Il tarassaco, un connubio tra erboristeria e gastronomia

tarassaco

Cos’è il tarassaco: proprietà e sapori

Il tarassaco è una pianta molto diffusa in Italia, impiegata sia nella veste di prodotto ufficiale che in ambito gastronomico.

Dal punto di vista estetico si presenta molto bene, tanto da essere utilizzato anche per abbellire i prati. In particolare salta subito all’occhio la fioritura, che si caratterizza per degli incantevoli fiori gialli e per le foglie disposte a raggiera regolare.

Il tarassaco è il nome ufficiale, ma la pianta è nota con il nome di dente di leone, soffione, piscialetto e altri termini di natura regionale. Per ciò che concerne il sapore, ricorda un po’ la cicoria, anche se rispetto a quest’ultima ha un gusto più delicato ma allo stesso tempo carico di personalità.

Il tarassaco è una delle poche specie vegetali che dà il meglio di sé sia in ambito terapeutico-officinale che in ambito gastronomico. Le sue proprietà nutritive sono eccellenti, contiene infatti grandi concentrazioni di vitamine, sali minerali e ovviamente fibre.

Ha notevoli proprietà diuretiche e gli viene riconosciuta un’importante funzione depurativa, in particolare per il fegato e i reni. Gioca anche un ruolo lassativo, per quanto leggero, dunque stimola il regolare processo intestinale senza provocare fastidi o spiacevoli effetti collaterali.

Aumenta la produzione di bile e ne stimola il flusso. Per quanto riguarda gli elementi nutritivi, poi, si segnala una straordinaria concentrazione di potassio, che può essere considerato un ricostituente e un toccasana per la pressione sanguigna. Il tarassaco, poi, è anche ricco di flavonoidi e antiossidanti, sostanze che agiscono in funzione antitumorale e stimolano la rigenerazione cellulare.

Gli usi di una pianta molto utilizzata in fitoterapia

Il tarassaco, come abbiamo già anticipato, ha numerosi utilizzi. In particolare, si segnalano gli usi terapeutici, sia home made che industriali. Nel primo caso si producono succhi o decotti, i quali si caratterizzano per la già citata funzione depurativa. Era molto conosciuto nella medicina popolare e alcuni rimedi naturali sono stati confermati anche dalla medicina moderna.

Nel secondo caso si adopera nella produzione di unguenti e cosmetici. Va segnalata una terapia alternativa, da seguire sotto stretto controllo del medico, chiamata “tarassacoterapia”. Essa, come suggerisce il nome, prevede il consumo regolare di tarassaco per una decina di giorni e viene somministrata allo scopo di depurare gli organi interni.

Dal punto di vista culinario, le possibilità sono molte. Il tarassaco, e in particolare le sue foglie dette anche rosette, possono trasformarsi facilmente in un elegante e gustoso contorno. Possono essere utilizzate nelle zuppe, nelle torte salate, nei ripieni dei ravioli e nelle frittate.

La radice di tarassaco può essere essiccata e macinata in modo da produrre una bevanda che assomiglia al caffè. I fiori di tarassaco si possono utilizzare per preparare confetture e gelatine o usati per creme e torte. Con i boccioli ancora chiusi dei fiori si può preparare una ricetta che li paragona ai capperi.

Un caffè dal sapore diverso, certo, ma molto più sano. Da questo punto di vista, si segnalano punti di contatto con la cicoria, altra specie vegetale con cui ha molto in comune essendo anch’essa impiegata come surrogato del caffè.

Qualche esempio di ricetta con il tarassaco

Lo abbiamo anticipato nel paragrafo precedente, ma vale la pena evidenziare le opportunità culinarie che il tarassaco pone in essere. Una preparazione relativamente semplice ma che consente di gustarne a pieno le caratteristiche è il tarassaco sott’olio.

Potete leggere per esteso la ricetta qui, ma è bene anticipare che per questa preparazione si usano solo i gambi, i quali vanno bolliti in una soluzione a base di aceto. Dalle foglie del tarassaco, poi, è possibile ricavare un ottimo pesto che ha un sapore molto più delicato e meno aromatico rispetto al classico pesto di basilico.

Un’altra ricetta che vale la pena di provare è il tarassaco in padella, i cui gambi e foglie vengono saltati con uno spicchio d’aglio in camicia, un ottimo contorno soprattutto per le carni bianche particolarmente speziate.

Infine è bene menzionare anche la semplicissima insalata di tarassaco, condita con olio, pepe, sale, aceto e arricchita da uova sode e acciughe. Insomma gli usi sono molteplici in cucina, similmente a quanto avviene per il suo parente più prossimo, ovvero la cicoria.

E ora prepariamo una deliziosa Frittata di tarassaco

Oggi vi presento la frittata di tarassaco, un’idea semplice ma geniale per un contorno o un antipasto che sia allo stesso tempo gustoso, salutare e leggero. E’ questo, infatti, l’elemento più particolare di tutta la ricetta, e in un certo senso la caratterizza. Frittura o cottura al forno per la frittata ? Nella sezione “preparazione” vi presento entrambe le possibilità, dunque sta a voi decidere.

La frittata di tarassaco “fritta” è ovviamente più pesante, più grassa e potrebbe essere anche leggermente oliata. Tutto dipende ovviamente dalla quantità di olio che inserite in padella e dall’efficacia della padella stessa. Se questa è antiaderente, ne servirà davvero poco; dunque vi consiglio di utilizzare padelle di questo tipo.

Per quanto riguarda la cottura al forno, essa produce una frittata molto più leggera, anche se un po’ più secca. Vi consiglio comunque di adagiare un foglio di carta da forno sulla teglia, prima di partire con la cottura. Questo piccolo accorgimento vi consentirà di “sformare” la frittata in modo rapido e semplice, senza il rischio di comprometterne la forma o addirittura di romperla.

Frittata di tarassaco

Quale formaggio è opportuno usare per questa frittata?

Quando si parla di frittata, a prescindere dagli ingredienti, è impossibile non parlare anche di parmigiano. E’ infatti una presenza fissa, in quanto insaporisce e contribuisce alla consistenza della frittata. La frittata di tarassaco, ovviamente, non fa eccezione.

Ecco, quindi, che emerge il dubbio di sempre: quale parmigiano utilizzare? Premetto che, in linea teorica, per questo genere di preparazione va bene qualsiasi tipo di parmigiano, tuttavia, alcuni “funzionano” meglio di altri. La scelta è ovviamente tra le varie stagionature, personalmente consiglio quelle a medio-bassa stagionatura.

Nella fattispecie, infatti, il parmigiano non è un condimento finale, bensì un ingrediente, dunque deve amalgamarsi alla perfezione con l’uovo. Le varianti meno stagionate, più morbide e un po’ più ricche di grassi, servono meglio a questo scopo.

Per quanto riguarda il parmigiano in sé, necessita di ben poche presentazioni. E’ uno degli alimenti simbolo del genio agroalimentare italiano, è un formaggio non solo squisito, ma anche straordinariamente nutriente.

Il riferimento è alla quantità di proteine, che è straordinariamente elevata, più che nelle carni, come anche all’eccezionale contenuto di calcio. Ovviamente, non difetta nemmeno in termini di vitamine e sali minerali. Insomma, è un alimento eccezionale sotto tutti i punti di vista.

Tarassaco e metalli pesanti

Grazie a Bea.Bio ho fatto una bella scoperta. Questa erba spontaneo sta assumendo ogni giorno molta importanza anche grazie alla sua capacità d indicarci la presenza di metalli pesanti nell’ambiente. Se un terreno è ricco di elementi come cadmio, cromo, manganese, nichel, piombo e zinco anche le foglie di tarassaco lo sono. Lo dimostrano diversi studi.

Ci sono studi e ricerche che confermano una stretta correlazione fra inquinamento ambientale e concentrazione di alcuni metalli pesanti accumulati in questa pianta, in particolare nelle foglie.

Fra gli  effetti positivi fitoterapici del tarassaco c’è proprio quello di disintossicare l’organismo da metalli pesanti. Ovviamente valutate dove raccogliere le erbe spontanee. Le erbe spontanee non richiedono pesticidi, non richiedono trattamenti particolari, irrigazioni aggiuntive: sono spontanei per crescere “spontaneamente” appunto in quel luogo. Con beneficio per le risorse e l’equilibrio di quell’ambiente

Per saperne di più:

  • Keane B., Collier M.H., Shann J.R., Rogstad S.H. (2001)Content of dandelion  Taraxacum officinale leaves in relation to soil contamination and airborne particulate matter. Science of The Total Environment
  •  ShuheWei, Qixing Zhou, Shiny Mathews (2008) A newly found cadmium accumulator Taraxacum mongolicum. Journal of Hazardous Materials
  • Shuhe Wei, Qixing Zhou, Xin Wang (2005) Identification of weed plants excluding the uptake of heavy metals. Environment International

Ecco la ricetta della frittata di tarassaco:

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 uova,
  • 400 gr. di tarassaco,
  • 50 gr. di parmigiano reggiano stagionato,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della frittata di tarassaco iniziate scaldando il forno e impostando una temperatura di 180 gradi. In una ciotola rompete le uova e sbattete sia l’albume che il tuorlo con una forchetta. Sbucciate il tarassaco, lavatelo e sbollentate leggermente per 5 minuti. Passato questo lasso di tempo, scolatelo per bene e fatelo raffreddare. Poi tagliatelo e ponetelo in una ciotola, aggiungeteci le uova sbattute, un po’ di  sale e il parmigiano.

Sbattete nuovamente per bene ed amalgamate il tutto. Ora versate un po’ di olio in una padella antiaderente e cuocete la frittata alla solita maniera. In alternativa potete optare per la cottura al forno. In questo caso coprite una teglia con delle carta da forno umida (prima bagnatela e poi strizzatela). Versateci su la frittata e cuocetela al forno per 40 minuti, controllandola ogni tanto. Quando dovrete servire, sarà più semplice togliere la frittata dalla teglia proprio grazie alla carta da forno. Buon appetito!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

fave

Le fave, alleate della buona cucina e del...

Le principali caratteristiche delle fave Le fave sono tra i fondamenti della dieta mediterranea. Sono un alimento che arricchisce l’alimentazione europea da millenni, molto apprezzato già...

tequila

La tequila, uno dei superalcolici più amati

Quali sono le origini della tequila? Tutti conoscono la tequila, ma meno nota è la sua origine e il significato che ricopre per la cultura messicana. La tequila è infatti la bevanda nazionale del...

Scalogno nero

Scalogno nero, una variante del celebre bulbo

Cos’è lo scalogno nero? Lo scalogno nero, nonostante le apparenze, non è una varietà particolare di scalogno, ma è piuttosto frutto di una preparazione in senso stretto. Si ottiene, infatti,...

18-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti