Le uova di merlo: piccole, colorate e speciali!

uova di merlo

È impossibile non riconoscere le uova di merlo!

Le uova di merlo: piccole, colorate e speciali!. Le uova di Marans sono di un color bruno simile al cioccolato, quelle della gallina Araucana sono di un azzurro chiaro, quelle di emù sono di color smeraldo… e le uova di merlo? Queste sono piccole e azzurre! Sono difficili da vedere e questo è certo. Ma quando le troviamo e le osserviamo, sicuramente non possiamo dimenticarcele: sono inconfondibili e indimenticabili.

Perciò, il mondo delle uova è ricco di colori diversi e di numerose peculiarità, e le uova di merlo sono davvero speciali. Il merito va naturalmente a chi le depone: la Turdus merula. Si tratta di un volatile che appartiene alla famiglia dei turdidi e che siamo abituati a veder volare anche nelle nostre città.

Ecco il merlo e le sue caratteristiche

Certamente, sapete di chi sto parlando… Con il suo piumaggio nero, morbido e folto, e con il suo becco arancione, il merlo è un uccello particolare e molto riservato. La femmina è più piccola del maschio, ha le piume più chiare (tendenti al grigio e al marrone) e vanta un becco di colore scuro, caratterizzato dalla presenza di minuziose sfumature di giallo. Chiaramente, è lei a deporre le uova di merlo, all’interno di un piccolo nido creato in un posto sicuro, nascosto e al riparo dagli sguardi indiscreti.

merlo

Esiste più di una specie di merlo e alcune sono molto speciali. Ad esempio, il Merlo Torquato ha una parte di piumaggio bianco proprio sul petto… Ad ogni modo, il canto di questi esemplari non cambia: è un fischiettio allegro e simpatico! Lo stesso vale per le uova di merlo, che sono sempre piccole e azzurre, indipendentemente dalla specie. Sono delicate e il guscio non è molto resistente, ma deponendole nel posto giusto… ogni mamma può sentirsi al sicuro!

Altre curiosità sulle uova di merlo (e non solo)

Secondo alcune stime, in Italia ci sono circa 5 milioni di coppie di merli, mentre in Europa superano i 70 milioni. Tuttavia, si trovano anche in Africa, in Asia e in alcune isole come le Azzorre e le Canarie. D’inverno migrano verso le aree più calde del bacino del Mediterraneo e, quando invece si trovano in una zona dal clima temperato, non si spostano neanche durante il periodo invernale. Le uova di merlo vengono spesso deposte nei boschi e nei sottoboschi, ma anche negli alberi e nei cespugli più fitti.

La stagione degli amori è sempre quella della primavera e finisce a luglio: è proprio in questo periodo che vengono deposte circa 4-6 uova di merlo per ogni coppia. In un nido costruito con erba, rametti e fango, e foderato con un po’ di muschio e piume nella parte interna, la mamma coverà per due settimane e il padre farà la guardia, mantenendo il predominio sul suo territorio. Con un fischio avvertirà dell’eventuale pericolo… e la femmina proteggerà le sue uova!

Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Le uova di merlo: piccole, colorate e speciali!

  • Gio 22 Lug 2021 | Flavio ha detto:

    Ciao, ho visto tutti i vari tipi di uova e sono stupita. A casa mia più che uova di gallina e di quaglia non mangiamo altro. Devo trovare qualcuna di queste uova e fare qualcosa. Grazie per le informazioni utilissime che mi hai dato.

    • Gio 22 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Ciao Flavio eh si, esistono molti tipi di uova commestibili. Ognuno ha la sua peculiarità. L’unico neo è che tanti non si trovano al supermercato ma devi rivolgerti a un contadino o a un’azienda agricola.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

16-02-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti