logo_print

Paccheri con capesante e pomodorini, semplice bontà

Paccheri con capesante e pomodorini
Stampa

Che leccornia questi paccheri con le capesante ed i pomodorini!

Se volete sorprendere i vostri commensali con un delizioso piatto di mare, i paccheri con capesante e pomodorini sono una soluzione ideale, meravigliosamente saporiti e profumati. In più, soprattutto se decidiamo di servire questo piatto mettendo i paccheri nelle conchiglie, possiamo portare a tavola una portata elegantissima, fine, delicata e sfiziosa allo stesso tempo. A livello di allergie dobbiamo sottolineare che le capesante possono essere potenzialmente allergizzanti, per questo motivo se ne sconsiglia il consumo in gravidanza o per l’alimentazione dei bambini.

Gusto e consistenza di questi molluschi costituiscono però un vero punto forte, tanto da rendere questo piatto una prelibatezza da consumare senza troppi pensieri, sporadicamente certo, ma con estremo piacere. Per ottenere il massimo della bontà e della freschezza da questa materia prima, impariamo ad attenerci ai periodi di stagionalità. In particolare, per le capesante, i mesi migliori sono quelli compresi tra maggio e settembre, in più il mese di dicembre. Probabilmente, potrete trovare al mercato le capesante tutto l’anno, ma sarà proprio nei mesi indicati che potrete assaporarle al meglio ed utilizzarle per comporre piatti migliori.

Le proprietà nutrizionali delle capesante

I paccheri con pomodorini hanno come evidenti protagoniste le capesante, mitili dallo straordinario sapore e dalle ragguardevoli proprietà nutrizionali. È importante sapere, ad esempio, che le capesante contengono significativi livelli di vitamina B12, un elemento essenziale per il funzionamento e lo sviluppo delle capacità cognitive e della concentrazione. Sembrerebbe, infatti, che l’assunzione di capesante potrebbe ridurre il rischio di contrarre l’Alzheimer, una patologia che compromette direttamente le capacità cognitive.

Anche questi mitili, come diversi prodotti del mare, sono ricchi di acidi grassi omega 3, zinco e sodio. La presenza di sodio e la ricchezza di colesterolo, rendono questo milite poco adatto alla dieta dei soggetti affetti da ipertensione. Il contenuto di sali minerali ed in particolare del magnesio e del potassio, rendono l’assunzione di capesante utile per sostenere la salute del cuore, rilassare le pareti dei vasi sanguigni ed abbassare la pressione.

Relativamente all’intolleranza per i metalli pesanti, il consumo di mitili (ed in particolare delle capesante) è da ritenersi sconsigliato in quanto, proprio nella loro vita in mare, i mitili filtrano le acque e spesso assorbono queste sostanze nelle quantità presenti nel loro habitat naturale.

Paccheri con capesante e pomodorini

Un primo che ci lascia sempre estasiati

Come vedrete, la preparazione dei paccheri con capesante e pomodorini non presenta particolari insidie tecniche ed è anzi una pietanza che possiamo preparare in fretta e con semplicità. Potendo disporre di una buona materia prima, fresca e pregiata, acquistata dal nostro rivenditore di fiducia, il risultato sarà una delizia innegabile. I paccheri sono il formato ideale per queste pietanze a base di sapori del mare e, a nostro avviso, ci consentono di esaltare al meglio il gusto delle capesante.

Lo avrete visto, quando un ingrediente ci piace, amiamo riproporlo in tante vesti ed in tante ricette. Anche in questo caso possiamo dirlo, le capesante seguono il nostro estro ed abbiamo potuto sfruttarle nelle pietanze per antipasti, primi o secondi. Avete già provato il nostro couscous con capesante e melanzane? O magari una sfiziosa zuppetta di capesante, lenticchie ed olio alla vaniglia? Sfogliando questo blog potrete scegliere la versione migliore delle capesante, quella che più si addice al vostro gusto o magari quella che meglio si presta all’occasione per cui sono state pensate.

Ogni menù merita il suo fiore all’occhiello e, senz’altro, le capesante sapranno proporsi come piatto prestigioso, elegante e nutriente. Non abbiamo dubbi in merito al successo che sicuramente riscuoterete servendo questi deliziosi paccheri con capesante e pomodorini. Con una portata a base di capesante potremo rendere chic qualsiasi menù e magari adattarlo a delle grandi occasioni. Capodanno? Compleanno? San Valentino? Cera romantica o in famiglia? Ogni cena sarà quella giusta, servendo un piatto vincente, buono ed elegante come questo!

Ed ecco la ricetta dei paccheri con capesante e pomodorini:

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 gr. di paccheri consentiti
  • 16 capesante pulite e pronte per la cottura
  • 400 gr. di pomodorini pachino
  • ½ cipolla
  • 1 rametto d’origano fresco
  • 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Per preparare i paccheri con capesante e pomodorini, cominciate dedicandovi alla pulizia della cipolla. Sbucciatela e tritatela finemente, dopo di che lavate accuratamente i pomodorini e tagliateli a metà. Lavate l’origano ed asciugatelo. Mettete, poi, una padella a scaldare con dell’olio e soffriggete la cipolla. Infine, aggiungete i pomodorini e lasciate cuocere per circa cinque minuti. Trascorso il tempo indicato, aggiungete le capesante ed aggiustate di sale. Attendente ulteriori cinque minuti affinché possano cuocere anche le capesante.

Mettete i paccheri a lessare in abbondante acqua, leggermente salata. Scolate la pasta al dente ed aggiungetela direttamente alla padella con capesante e pomodorini. Spadellate assieme tutti gli ingredienti per qualche secondo, dopo di che spegnete il fuoco. Impiattate le porzioni e completate il piatto con l’aggiunta di un po’ di origano ed un filo d’olio. Se vi piace, potrete servire le porzioni direttamente nelle conchiglie delle capesante per un effetto ancor più scenografico. Gustate questo piatto ben caldo e buon appetito!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


25-07-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti