bg header
logo_print

Paccheri ripieni al forno, un primo speciale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Paccheri ripieni gratinati al forno
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.8/5 (11 Recensioni)

I paccheri ripieni al forno sono un primo piatto speciale. Sono deliziosi, facili da preparare e moderatamente leggeri. Inoltre non contengono nichel, una caratteristica rara per una ricetta di qualsiasi tipo, d’altronde questa sostanza è presente un po’ dappertutto. Non si tratta di un dettaglio di poco conto, infatti l’intolleranza al nichel è fastidiosa e può essere anche molto pericolosa. Chi è intollerante al nichel può avere sintomi sia localizzati (dermatite) sia sistemici.

Per il resto, si tratta di un primo piatto capace di soddisfare la vista e il palato. A partire dal ripieno che si compone di bietole e ricotta, il tutto arricchito da un’abbondante dose di Grana Padano grattugiato e dalle uova. Un composto che va a nozze con i paccheri, che d’altronde sono tra i formati di pasta più adatti ai ripieni. I paccheri fanno parte della tradizione napoletana, ma sono diffusi in tutta Italia. Come sicuramente già saprete, assumono le sembianze di “maccheroni giganti”, dalla grana liscia e realizzati generalmente con la semola di grano duro. In commercio esistono comunque numerose variante realizzate con farine alternative, che possono essere consumate anche dai celiaci. La pasta al forno è sempre gradita!

Ricetta paccheri ripieni al forno

Preparazione paccheri ripieni al forno

Per la preparazione dei paccheri ripieni gratinati al forno iniziate precuocendo i paccheri in acqua bollente leggermente salata per metà del tempo indicato. Devono essere al dente in modo da poter completare la cottura in un secondo momento. Scolate i paccheri, conditeli con un giro d’olio per evitare che si attacchino tra di loro e fateli intiepidire. Ora scolate la ricotta e adagiatela su uno straccio pulito, che strizzerete per bene. Si tratta di un accorgimento necessario per privare la ricotta di quanto più siero possibile. Versate la ricotta così “spurgata” in una ciotola, condite con l’olio a filo e lavorate il composto con una frusta in modo che assuma la consistenza di una crema.

Intanto bollite brevemente le bietole (basta un minuto), poi scolatele e fatele raffreddare dopo averle strizzate per bene. In una padella scaldate l’olio, aggiungete l’aglio sbucciato e rosolate le bietole, infine regolate con un po’ di sale e di pepe. A cottura ultimata, eliminate l’aglio, fate raffreddare e tritate per bene le bietole. Ora prendete una ciotola e mettete l’uovo, le bietole, un po’ di sale, la crema di ricotta e il Grana grattugiato. Mescolate con cura e riempite una sac à poche con un beccuccio tondo. Ungete una pentola da forno con l’olio d’oliva. Poi farcite i paccheri con il ripieno alla ricotta e alle bietole. Adagiate il pacchero ripieno nella pentola, in piedi uno accanto all’altro. Date una spolverata di Grana grattugiato e cuocete a 180 gradi per 20 minuti. Servite il piatto caldo e buon appetito.

Ingredienti paccheri ripieni al forno

  • 360 gr. di paccheri consentiti
  • 500 gr. di bietole fresche
  • 450 gr. di ricotta consentita
  • 90 gr. di Grana Padano grattugiato
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 uovo
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale.

Tutta la potenza nutrizionale delle bietole fresche

Tra i protagonisti di questi paccheri imbottiti al forno spiccano le bietole. Stiamo parlando di una verdura molto consumata, sebbene sia data un po’ troppo per scontata. Eppure si difende molto bene dal punto di vista nutrizionale. Per esempio è ricca di fibre e di acqua, tanto da essere allo stesso tempo depurativa e moderatamente digestiva. E’ ricca anche di vitamine e sali minerali. Si segnalano, inoltre, significative dosi di vitamina C, vitamina A e vitamine E; quest’ultima vanta una funzione antiossidante, dunque aiuta a prevenire il cancro.

Paccheri ripieni gratinati al forno

Tra i sali minerali si apprezzano il potassio e il magnesio. Infine, le bietole contengono anche molto betacarotene (in genere associato al colore arancione). In occasione di questa ricette le bietole vanno prima scottate in acqua bollente, poi rosolate con un po’ di aglio e sminuzzate per bene. Infine, vanno a comporre il ripieno insieme alla ricotta, al Grana Padano e all’uovo.

Le proprietà organolettiche della ricotta

La ricotta, utilizzata nei paccheri al forno, è uno dei formaggi più apprezzati in assoluto. Ciononostante è oggetto di alcuni pregiudizi, alcuni dei quali la vorrebbero troppo grassa e quindi in grado di nuocere alla linea. In realtà la ricotta non è poi così calorica, non se la si confronta con gli altri formaggi della medesima categoria. Nello specifico apporta 174 kcal per 100 grammi, invece il Parmigiano Reggiano ne apporta quasi 400.

La ricotta non è esattamente un toccasana, ma vanta comunque delle buone proprietà nutrizionali. Nonostante la percentuale di acqua, molto elevata, è ricca di proteine. Inoltre contiene molto calcio, quasi come il latte, che impatta positivamente sulla salute delle ossa. In occasione di questa ricetta, la ricotta va privata del suo siero e “spurgata”. Successivamente va lavorata con l’olio in modo da formare una crema, per poi essere unita agli altri ingredienti per formare il ripieno.

I paccheri  vengono chiamati anche schiaffoni e il loro nome deriva dal greco, la lingua degli antichi abitatori di Partenope, il primo nucleo di Napoli. Il termine pacchero viene da “πας” (tutto) e “χειρ” (mano), traducibile come “a mano piena”, a indicare appunto lo schiaffo dato a mano aperta, anche detto pacca.

Allo stesso modo degli schiaffoni ripieni potete fare i conchiglioni ripieni. Io non li ho trovati senza glutine nel mio supermercato.

Ricette di paccheri ripieni e non ne abbiamo? Certo che si!

4.8/5 (11 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa di legumi con funghi e castagne

Zuppa di legumi con funghi e castagne, una...

Come scegliere i legumi La ricetta della zuppa di legumi con funghi e castagne è pensata per garantire ampia flessibilità nella scelta degli ingredienti. Di base potete utilizzare i legumi che...

Ravioli con sugo di pesce

Ravioli con sugo di pesce, un primo piatto...

Come preparare il sugo di pesce Il pezzo forte di questo primo piatto di pasta a base di ravioli è il sugo di pesce. Potremmo considerarlo come una sorta di ragù “ittico”, specie se si guarda...

Riso Jasmine con tofu

Riso Jasmine con tofu, un bel primo orientale...

Cosa sapere sui germogli di fagioli mungo Prima di parlare della ricetta del riso Jasmine facciamo un bella panoramica degli ingredienti in gioco, o almeno di quelli che meritano una menzione...