Crostata con confettura di pandan, non la solita crostata

Crostata con confettura di pandan
Commenti: 0 - Stampa

Crostata con confettura di pandan,  speciale

La crostata con confettura di pandan non è la solita crostata. Presenta infatti alcuni elementi di differenziazione rispetto alle crostate alla marmellata che siamo tutti abituati a consumare. In primo luogo l’impasto non è realizzato con la farina di grano, bensì con la farina di riso. Una scelta che può far storcere il naso ai puristi della pasticceria italiana, ma che incide positivamente sia sul gusto che sulle proprietà nutrizionali, soprattutto in termini salutistici. Può essere consumata, infatti, anche dai celiaci. A questo ingrediente dedicherò un paragrafo a parte, vista l’importanza che ricopre per questa ricetta.

Un altro elemento di differenziazione è la confettura stessa. Una confettura che la stragrande maggioranza di voi molto probabilmente non ha mai mangiato, anche perché realizzata con un ingrediente davvero esotico, che i supermercati italiani non vendono (si trova comunque nei mercatini asiatici). Il riferimento è al pandan, una specie molto aromatica tipica delle cucine del sudest Asiatico e del corno d’Africa. Un altro elemento particolare è l’impiego dell’acqua ghiacciata. Per quanto possa suonare strano, è fondamentale per la buona riuscita dell’impasto; anche a questo argomento dedicherò un paragrafo più avanti.

La farina di riso e i suoi tanti pregi

Come ho già anticipato, la farina di riso ricopre un’importanza enorme nella ricetta della crostata con confettura di pandan, anche perché prende il posto della farina di grano. Il motivo di questa scelta consiste nella volontà di rendere questo dolce accessibile anche a chi manifesta i sintomi di intolleranza al glutine e ai celiaci. La farina di riso, infatti, è naturalmente priva di questa sostanza. Ciò non implica però che la farina di riso vada considerata come un semplice surrogato. E’ dotata infatti di una sua dignità sia dal punto di vista gustativo che nutrizionale.

Crostata con confettura di pandan

In primis, la farina di riso ha un sapore più morbido, leggermente dolciastro. E’ ricca di amido, il ché non va considerato un difetto, anche perché corrisponde a una concentrazione di grassi minima. La quantità di proteine è superiore ad alcune farine di grano bianche, e solo leggermente inferiore rispetto alle farina di grano integrale. La quantità di vitamine e sali minerali, poi, è tutt’altro che trascurabile.

Lo strano ruolo dell’acqua ghiacciata

Se avete già spulciato gli ingredienti della ricetta della crostata con confettura di pandan avrete già notato la presenza dell’acqua ghiacciata. Una presenza strana, che ai più potrebbe far storcere il naso o, molto semplicemente, stimolare curiosità. Cosa c’entra l’acqua ghiacciata nella ricetta di una crostata? In realtà la sua presenza gioca un ruolo fondamentale, in quanto consente di conferire all’impasto la giusta consistenza. Il motivo risiede nella necessità di ottenere un impasto molto solido, integro, che non si sfaldi facilmente (questo è un problema di molte crostate). L’acqua ghiacciata, infatti, contribuisce a rendere l’impasto più duro e resistenze.

Inoltre, l’acqua ghiacciata interviene per risolvere un problema strutturale della farina di riso.  L’unico difetto vero della farina di riso, infatti, è la debolezza dell’impasto, che in una preparazione dolciaria può rappresentare un problema non da poco. In genere, si ovvia a questo problema con l’aggiunta di altre farine, ma in questo caso è necessaria – appunto – l’aggiunta di acqua ghiacciata. Il risultato è ottimo per ciò che concerne la texture, mentre non si segnalano effetti dal punto di vista del sapore. In ogni caso, occhio alle dosi: certamente un impasto molto duro è in grado di inficiare la preparazione. Non andate oltre i due cucchiai di acqua ghiacciata suggeriti nella lista degli ingredienti.

Navigando nel mio sito web trovete tante altre ricette con il pandan ed altri alimenti esotici.

Ecco la ricetta della crostata con la confettura di pandan:

Ingredienti per 8/10 persone:

  • 100 gr. di farina di riso;
  • 40 gr. di fecola di patate;
  • 40 gr. di farina di miglio;
  • 30 gr. di zucchero di canna bianco;
  • 100 gr. di burro chiarificato;
  • 1/2 cucchiaino di sale;
  • 1 uovo;
  • 4 cucchiai di acqua ghiacciata;
  • 200 gr. di confettura di pandan.

Preparazione:

Per la preparazione della crostata con confettura di pandan preriscaldate il forno a 180 gradi. Versate in una terrina le farine e mescolate, poi aggiungete anche il burro molto freddo ridotto a cubetti. Impastate velocemente e grossolanamente, in modo da ottenere un composto, anzi un impasto sbricioloso. In un’altra ciotola sbattete brevemente l’uovo, poi versatelo nell’altra ciotola insieme a due cucchiai di acqua ghiacciata. L’impasto, a questo punto, potrebbe essere troppo compatto, in questo caso aggiungete altra acqua, pur tenendo a mente che deve essere comunque abbastanza sodo.

Impastate di nuovo, formate una palla e ricopritela con una pellicola trasparente, che farete riposare in frigo. Dopo un’ora, prende la palla di impasto, dividetela in due panetti, stendete ciascun panetto fino a conferirgli un’altezza di solo mezzo centimetro. Imburrate una teglia e adagiate la pasta frolla così ottenuta. Copritela con un la carta forno e cuocete  in forno a 180 gradi per circa 25 minuti. Su questa base spalmate la confettura, prendete l’altro panetto e coprite la farcitura applicando le decorazioni che desiderate, poi infornate di nuovo sempre a 180 gradi per circa 20 minuti.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cioccolata calda con marshmallow

Cioccolata calda con marshmallow, una pausa golosa

Cioccolata calda con marshmallow, un abbinamento perfetto La cioccolata calda con marshmallow è una bevanda ottima per i pomeriggi invernali, o per una pausa all’insegna della dolcezza e del...

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, un golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-04-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti