Fettuccine al sugo di agnello

Tempo di preparazione:

L’agnello da latte è un tipo di carne di facile digestione e di alto valore nutritivo, è ben tollerato anche da chi soffre di allergie alimentari e ha un basso contenuto calorico. La sua particolarità è data dal fatto che può essere cucinato in mille modi diversi.

Solitamente l’agnello da latte, detto abbacchio è un esemplare che viene nutrito solo con il latte materno e non va oltre le 4 settimane di vita, ed è caratterizzato da carne tenera e delicata. Questo sugo è un’alternativa molto valida al normale ragù di vitello o di maiale.

Ha un sapore intenso e deciso e permette di ottenere un’ottimo sugo e di certo stupirete i vostri ospiti proponendo questo condimento, pur non spendendo una follia, visto che la carne d’agnello non ha dei costi esagerati.

Credo che adesso, non vi resti altro che provare a servirlo…………………..

Ingredienti per 4 persone

per la pasta

  • 200 grammi di farina di riso finissima
  • 140 grammi di farina di quinoa
  • 60 grammi di farina di mais
  • 4 uova

per il sugo d’agnello

  • 750 g di agnello da latte,
  • 500 g di pomodori maturi,
  • 50 g di guanciale di maiale,
  • 1 scalogno,
  • 1 carota,
  • 1 costa di sedano,
  • 1 spicchio di aglio, alloro,  maggiorana
  • 200 cc di vino bianco secco,
  • 2 cucchiai di olio extravergine,
  • 100 gr. di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato,
  • sale e pepe nero

Preparazione

Setacciate le farine e disponete a fontana  sulla spianatoia e rompetevi nel centro le uova e con una forchetta amalgamate piano gli ingredienti, quindi impastate con le mani e lavorate con una certa energia per circa un quarto d’ora, fino a quando otterrete un impasto sodo e appariranno sulla superfi­cie minuscole bollicine d’aria.

Raccogliete l’impasto dandogli la forma di una palla, avvolgetelo in un panno legger­mente umido e lasciatelo riposare, per circa 30 minuti, in luogo fresco.

Con la mano aperta appiattite quindi la palla di pasta e, con il matterello, stendetela sulla spianatoia infarinata, in modo da ottenere una sfoglia uniformemente sottile, facendo attenzione a non lacerarla. Man mano che stendete la sfoglia, spolverizzate con poca fa­rina la superficie del tavolo e il matterello per evitare che la pasta si attacchi.

Se la pasta vi riuscisse un po’ troppo morbida: basterà spolverarla leggermente di farina e impastarla ancora: è infatti più faticoso stendere la pasta quando è molle che quando soda.

Piegate la pasta in quattro. Spolverate di farina e ripiegate in due e rispolverate. Con un coltello affilato tagliate delle fettuccine dai 3 ai 5 mm massimo

Infarinate un piano per poterle adagiare ad essiccare per circa due ore.

Tagliate la carne d’agnello a tocchetti. Tritate cipolla, sedano carota, aglio e il guanciale. In una casseruola, possibilmente di terracotta, scaldate l’olio e rosolate le verdure tritate e il guanciale. Dopo 5 minuti, a fuoco medio, unite i tocchetti di carne di agnello scottandoli da tutti i lati.

Bagnate con metà del vino e lasciatelo sfumare per 15 minuti. Sbucciate i pomodori, dopo averli sbollentati, eliminate i semi e tagliate la polpa a filetti. Versateli sulla carne, unite la maggiorana, l’alloro, il sale e il pepe.

Bagnate con il resto del vino e continuate la cottura a fuoco medio-basso per circa un’ora, mescolando ogni tanto.

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente. Scolate anche la carne e distribuitela sul fondo di una teglia da forno. Versate il sugo e mescolatelo alla pasta, che poi distribuirete sopra la carne. Cospargete di abbondante parmigiano reggiano.

Passate in forno a gratinare per 7-8 minuti e servite subito dopo.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *