Risotto con fichi e tomino, un risotto agrodolce

Risotto con fichi e tomino

Risotto con fichi e tomino: un accostamento coraggioso

Il risotto con fichi e tomino è un risotto particolare, anche perché in qualche modo spezza le regole del risotto tradizionale. In primis, per l’accostamento suggestivo, ovvero quello tra fichi e tomino. Di per sé, la presenza di un frutto in una preparazione salata potrebbe far storcere il naso ai puristi di alcune tradizioni culinarie nostrane. Tuttavia, appare originale l’associazione tra un frutto così dolce e un formaggio poco stagionato come è il tomino.

Si tratta di un accostamento coraggioso, certo, ma anche molto azzeccato. E’ sufficiente assaggiare questo delizioso risotto per rendersene conto. Anche perché i fichi non vengono posti soltanto a decorazione, come nelle maggior parte delle preparazioni che giocano sul contrasto dolce-salato, ma vengono integrati a fondo nella ricetta.

Tomino, un formaggio buono e versatile

Uno dei protagonisti della ricetta del risotto con fichi è il tomino, un formaggio dallo spiccato carattere regionale di origine piemontese e valdostana. Fino a qualche anno fa era poco conosciuto nel resto d’Italia, ma di recente è andato incontro a una diffusione importante. Questa è una dinamica positiva, che ovviamente non intacca il carattere locale di questo formaggio e anzi rende merito alla sua qualità.

Il tomino è un formaggio di piccola pezzatura, che si caratterizza per un colore particolarmente chiaro anche quando è molto stagionato. Può avere stagionature diverse, anche se il tomino classico si caratterizza per una stagionatura che in genere non va oltre i due mesi. Per questa preparazione si consiglia proprio il tomino invecchiato per favorire una completa mantecatura.

Risotto con fichi e tomino

Il ruolo dei fichi nelle preparazioni salate

Come ho già detto, la presenza della frutta nelle preparazioni salate non fa parte, non a pieno a titolo almeno, della cultura culinaria italiana. Il fico, però, si presta molto a questo genere di manovra gastronomica. E’ infatti uno dei frutti più dolci in assoluto e quasi del tutto privo di note acidule, capaci di formare un contrasto forse eccessivo e coprente.

Il ruolo dei fichi nella ricetta che stiamo trattando oggi è decisivo, quindi va oltre l’impiattamento e la decorazione. Anche perché viene inserito praticamente a metà cottura, in modo che si amalgami alla perfezione con il riso e gli altri ingredienti. Il risultato è eccellente, in grado di offrire un caleidoscopio di sentori tutto da gustare.

Ecco la ricetta del risotto con fichi e tomino

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di riso Carnaroli
  • 1 scalogno
  • 8 fichi maturi
  • 2 tomini del Boscaiolo
  • 1 bustina di zafferano
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 lt e 1/2 brodo vegetale
  • una manciata di gherigli di noce
  • q. b. di pepe nero

Preparazione:

Iniziate a preparare il risotto con fichi e tomino mettendo in una casseruola un po’ di olio, scaldatelo e rosolate leggermente il trito (fine) di scalogno; poi aggiungete il riso che farete tostare mescolando per bene. Versate ora mezzo bicchiere di vino e fate sfumare. A questo punto aggiungete un mestolo scarso di brodo molto caldo e fate cuocere integrando con un po’ di brodo ogni tanto. Dieci minuti prima che il riso termini la cottura, inserite in pentola i fichi che avete precedentemente sbucciato e tagliato a pezzetti. Conservate due pezzi di fichi per la decorazione finale.

Un minuto prima del termine della cottura aggiungete lo zafferano che avrete sciolto in un po’ di brodo. Quando il riso è cotto spegnete il fuoco, mantecate con i tomini tagliati a pezzi e fate riposare per un paio di minuti. Impiattate decorando il riso con gli spicchi di fichi che avete conservato in precedenza e spolverizzando con un po’ di noci tritate e pepe nero.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


09-09-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti