Risotto con la zucca al sapore d’amaretto: per chi non si accontenta del solito risotto!

Tempo di preparazione:

Siete alla ricerca di una ricetta sorprendente? Ecco il risotto con la zucca al sapore d’amaretto!

Il risotto con la zucca al sapore d’amaretto è il classico piatto che può andare bene sia in occasione di una cena con amici in cui bisogna ben figurare, sia per il pranzo della domenica per la celebrazione di una festività in particolare. A parte la zucca, gli altri ingredienti che possono essere visualizzati nell’elenco sotto, sono alla portata di tutti e si possono acquistare in qualunque supermercato.

I costi per la realizzazione di questa ricetta sono alla portata di qualunque tasca. I tempi di preparazione di questo piatto si aggira intorno ai 30-45 minuti. Considerata che la zucca è disponibile soltanto in alcuni momenti dell’anno, vale a dire in inverno, questo primo piatto è consigliabile di prenderlo in considerazione in quel periodo, modo tale da utilizzare la zucca fresca.

Da parte del leone, per quanto concerne il sapore ma anche i valori nutrizionali che riesce a fornire il risotto con la zucca al sapore d’ amaretto spetta alla zucca stessa. Pertanto, nel paragrafo che segue, ci occuperemo di analizzare nello specifico quali sono le principali valori nutrizionali offertaci da questo importante ortaggio.

Le principali proprietà benefiche del risotto con la zucca al sapore d’amaretto

Come accennavo poc’anzi, i principali contributi in termini di benefici e sapori derivano proprio dall’utilizzo della zucca, quando si prepara il risotto con la zucca al sapore d’amaretto. Malgrado la sua dolcezza, la zucca presenta delle caratteristiche ben precise, che la rendono ipocalorica e pertanto compatibile anche con le esigenze di chi è affetto da diabete. In 100 g di prodotto, è presente quasi il 95% di acqua.

Vi sono circa il 4% di carboidrati, grassi prossimi allo zero, così come le proteine. Per via del suo colore arancione, invece, la zucca è costituita prevalentemente da carotene e provitamina A. Al suo interno sono rinvenibili le più importanti sostanze minerarie per l’attività del nostro organismo, quali ferro, magnesio, potassio, fosforo. Vi sono diverse vitamine appartenenti al gruppo B e un buon quantitativo di vitamina C.

Anche i semi di zucca contengono delle sostanze minerali rilevanti che, in maggior misura, sono rappresentati da zinco, selenio, manganese e rame. Grazie semi di zucca, inoltre, viene prodotto un importante olio che può essere utilizzato contro eventuali irritazioni gastriche, disturbi alla prostata, infiammazioni alla vescica. Si ricorda che la massiccia presenza di carotenoidi rende la zucca uno degli alimenti in prima linea nel campo della prevenzione per i tumori. Tra le altre proprietà benefiche, si segnalano quella diuretica, rinfrescante e digestiva.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di riso carnaroli
  • 2 cucchiai di cipolla tritata
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 250 g di polpa di zucca ben pulita
  • 15 amaretti senza glutine Lazzaroni
  • 2 cucchiai di olio extravergine oliva
  • 1 lt di brodo vegetale
  • q.b. sale

Preparazione:

Tagliate la polpa della zucca a fette e poi a cubetti piccoli. Mettete l’olio in un tegame, poi aggiungete la cipolla e fate appassire. Unite la zucca e fate rosolare mescolando spesso, poi sfumate con il vino.

Versate quindi il riso e mescolate per altri 2 minuti, poi aggiungete un mestolino di brodo bollente e portate a cottura unendo altro brodo bollente man mano che asciuga.

Non appena il risotto è pronto, togliete dal fuoco, aggiungete gli amaretti sbriciolati molto bene, mescolate e servite in tavola.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *