Frappè al melone bianco, un delicato dessert estivo

Frappè al melone

Frappè al melone bianco, una ricetta semplice semplice

Il frappè al melone bianco è, come tutti i frappè, una preparazione a metà strada tra la bevanda e il dessert. In genere lo si assume con la cannuccia, ma visti gli ingredienti e la consistenza, spesso davvero densa, può essere considerato a tutti gli effetti un dessert. Ad ogni modo, è una ricetta molto semplice, quasi banale e alla portata di tutti. La qualità del risultato finale si gioca da un lato sulla qualità degli ingredienti, e dall’altro sull’equilibrio degli stessi. E’ sufficiente sbagliare una dose per compromettere il gusto di questi frappè. Occhio soprattutto al ghiaccio, che è solo in apparenza una componente di contorno. Metterne troppo significa creare un frappè acquoso, metterne poco vuol dire creare a una preparazione molto densa. Il frappè può essere consumato secondo le modalità solite, o al cucchiaio o con una cannuccia (o con entrambi).

Il protagonista di questa ricetta è il melone bianco, un frutto tecnicamente esotico, ma che è consumato in Italia da parecchio tempo. Nello specifico, il melone viene privato dei semi e dei filamenti, sbucciato accuratamente e tagliato a cubetti. Successivamente si pone nel frullatore insieme dagli altri ingredienti. Dopo qualche minuto di mixer, il frappè dovrebbe essere già pronto. Il melone bianco non è solo un frutto squisito, dalla dolcezza spiccata ed equilibrata, ma è anche un frutto prezioso, forte di un valore nutrizionale superiore alla media. In particolare è ricco di vitamina C, elemento che come tutti sanno contribuisce alla buona salute del sistema immunitario. E’ anche ricco di sali minerali e in particolare di potassio. Sullo sfondo, un apporto calorico davvero ridotto per un frutto così zuccherino.

Il segreto di questo frappè al melone bianco

Il vero segreto del frappè al melone non è solo il melone bianco e il dosaggio equilibrato del ghiaccio, ma lo sono anche i prodotti delattosati. Nello specifico, il latte intero e la panna fresca. Il loro ruolo è conferire un gusto più rotondo al frappè e più gradevole al palato. Sia il latte intero che la panna fresca Accadì sono prodotti di elevata qualità, realizzati con la migliore materia prima. Sono la testimonianza della capacità di Granarolo di offrire ai clienti prodotti eccezionali, che sappiano coniugare il gusto con i valori nutrizionali. Un obiettivo, questo, che l’azienda bolognese persegue da sempre e con ottimi risultati.

frappè al melone

 

Il vero pregio del latte intero e della panna fresca Granarolo consiste nella totale assenza di lattosio. In tal modo possono essere consumati anche da chi soffre di intolleranza a questa sostanza. Il processo di rimozione del lattosio non è chimico e nemmeno troppo artificioso. Molto banalmente, si sottopone il latte all’enzima lattasi, riproducendo una reazione che avviene nell’intestino di chi non ha problemi nell’assorbimento, ossia il lattosio viene scisso in glucosio e galattosio. Questo processo, ci tengo a specificare, non altera il sapore. La panna fresca e il latte intero Accadì, dunque, sono buone come le altre. Anzi, sono addirittura più buone (e mediamente meno grasse).

Molto di più del classico frappè

A giudicare dall’aspetto, il frappè al melone non è nient’altro che il classico frappè. Questo è vero solo in parte, in quanto si segnalano differenze rispetto alla preparazione classica. Quest’ultima, infatti, è realizzata con il gelato, alimento che nel frappè al melone bianco manca del tutto. Il gelato è sostituito dalla panna, che a dire il vero non viene nemmeno montata. Grazie alla presenza della panna, il sapore di questo frappè è più lineare e morbido, oltre ad essere piacevole al palato.

L’altra differenza sta nel tema dell’accessibilità. E’ infatti un dessert-bevanda che, come abbiamo visto, può essere consumato anche da chi soffre di intolleranza al lattosio. E’ una preparazione completamente lactose-free.  Parlando del procedimento, poi, esso non presenta difficoltà di sorta. Anzi, il momento più delicato è quello iniziale, quando si deve eliminare la buccia del melone, che è piuttosto spessa. Per quanto riguarda la composizione del frappè, è tutto molto banale: semplicemente si devono frullare gli ingredienti assieme, ghiaccio compreso e decorare il tutto con una bella fetta di melone, posta a mo’ di cocktail.

Ecco la ricetta del frappè al melone bianco:

Ingredienti per 3/4 persone:

  • 1 melone bianco;
  • 250 ml. di latte intero consentito;
  • 100 ml. di panna fresca consentita;
  • q. b. di ghiaccio;
  • q. b. di zucchero.

Preparazione:

Per la preparazione del frappè, per prima cosa occupatevi del melone. Tagliatelo in due per il senso del lungo, rimuovete i semi e i filamenti che si trovano nella parte centrale, scavate la polpa e fatela a pezzetti minuscoli. Ora versate il ghiaccio tritato nel frullatore, poi aggiungete il melone fatto a pezzi, la panna, il latte intero Accadì e lo zucchero. Frullate per qualche minuto, fino a quando non avrete ottenuto un composto in parte compatto ed omogeneo. Versate il frappè nei bicchieri e concludete con uno spicchio di melone a mo’ di cocktail e, se volete, una ciliegina infilzata in uno stuzzicadenti.


Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


05-08-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti