Fettuccine al sugo di agnello per il pranzo

Fettuccine al sugo di agnello

Avete mai assaporato le fettuccine al sugo di agnello?

Nutrimento e gusto a volontà: queste sono le parole d’ordine che accompagnano ogni buon piatto di fettuccine al sugo di agnello. Sono un primo piatto sostanzioso, che piace sia agli adulti che ai bambini. Si presentano come una pietanza adatta al pranzo, alla cena, agli incontri domenicali in famiglia, alle festività e a tutte le occasioni speciali.

Regalano una buona dose di energia, tante proteine, fibre, carboidrati e bontà. In pratica, si rivelano un piatto perfetto sotto ogni punto di vista… Ma analizziamo la ricetta un po’ più nel dettaglio e poi andiamo a portarla in tavola per deliziare i nostri palati, quelli dei nostri familiari, amici e parenti!

Le principali caratteristiche della carne di agnello

L’agnello da latte è un tipo di carne di facile digestione e di alto valore nutritivo, è ben tollerato anche da chi soffre di allergie alimentari e ha un basso contenuto calorico. La sua particolarità è data dal fatto che può essere cucinato in mille modi diversi. Solitamente, l’agnello da latte, detto anche abbacchio, è un esemplare che viene nutrito solo con il latte materno e non va oltre le 4 settimane di vita, ed è caratterizzato da carne tenera e delicata.

Pertanto, è un’alternativa molto valida al normale ragù di vitello o di maiale. Grazie a questo ingrediente, le fettuccine al sugo di agnello vantano un sapore intenso e deciso e permettono di presentare un ottimo condimento, capace di stupire i vostri ospiti, pur non spendendo una follia, visto che la carne d’agnello non ha dei costi esagerati.

Fettuccine al sugo di agnello

Inoltre, dobbiamo considerare che si tratta di un pasto che offre proteine ad alto valore biologico e una buona quantità di vitamine del gruppo B. La carne dell’agnello fa parte delle carni magre e, pertanto, può essere assaporata con tranquillità anche da chi desidera tenere sotto controllo la linea. L’apporto di colesterolo non è eccessivo, ma propone invece valide dosi di potassio, ferro e niacina (vitamina PP).

Credo che adesso, non vi resti altro che provare le fettuccine

Naturalmente, per ottenere il meglio da questo primo piatto, sarà necessario scegliere alimenti di qualità, non solo per quanto riguarda la carne, ma anche a proposito degli altri ingredienti. Vi spiegherò anche come preparare la pasta in casa, approfittando del supporti di farine gluten-free, come quella di riso, quella di quinoa e la farina di mais, e delle uova.

Adesso andiamo a preparare le fettuccine al sugo di agnello. Gustatele, assaporate con attenzione il condimento e…. fatemi sapere cosa ne pensate! Sicuramente, questo primo piatto vi farà riscuotere tanto successo e vi permetterà di ricevere tanti complimenti. Non si prepararo solo per il pranzo di Pasqua!!!

Ingredienti per 4 persone

per la pasta

  • 200 gr. di farina di riso finissima
  • 140 gr, di farina di quinoa
  • 60 gr. di farina di mais
  • 4 uova

per il sugo d’agnello

  • 750 gr. di agnello da latte,
  • 500 gr. di polpa di pomodoro,
  • 50 gr. di guanciale di maiale,
  • verdure per soffritto (scalogno,carota,sedano)
  • 1 spicchio di aglio, alloro,  maggiorana
  • un rametto di rosmarino.
  • 200 ml di vino rosso o vino bianco secco,
  • 2 cucchiai di olio extravergine,
  • 100 gr. di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato,
  • sale e pepe nero

Preparazione

Setacciate le farine e disponete a fontana  sulla spianatoia e rompetevi nel centro le uova e con una forchetta amalgamate piano gli ingredienti, quindi impastate con le mani e lavorate con una certa energia per circa un quarto d’ora, fino a quando otterrete un impasto sodo e appariranno sulla superfi­cie minuscole bollicine d’aria.

Raccogliete l’impasto dandogli la forma di una palla, avvolgetelo in un panno legger­mente umido e lasciatelo riposare, per circa 30 minuti, in luogo fresco.

Con la mano aperta appiattite quindi la palla di pasta e, con il matterello, stendetela sulla spianatoia infarinata, in modo da ottenere una sfoglia uniformemente sottile, facendo attenzione a non lacerarla. Man mano che stendete la sfoglia, spolverizzate con poca fa­rina la superficie del tavolo e il matterello per evitare che la pasta si attacchi.

Se la pasta vi riuscisse un po’ troppo morbida: basterà spolverarla leggermente di farina e impastarla ancora: è infatti più faticoso stendere la pasta quando è molle che quando soda.

Piegate la pasta in quattro. Spolverate di farina e ripiegate in due e rispolverate. Con un coltello affilato tagliate delle fettuccine dai 3 ai 5 mm massimo

Infarinate un piano per poterle adagiare ad essiccare per circa due ore.

Tagliate la carne d’agnello a tocchetti. Tritate cipolla, sedano carota, aglio e il guanciale. In una casseruola, possibilmente di terracotta, scaldate l’olio e rosolate le verdure tritate e il guanciale. Dopo 5 minuti, a fuoco medio, unite i tocchetti di carne di agnello scottandoli da tutti i lati.

Bagnate con metà del vino e lasciatelo sfumare per 15 minuti. Sbucciate i pomodori, dopo averli sbollentati, eliminate i semi e tagliate la polpa a filetti. Versateli sulla carne, unite il rosmarino, la maggiorana, l’alloro, il sale e il pepe.

Bagnate con il resto del vino e continuate la cottura a fuoco medio-basso per circa un’ora, mescolando ogni tanto.

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente. Distribuitela sul fondo di una teglia da forno. Versate il ragù di agnello e mescolatelo alla pasta. Cospargete di abbondante parmigiano reggiano.

Passate in forno a gratinare per 7-8 minuti e servite subito dopo.

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa di cardi

Zuppa di cardi con ceci e Jamon Serrano,...

Zuppa di cardi con ceci e Jamon Serrano, un piatto sostanzioso e leggero La zuppa di cardi con ceci e Jamon Serrano è un primo piatto ricco di proteine, ma comunque leggero. E’ realizzato con...

Corzetti con porcini

Corzetti con porcini, un primo rustico e raffinato

Corzetti con porcini, un primo ricco ma leggero I corzetti con porcini sono un primo piatto che riconcilia con la più antica tradizione italiana, infatti sono realizzati con ingredienti semplici,...

Minestrone con finocchi e cavolfiore

Minestrone con finocchi e cavolfiore, un primo leggero

Minestrone con finocchi e cavolfiore, quando un piatto classico è anche buono Il minestrone con finocchi e cavolfiore è un primo tradizionale, ossia la classica ricetta semplice da realizzare e in...

Mafalde con camembert e broccoletti

Mafalde con camembert e broccoletti, un primo cremoso

Mafalde con camembert e broccoletti, il segreto è nella pasta Le mafalde con camembert e broccoletti sono una splendida idea per un primo piatto fuori dall’ordinario, che coniuga gusto e...

Zuppa thai con pollo e cocco

Zuppa thai con pollo e cocco, una delizia...

Zuppa thai con pollo e cocco, in diretta dalla cucina thailandese. La zuppa thai con pollo e latte di cocco (Tom Kha Gai ) è un primo piatto dalla texture vellutata, dal gusto complesso ma adatto a...

Crema di patate e cavolfiori

Crema di patate e cavolfiori, piatto elegante e...

Crema di patate e cavolfiori, un primo tra il rustico e il gourmet La crema di patate e cavolfiori è un primo piatto molto particolare. Lo si può notare dalla lista degli ingredienti, che propone...

23-12-2010
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti