logo_print

Uova alla Benedict per una colazione iper-proteica

Uova alla Benedict
Stampa

Uova alla Benedict, il simbolo della colazione all’americana

Le uova alla Benedict sono una pietanza della tradizione americana, uno dei tanti pasti che vengono consumati a colazione. Questa, come tutti sanno, è diversa dalla classica colazione mediterranea in quanto è prevalentemente salata, ricca di carboidrati ma anche di proteine. Le uova alla Benedict incarnano questo spirito ed esprimono i valori nutrizionali tipici del “breakfast” americano. Sono anche facili da preparare e richiedono pochissimo tempo da passare ai fornelli. Oggi vi presento una variante tutto sommato classica delle uova alla Benedict, a cui però ho aggiunto come accompagnamento la salsa olandese. A questa dedicherò il prossimo paragrafo.

In questo paragrafo vorrei soffermarmi un po’ sui valori nutrizionali. Le uova alla Benedict sono un pasto completo, infatti contengono sia carboidrati che proteine. I primi sono dati dal pane, che funge da base per l’uovo, mentre le proteine sono garantite dall’uovo e dal bacon. Ovviamente, si segnala una certa quantità di grassi, dati proprio da questi due ingredienti. Le uova alla Benedict non sono una ricetta ipocalorica. Tuttavia, come dimostrano l’esperienza e alcuni studi scientifici, se c’è un momento della giornata in cui è possibile “sgarrare” è proprio la colazione della mattina; avrete sempre una giornata davanti per smaltire le calorie assunte.

La salsa olandese, uno special guest nella nostra ricetta

L’unica variazione sul tema delle classiche uova alla Benedict è proprio la salsa olandese. E’ una delle principali salse della cucina francese. La sua storia è tuttavia travagliata, e tra notizie certe e leggende, riguarda sia la Francia che l’Olanda. In estrema sintesi, se ne fa menzione per la prima volta nel famoso manuale di cucina “Le Cuisinier Francois” di Pierre La Varenne (anno 1651), che però ne assegna la paternità ai Paesi Bassi. Secondo l’autore, è stata portata in Francia dai cuochi olandesi al seguito del re d’Orange in visita a Parigi.

Uova alla Benedict

Al di là delle incertezze storiche, della salsa olandese si può affermare che ha molto in comune con la maionese, rispetto alla quale però contiene il burro. Inoltre, viene realizzata con un procedimento particolare, che non prevede un’operazione di montatura. Questa è sostituita da una fase di miscelazione a temperatura moderata. In buona sostanza, si pone a bagnomaria una miscela di tuorli e burro, si mescola e poi una volta che il burro si è sciolto se ne aggiunge altro. Il procedimento non è granché complicato ma impone comunque una certa manualità.

Il sapore ricorda quello della maionese, ma rispetto a quest’ultima è più delicato. La salsa olandese accompagna degnamente verdure, carne e uova (preparate nei modi più disparati).

Il bacon tra grassi e apporto di proteine

Nella classica colazione americana, il bacon non può mancare. Questa colazione a base di uova alla Benedict non fa eccezione. Il bacon è un alimento molto consumato negli Stati Uniti ed è guardato con qualche sospetto dai salutisti nostrani. Va detto, però, che il bacon è assimilabile alla nostra pancetta, alla stessa pancetta che utilizziamo per molti pasti salati, tipicamente riservati al momento del pranzo. Ciò non implica che i timori sulla salubrità del bacon siano infondati. In effetti sì, il bacon è grasso: 100 grammi di prodotto contengono ben 42 grammi di grassi. Buona parte di questi, poi, sono saturi, quindi in linea teorica fanno male all’organismo.

Il bacon, così come la pancetta, vantano comunque delle virtù. A prescindere dalla presenza di grassi, è comunque ricco di proteine. Anzi, il bacon è composto per il 21% di proteine, praticamente come qualsiasi carne rossa. Per quanto riguarda la questione dei grassi, c’è un metodo efficace per quanto classico per evitare che compromettano la linea, ossia non abusare dell’alimento. Come in questa ricetta del resto, che impone il consumo di 1 o 2 fette di bacon a testa.

Ecco la ricetta delle uova alla Benedict:

Ingredienti per 6 persone:

  • 4 fette di pane in cassetta consentito;
  • 20 gr. di burro chiarificato;
  • 8 fette di bacon;
  • 4 uova;
  • 1 cucchiaio di aceto di riso;
  • q. b. di paprika dolce;
  • q. b. di maggiorana.

Per la salsa olandese:

  • 3 tuorli d’uovo;
  • 175 gr. di burro chiarificato;
  • 2 cucchiai di succo di limone;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle uova alla Benedict iniziate tagliando in due le fette di pane, cospargetele di burro e fatele dorare leggermente al grill, poi conservatele al caldo. Ora riscaldate una padella antiaderente e cuocete senza aggiungere grassi le fette di bacon, fino a completa tostatura. Conservate al caldo anche le fette di bacon. Poi fate bollire un po’ di acqua in una pentola, versateci le uova private dal guscio, l’aceto e fate cuocere così per 3 minuti. Adagiate le fette di pane tostato sui piatti, ponete su ognuna di esse una fetta di bacon. Poi scolate le uova e posizionatele sulle fette di pane, coprendole con la salsa olandese. Date una sventagliata di paprika dolce e decorate con un po’ di maggiorana. Servite e buon appetito!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti