia. La vaniglia può essere considerata, almeno in questo caso, un ottimo elemento di supporto, in quanto capace di controbilanciare alcuni sentori un po’ troppo marcati. Mi sto riferendo al pompelmo rosa, che per quanto meno acidulo degli altri pompelmi, rimane comunque un agrume. La vaniglia gioca un ruolo importante, dunque, e conferisce alla confettura quella punta di dolcezza in più per essere apprezzata da tutti i palati, al di là dell’impatto – comunque determinante – dello zucchero.

Tra le altre cose, la vaniglia è ricca di alcuni elementi nutrizionali interessanti, come la vanillina, che è un antiossidante molto potente e in grado di neutralizzare gli effetti dei radicali liberi. La vaniglia, un po’ come le spezie, può essere considerata un buon antisettico naturale, per giunta con effetto calmante. Non è un caso che molti utilizzino prodotti derivati dalla vaniglia per attenuare l’insonnia o, molto banalmente, del buon latte caldo aromatizzato alla vaniglia. Per questa ricetta consiglio di utilizzare direttamente la crema di vaniglia.

Come sempre raccomando la pulizia e la sterilizzazione dei barattoli dove andrete a conservare la vostra confettura. E’ di vitale importanza. Un aspetto assolutamente da non sottovalutare.

Ecco la ricetta della confettura di mele e pompelmo rosa:

Ingredienti per 2-3 barattoli:

  • 600 gr. di pompelmi,
  • 600 gr. di mele Granny Smith,
  • 400 gr. di zucchero di canna,
  • 1 cucchiaino di crema di vaniglia.

Preparazione:

Per la preparazione della confettura di mele e pompelmo rosa iniziate igienizzando i barattoli e i tappi. Poi sbucciate il pompelmo, privandolo della parte bianca. Infine, pelate le mele e fatele e dadini. Ora versate le mele e i pompelmi in una pentola, poi versate anche due bicchieri di acqua, la crema di vaniglia e lo zucchero di canna. Accendete il fuoco e portate ad ebollizione, poi fate cuocere per altri 40 minuti a fiamma moderata. Terminata la cottura, versate la confettura, ancora calda, nei barattoli e sigillate capovolgendoli per farli raffreddare.

5/5 (450 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gelatina di ribes

Gelatina di ribes, un alleato in cucina

Gelatina di ribes, usi e applicazioni La gelatina di ribes rosso può essere preparata tranquillamente in casa, dal momento che richiede giusto un paio di ingredienti e non pone in essere...

Uva spina sotto spirito

Uva spina sotto spirito, una preparazione versatile

Uva spina sotto spirito, una preparazione dai tanti usi L’uva spina sotto spirito è la classica ricetta della nonna, ossia una conserva fatta in casa che fa riferimento alla migliore tradizione...

Confettura di uva spina

Confettura di uva spina, una confettura buona e...

Confettura di uva spina, una confettura fuori dal comune La confettura di uva spina è una confettura fuori dal comune. Il motivo risiede nelle peculiarità dell’ingrediente principale, ossia...

aglio marinato

Aglio marinato, una conserva buona e digeribile

Aglio marinato, un’idea utile L’aglio marinato è una splendida idea per una conserva diversa dal solito. Quando si parla di conserva si fa spesso riferimento ai pomodori, melanzane e ortaggi...

Cetrioli sotto aceto

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto...

Limoni confit

Limoni confit, come valorizzare un celebre agrume

Limoni confit, un’idea della cucina marocchina I limoni confit, o limoni sotto sale, rappresentano un unicum in questa categoria. Con il termine confit si intende in realtà un metodo di cottura...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-11-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti