Pennette alla mediterranea, il top dei sapori italiani

Pennette alla mediterranea
Commenti: 0 - Stampa

Pennette alla mediterranea al forno, una ricetta semplice e gustosa

Le pennette alla mediterranea al forno è una ricetta molto semplice, veloce, e squisita. E’ un modo per garantire a se stessi e ai propri commensali un pasto gustoso con il minimo sforzo. Anche gli ingredienti sono semplici, e molto reperibili: le pennette, la salsa di pomodoro, i capperi, il parmigiano, la maggiorana, olio e sale. Basta questo per realizzare questa variante di pasta al forno. Per quanto riguarda il tipo di pasta, vi consiglio di seguire le indicazioni e quindi di optare le pennette: in quanto il taglio “piccolo” si presta a questo genere di preparazione, e garantisce una certa stabilità al prodotto finale.

La ricetta è molto facile, quasi banale e a portata di principiante. Si tratta, infatti, di realizzare un mix di condimenti, versarci dentro la pasta cotta al dente, mettere tutto in una pirofila e ricoprire con un’abbondante sventagliata di parmigiano. Il tocco finale è dato dalla maggiorana e dai capperi, che vengono addizionati sul finire della preparazione, a mo’ di guarnizione. Per quanto siano in parte simili nei sapori e nei colori, le pennette alla mediterranea non hanno nulla a che vedere con le lasagne. Manca infatti la besciamella e non sono presenti strati. In generale, si pongono nella tradizione delle paste al forno italiane.

Gli insospettabili pregi dei capperi, una fonte eccellente di fibre

Uno degli ingredienti principali delle pennette alla mediterranea al forno è il cappero. Il suo impatto in termini di gusto è davvero notevole, anche perché viene impiegato in due fasi distinte: la prima quando si prepara il condimento, la seconda quando si procede con la decorazione finale. I capperi sono alimenti ben noti alla cucina italiana, soprattutto quella di taglio più spiccatamente mediterraneo. Spesso, però, i loro benefici passano in sordina, o vengono dati per scontati. E’ bene spendere qualche parola in più per un alimento dalle notevoli caratteristiche nutrizionali.

Pennette alla mediterranea

Innanzitutto, i capperi sono una fonte eccellente di fibre, il ché impatta positivamente sui processi digestivi e contribuisce ad equilibrare la flora batterica. I capperi sono anche ricchi di sali minerali, e in particolare di calcio, magnesio, potassio e fosforo. I capperi si fanno apprezzare anche per l’apporto vitaminico davvero notevole, il riferimento è alle vitamine A, C e K. Un altro pregio dei capperi consiste nelle concentrazioni elevate di flavonoidi e betacarotene, che fungono da antiossidanti e quindi contrastano efficacemente l’azione dei radicali liberi. Ovviamente i capperi sono anche ipocalorici, dal momento che apportano poco più di 20 kcal per 100 grammi.

Le proprietà nutritive della maggiorana

Anche la maggiorana gioca un ruolo di primo piano nella ricetta delle pennette alla mediterranea. Proprio come i capperi interviene in due fasi distinte, all’inizio e alla fine del procedimento. All’inizio per realizzare il condimento, alla fine per guarnire il piatto. Il ruolo della maggiorana è dunque notevole, anche perché si tratta di una specie aromatica in grado di arricchire e valorizzare gli altri sapori, senza però coprirli. Il suo aroma, per quanto riconoscibilissimo, è anche piuttosto delicato. Della maggiorana si apprezzano anche le caratteristiche intrinseche, che sfociano quasi nella sfera terapeutica.

La maggiorana, per esempio, è ricca di vitamina C, in proporzione più ricca delle arance e degli altri agrumi. Inoltre, esercita proprietà benefiche e di taglio più squisitamente terapeutico. Infatti, contribuisce ad alleviare i dolori alle articolazioni e ai muscoli. La maggioranza esercita anche proprietà digestive, antierpetiche, antispasmodiche. Esercita anche un effetto calmante sullo stomaco e contribuisce ad ottimizzare le difese immunitarie (dunque a prevenire raffreddore, bronchiti etc.). Per quanto riguarda il sapore ricorda leggermente l’origano, però si presenta più delicata rispetto a quest’ultimo. Insomma la maggioranza è un alimento prezioso, che arricchisce le pennette alla mediterranea e consente loro di compiere un ulteriore salto di qualità.

Ecco la ricetta delle pennette alla mediterranea al forno:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di pennette consentite;
  • 200 ml. di salsa di pomodoro;
  • 2 cucchiai di capperi;
  • 250 gr. di mozzarella consentita;
  • 50 gr. di parmigiano reggiano grattugiato;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • 2 rametti di maggiorana fresca;
  • peperoncino (facoltativo e a piacere);
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle pennette alla mediterranea prendete una ciotola di terracotta, poi versate e amalgamate la mozzarella tagliata a cubetti, la salsa di pomodoro, i capperi (non usateli tutti in quanto vi serviranno anche per l’ultima fase), un po’ di peperoncino e qualche foglia di maggiorana. Cuocete le pennette in acqua poco salata, scolatele al dente e raffreddatele rapidamente con l’acqua fredda. Poi versate la pasta nella ciotola contenete il condimento e mescolate con cura.

Ungete una pirofila con olio extravergine d’oliva e versate le penne dando un’abbondante sventagliata di parmigiano in modo da coprire interamente la superficie (un po’ come fareste con le lasagne). Cuocete al forno a 200 gradi per 10 minuti, poi estraete la pirofila e decorate con i capperi rimasti e qualche altra foglia di maggiorana. Servite e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti