Ciambella profumata alle fragole per la Mamma

Ciambella profumata alle fragole
Commenti: 0 - Stampa

Ciambella profumata alle fragole, un tripudio di colori e sapori

La ciambella profumata alle fragole con glassa rosa è un “signor” dolce buono da gustare e bello da vedere, ricco di ingredienti ma non troppo difficile da realizzare. E’ il dolce perfetto per concludere un lauto pasto, magari in occasione di una festa o di una ricorrenza. Io lo consiglio in particolare per la Festa della Mamma, ma ovviamente potete prepararlo quando vi va.

La ricetta della ciambella profumata alle fragole è abbastanza facile. Tuttavia, è anche abbastanza lunga e formata da svariati passaggi. Ciò che importa è seguire fedelmente le indicazioni e non improvvisare, soprattutto per quanto riguarda le dosi. Una nota importante: il dolce è stato pensato per risultare compatibile con i regimi alimentari degli intolleranti al lattosio e al glutine e dei celiaci, dunque nessuno degli ingredienti contiene glutine o lattosio.

Perché la farina di riso è così salutare?

La farina di riso sostituisce la classica farina bianca nella nostra ciambella alle fragole. Il suo ruolo non è solo rendere accessibile il dolce agli intolleranti al glutine e ai celiaci, ma anche offrire un sapore diverso che possa caratterizzare la preparazione. La farina di riso è in effetti una farina squisita e più leggera, che offre molto anche in termini nutrizionali. Certo è relativamente povera di proteine, ma è anche povera di grassi. Inoltre contiene anche una discreta dose di vitamine e sali minerali.

Ciambella profumata alle fragole

La farina di riso si caratterizza per le discrete capacità panificatorie, ma ha comunque bisogno di un “aiutino”. In questa ricetta il supporto è garantito dalla classica fecola di patate, ingrediente che ricorre in molte preparazioni dolciarie. Per quanto riguarda la resa in termini di consistenza e stabilità, la farina di riso si comporta come la farina di grano, quindi è adatta a qualsiasi tipo di dolce.

La fragola, un frutto perfetto e dalle spiccate proprietà nutritive

Le fragole ovviamente giocano un ruolo da protagonista in questa ricetta. Compaiono in due fasi distinte: durante la preparazione dell’impasto, quando viene ricavato un estratto, e durante la preparazione della glassa, quando viene frullata e unita allo zucchero e al burro. Le fragole contribuiscono alla realizzazione di una glassa perfetta e da manuale: buona, dolce al punto giusto e colorata.

Le fragole sono il classico frutto che piace ai piccoli e ai grandi, ma non sono solo buone ma anche salutari. Contengono infatti tanto potassio e calcio, così come tantissima vitamina C, quasi più degli agrumi. Inoltre, sono anche poco caloriche: 100 grammi di fragole apportano solo 27 kcal.

Il miglior modo per consumare le fragole è a crudo, o con la panna. Specie nel sud Italia, vengono consumate immerse nel liquore o nel vino bianco (ad esempio nello Zibibbo). Inoltre, le fragole possono essere impiegate all’interno di ricette più complesse, soprattutto dolciarie. Numerose sono le “torte alla fragola”, come anche le creme, i sorbetti etc. Si prestano anche a preparazioni sui generis, ad esempio per realizzare creative varianti del tiramisù.

Le fragole possono fungere da ingrediente principali di marmellate, confetture e composte, che vengono consumate a crudo, spalmate sul pane, o all’interno di deliziose crostate o torte come questa!

Ecco la ricetta della ciambella profumata alle fragole:

Ingredienti per 6 persone:

Per la ciambella:

  • 180 gr. di farina di riso;
  • 160 ml. di estratto di mela, ananas e fragole;
  • 150 gr. di zucchero di canna;
  • 140 ml. di olio di semi di girasole;
  • 120 gr. di fecola di patate;
  • 100 gr. di amido di mais;
  • 3 uova;
  • 2 cucchiai di succo di limone;
  • 2 cucchiaini colmi di lievito per dolci consentito.

Per la glassa:

  • 150 gr. di zucchero a velo;
  • 10 gr. di burro fuso chiarificato;
  • 5 fragole.

Preparazione:

Per la preparazione della ciambella profumata alle fragole iniziate realizzando un estratto di fragole, ananas e mela con un estrattore o una centrifuga, poi aggiungete il succo di limone e conservate in un luogo fresco. Pre-riscaldate il forno a 180 gradi, ponendolo in funzione statica. Ora versate in una ciotola le uova e lo zucchero, poi sbattete il tutto con una frusta (meglio se elettrica) fino a ottenere un composto spumoso. Aggiungete l’olio a filo e gradualmente anche l’estratto. Ora prendete una ciotola, setacciate le farina e mettete il lievito, aggiungete poi tutto gradualmente nel composto spumoso che avete realizzato, sbattendo e agendo con la frusta. Il nuovo composto deve essere morbido e non eccessivamente liquido.

Ungete e infarinate uno stampo per ciambelle con scanalature e versate l’impasto livellando con attenzione. Cuocete per 40 minuti, ma spegnete il forno solo se la prova dello stecchino ha dato esito positivo: infilate uno stecchino nel dolce, se risulta umido il dolce va tenuto ancora in forno. Una volta pronta la ciambella fatela freddare e poi rimuovetela dallo stampo. Ora preparate la glassa. Lavate e sbucciate le fragole, poi frullatele per ottenere una purea uniforme. Infine filtrate tutto attraverso un colino in modo da rimuovere i semi.

Continuate la preparazione setacciando lo zucchero in una tazza ed addizionando il burro fuso già tiepido, poi aggiungete gradualmente anche il frullato di fragole. Mescolate fino a ottenere la consistenza desiderata che deve essere morbida ma non eccessivamente liquida. Fate colare la glassa sulla ciambella dal basso verso l’altro in modo che penetri tra le scanalature. Poi fatela intiepidire in un luogo freddo per un bel po’ di ore. Una volta solidificata la glassa, decorate con le fragole affettate (o intere) e qualche fiore commestibile. La torta si conserva per qualche giorno se posta in un luogo fresco e all’interno di una scatola ben chiusa.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

madeleine al riso integrale

Madeleine al riso integrale e canihua, variante esotica

Madeleine al riso integrale, dolce perfetto per la Festa della Mamma Le madeleine al riso integrale e semi di canihua sono un’idea perfetta per la Festa della Mamma. Sono infatti dei dolcetti...

drip cake ai lamponi

Drip cake ai lamponi, una torta per la...

Drip cake ai lamponi e pistacchi per una giornata speciale La drip cake ai lamponi e pistacchi è un dolce delizioso e dal grande impatto visivo, equilibrato nel gusto e coloratissimo. E’...

Semifreddo allo Skyr e pere

Semifreddo allo Skyr e pere per la Festa...

Semifreddo allo Skyr e pere caramellate, raffinato Il semifreddo allo Skyr e pere caramellate è un dolce di alta classe, che non vi farà rimpiangere i prodotti da pasticceria. L’impatto visivo...

Torta con fragole e sciroppo

Torta con fragole e sciroppo di agave, per...

Torta con fragole e sciroppo di agave per la Festa della Mamma La torta con fragole e sciroppo di agave in pasta di zucchero è un dolce davvero speciale, che coniuga un gusto pieno con un impatto...

Straccetti di vitello

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, piatto...

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, un secondo delicato e originale Gli straccetti di vitello con salsa alle fragole sono un secondo molto particolare come potete vedere dalla foto. Un...

Risotto alle rose e prosecco

Risotto alle rose e prosecco, un primo da...

Risotto alle rose e prosecco, un primo da ristorante stellato Lo potete evincere dalla foto, il risotto alle rose e prosecco non è un risotto come gli altri. E’ una piccola opera d’arte, un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-05-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti