Confettura di melone bianco, ottima per colazioni e dolci

Confettura di melone bianco
Commenti: 0 - Stampa

Confettura di melone bianco, facile da preparare

La confettura di melone bianco è un’idea per una confettura diversa dalle altre. Questo tipo di preparazioni in genere comprendono ingredienti come frutti di bosco, ciliegie, arance, più raramente frutti esotici come il melone bianco. Si tratta di una scelta azzeccata, in primis per il gusto che è equilibrato (dolce ma non troppo) e certamente squisito. Secondariamente per i valori nutrizionali, aspetto sotto il quale il melone bianco si difende molto bene.

Il melone bianco è ricco di zuccheri “buoni” come il fruttosio, sali minerali e vitamine. In particolare contiene tantissimo potassio, fosforo e calcio, nonché la vitamina A, la C e alcune del gruppo B. Il melone bianco è anche ricco di fibre, che stimolano la mobilità intestinale e contribuiscono a risolvere gli episodi di stipsi. Il tutto al prezzo di un apporto calorico molto basso, che si aggira sulle 34 kcal per 100 grammi (anche perché è composto principalmente da acqua).

La confettura di melone bianco è molto semplice da fare, infatti il procedimento è quasi identico alle altre confetture. L’unica differenza consiste nella necessità di frullare parte del melone a metà cottura, in modo da facilitare la formazione della confettura (il frutto a volte risulta coriaceo). Anche la fase di pulitura può essere complessa, con riferimento alla rimozione della buccia, ma niente che non possa essere superato con un po’ di pazienza.

Quale zucchero utilizzare per la confettura di melone?

Lo zucchero è un ingrediente fondamentale di questa confettura di melone, così come di qualsiasi altra confettura o marmellata. Dunque, va scelto con attenzione, anche perché uno zucchero non vale l’altro, non in questo caso almeno. Quale zucchero utilizzare per la confettura di melone bianco? Io consiglio uno zucchero che abbia i seguenti requisiti: che sia di canna, e che sia finissimo. E’ importante che lo zucchero sia di canna in quanto contiene i resti della melassa, che certamente aggiungono sapore al risultato finale.

Confettura di melone bianco

Soprattutto, è fondamentale che sia finissimo in modo da favorire una migliore amalgama con il frutto, e velocizzare la cottura. Se lo zucchero fosse grossolano, ad esempio quello semolato, farebbe più fatica ad amalgamarsi e servirebbe una cottura più prolungata, con il rischio di alterare il sapore della confettura. Ovviamente la ricetta “riesce” con qualsiasi tipo di zucchero, ma quello di canna finissimo determina un risultato finale di gran lunga migliore.

L’importante ruolo del limone nella nostra confettura

Anche il limone gioca un ruolo fondamentale nella ricetta della confettura di melone bianco. Non è frequente che venga impiegato il limone per questo genere di preparazioni. Di certo non viene utilizzato per le classiche confetture all’arance (che però ufficialmente si chiamano “marmellate”). In questa ricetta è fondamentale per almeno due motivi.

In primis equilibra il sapore spiccatamente dolce del melone bianco, che rischia di essere esacerbato dalla presenza dello zucchero. Secondariamente svolge un’attività blandamente disinfettante, che è necessaria quando si parla di conserve.

Ecco la ricetta delle confettura di melone bianco:

Ingredienti per 2 vasetti:

  • ½ kg. di polpa di melone bianco;
  • 200 gr. di zucchero di canna finissimo per dolci;
  • succo di 1/2 limone.

Preparazione:

Per la preparazione della confettura di melone iniziate igienizzando i vasetti e i tappi. Per quanto riguarda gli ingredienti, iniziate dal melone: lavatelo per bene rimuovendo eventuali residui di terra. Con un coltello affilato rimuovete le estremità in modo da tagliarlo più facilmente. Poi sistemate il melone in verticale su un piano di lavoro e con un coltello di grandi dimensioni applicate un taglio netto in modo da dividere il melone in due. Togliete i semi e i filamenti dalla parte centrale usando un cucchiaio o un coltello.

Appoggiate una metà del melone e ricavatene delle fette di dimensione simili. Per aiutarvi, seguite i solchi del melone. Rimuovete la buccia con un coltello più piccolo, lo spessore della buccia deve essere di circa 5 millimetri. Se lo trovate più semplice, potete capovolgere il melone e tagliare la buccia tenendo la superficie. Fate lo stesso con l’altra metà, poi dalle fette ricavate dei cubetti. Mettete i pezzi di melone in una pentola e aggiungete il succo di limone e lo zucchero amalgamando per bene. Accendete la fiamma bassa (in modo da non creare schiuma) e cuocete fino a quando il melone non si sarà ammorbidito.

A questo punto frullate una metà, sempre in pentola, con il frullatore a immersione, mentre l’altra tagliatela a pezzi ancora più piccoli. Continuate a cuocere fino a quando il tutto non avrà una consistenza simile ad una marmellata. Fate la prova del piattino: mettete un cucchiaio di confettura su un piatto freddo e inclinatelo, se la marmellata scorre lentamente, allora la confettura è sufficientemente densa. Quando la confettura è pronta, inserita nei vasetti (deve essere calda). Capovolgete i vasetti e lasciateli così fino a quando non si saranno raffreddati. Infine conservate la confettura di melone in un luogo protetto dalla luce del sole. Il tempo di conservazione è di sei, otto mesi.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Confettura di uva spina

Confettura di uva spina, una confettura buona e...

Confettura di uva spina, una confettura fuori dal comune La confettura di uva spina è una confettura fuori dal comune. Il motivo risiede nelle peculiarità dell’ingrediente principale, ossia...

aglio marinato

Aglio marinato, una conserva buona e digeribile

Aglio marinato, un’idea utile L’aglio marinato è una splendida idea per una conserva diversa dal solito. Quando si parla di conserva si fa spesso riferimento ai pomodori, melanzane e ortaggi...

Cetrioli sotto aceto

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto...

Marmellata di arance e fiori di sambuco

Marmellata di arance e fiori di sambuco, una...

Marmellata di arance e fiori di sambuco, un abbinamento straordinario La marmellata di arance e fiori di sambuco è una marmellata diversa dal solito. Ciò dipende dalla presenza di un ingrediente...

fave

Le fave, alleate della buona cucina e del...

Le principali caratteristiche delle fave Le fave sono tra i fondamenti della dieta mediterranea. Sono un alimento che arricchisce l’alimentazione europea da millenni, molto apprezzato già...

Friarielli in conserva

Friarielli in conserva, un condimento davvero speciale

Friarielli in conserva, un ottimo condimento pronto per l’uso I friarielli in conserva sono un’idea semplice ma utile per valorizzare uno degli alimenti simbolo della tradizione napoletana e...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti