La Farina di cocco è ideale in pasticceria

farina di cocco
Stampa

La farina di cocco è un alimento derivante dalla macinatura della polpa essiccata della noce di cocco.
La noce di cocco è il frutto di un tipo di Palma (Cocos Nucifera) originario dell’Indonesia, ma coltivato in moltissimi paesi tropicali.

Questo frutto, che può arrivare a pesare circa 1 kg, si compone di una parte esterna liscia e sottile, poi da una parte più interna e filamentosa di un intenso color bruno, poi da una parte legnosa e particolarmente resistente che nasconde la polpa bianca e deliziosamente profumata. All’interno del frutto è contenuto un liquido quasi trasparente e molto dolce: l’acqua di cocco.

La farina più grossolana è utilizzata soprattutto per preparare dolci che non necessitino di una texture particolarmente raffinata, per coperture o per decorare. La farina più fine (sfarinato) è maggiormente indicata per gli impasti.

Farina di cocco , un’ottima risorsa

Decisamente molto versatile, la farina di cocco si presta e a diverse preparazioni sia dolci che salate (soprattutto in ricette orientali); si adatta perfettamente alle esigenze della pasticceria secca che a quella dedicata ai dolci al cucchiaio o alle farciture. La farina di cocco è spesso impiegata come addensante, tanto che questo prodotto è anche chiamato “panna dei tropici”.

La polpa presente nella noce di cocco è ricchissima di proprietà nutritive che si ritrovano anche nella farina di cocco. Totalmente priva di glutine, fornisce un buon contenuto di proteine e un alto apporto di fibre. E’ fonte di sali minerali, in particolare ferro e potassio, e di alcune vitamine (E, K B C ) anche se in concentrazioni abbastanza esigue.

La farina di cocco è particolarmente povera di acqua e ricca di lipidi, da cui ne consegue un alto apporto di calorie ed è poco indicata per chi soffre di colesterolo. Gli acidi grassi contenuti in questo prodotto hanno, però, il vantaggio di essere a catena media, il che li rende facilmente e rapidamente assimilabili dall’organismo. Ricerche scientifiche hanno riportato la notizia che il latte materno dell’essere umano presenta simili proprietà.

La farina di cocco è una valida alternativa per chi, a causa di intolleranze o allergie, deve osservare una dieta senza glutine, cereali e lattosio. Essendo un alimento particolarmente nutriente è consigliato alle persone che devono aumentare il proprio peso. Dalla noce di cocco derivano, oltre alla farina, prodotti come l’olio di cocco e il latte di cocco.

Perché le ciambelline al cocco sono così buone?

Le ciambelline al cocco sono dei dolcetti deliziosi da gustare sia a colazione che a merenda e, perché no, a conclusione di un pasto. Sono gustosi, mediamente dolci e non troppo calorici. Sono anche piuttosto semplici da fare, se si adoperano gli ingredienti giusti. Ingredienti che non sono certo tra i più banali e scontati. E’ sufficiente dare uno sguardo alla lista qui sotto per comprenderlo. Infatti, vi è una predominanza dei prodotti al cocco, in particolare della farina di cocco e del cocco rapè. La prima è necessaria per creare l’impasto, la seconda viene impiegata un po’ come se fosse zucchero a velo, dunque “sventagliata” a fine preparazione.

Qual è la differenza tra farina di cocco e cocco rapè? Partiamo dagli elementi in comune, sono entrambi derivati della polpa di cocco. Tuttavia, nel primo caso questa viene tritata finalmente, anzi macinata per ricavarne una farina. Nel secondo caso, invece, viene tritata in modo grossolano, quasi a scaglie. E’ inutile specificare che le ciambelline al cocco, in virtù della presenza di questi ingredienti, assumono un gusto predominato dal cocco. Questa va intesa come una qualità, come un pregio, dal momento che il cocco ha un sapore apprezzato da tutti, rotondo e mediamente dolce. E non sono nemmeno troppo calorici, non rispetto ad altre varietà di biscotti almeno.

Le speciali farine delle ciambelline al cocco

Di queste ciambelline al cocco non stupisce solo il gusto e la semplicità di preparazione, ma anche la scelta delle farine, che comprendono la già citata farina di cocco e quella di riso. Una scelta che prende le mosse da due obiettivi: offrire un sapore diverso (più morbido, rotondo e dolce) e garantire il consumo anche agli intolleranti al glutine e ai celiaci. Nè la farina di riso né la farina di cocco, infatti, contengono il glutine. Ma i pregi nutrizionali non finiscono qui.

Ciambelline al cocco

La farina di cocco contiene tutte le caratteristiche positive dal cocco. E’ ricca di vitamine, in particolare la A e la C. E’ anche ricca di sali minerali, e in particolare di potassio, magnesio e selenio. Quest’ultimo è un antiossidante che impatta beneficamente su molti organi, in particolare sul cuore e sulla tiroide (oltre a contribuire alla prevenzione del cancro). Dal punto di vista calorico si pone allo stesso livello delle altre farine.

La farina di riso è, invece, straricca di carboidrati, pur contenendo comunque una quantità di proteine non indifferenti. La farina di riso, poi, è pochissimo grassa, dal momento che i lipidi sono in gran parte sostituiti dall’amido. E’ ricca inoltre di sali minerali e vitamine, e si caratterizza per un indice glicemico tutto sommato basso.

Il burro chiarificato, un alleato utile in fase di cottura

La lista degli ingredienti delle nostre ciambelline al cocco comprende anche il burro chiarificato, una variante ovviamente conosciuta e diffusa ovunque, ma spesso messa in secondo piano rispetto al burro classico. Ma cos’è di preciso il burro chiarificato? Si tratta del burro a cui è stata tolta la caseina, ovvero la proteina del latte. Ciò determina due caratteristiche, ossia un sapore meno marcato, che sa meno di latte, e una più elevata resistenza alle alte temperature. Proprio per questo motivo il burro chiarificato è preferito al burro normale nella vesta di grasso aggiunto per cottura. Il burro normale, infatti, rischia di bruciarsi e di assumere un gusto amaro e poco gradevole.

Il burro chiarificato, dunque, è il classico burro “per cucinare”. Spesso lo si impiega anche nelle preparazioni che non richiedono uno sforzo particolare nella cottura, ma che prevedono un marcato equilibrio di sapori, nel quale il burro non deve emergere coprire gli altri ingredienti. Le ciambelline al cocco ne rappresentano un esempio emblematico. Ovviamente, se siete di diverso avviso, potete comunque utilizzare il normale burro. Ultimo appunto, la variante chiarificata è più calorica della variante classica, proprio perché più ricca di grassi e meno ricca di caseina (che è quasi assente).

Ecco la ricetta delle ciambelline al cocco:

Ingredienti per 8 persone:

  • 50 gr. di farina di riso;
  • 50 gr. di amido di mais;
  • 100 gr. di farina di cocco;
  • 150 gr. di zucchero di canna finissimo per dolci;
  • 130 gr. di burro chiarificato;
  • 20 gr. di cocco rapè per lo spolvero;
  • 4 uova;
  • 2 cucchiaini di bicarbonato.

Preparazione:

Per la preparazione delle ciambelline al cocco iniziate riscaldando il forno a 180 gradi, operazione essenziale per ottenere una cottura efficace e omogenea. Fate ammorbidire il burro semplicemente facendo “riposare” fuori dal frigorifero. Poi prendete un robot da cucina ed amalgamate accuratamente tutti gli ingredienti, ad esclusione dei frutti rossi. Potete svolgere questa fase mescolando a mano, ma l’amalgama difficilmente risulterà completa e ci metterete comunque molto tempo.

Dopo aver mescolato gli ingredienti, ricavate il succo dai ribes, filtrateli con un colino e aggiungetelo all’impasto. Mescolate il tutto e versate l’impasto con i ribes negli stampi per ciambelline già imburrati e infarinati. Mettete in forno per 45 minuti. Poi estraete i dolcetti e sformateli subito. Fateli raffreddare e concludete mettendo sopra un po’ di cocco

CONDIVIDI SU
01-06-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Farina di cicerchia

Farina di cicerchia, un ingrediente da rivalutare

Cos’è la farina di cicerchia e quali sono le sue caratteristiche La farina di cicerchia è un ingrediente poco impiegato nella cucina italiana. Il motivo è semplice in quanto ad essere poco...

Mais Rostrato Rosso

Mais Rostrato Rosso di Rovetta, una varietà pregiata

Le origini del mais Rostrato Rosso di Rovetta In questo spazio vorrei parlare del mais Rostrato Rosso di Rovetta, un prodotto tipico della nostra terra e che solo ora, dopo più di un secolo dalla...

farine in casa

Silenzio si macina: come e perché farsi le...

Preparare le farine in casa è sempre una buona idea! Forse non avevate mai pensato di preparare le farine in casa, anche perché al supermercato le troviamo tutte (o quasi) già pronte. Tuttavia,...

farina di mais blu

Farina di mais blu: un benessere psico-fisico  

Scopri perché dovresti mangiare la farina di mais blu La farina di mais blu è un prodotto davvero speciale, non convenzionale, che il mercato ha messo a disposizione a tutti noi consumatori...

Farina di mais bianco

Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in...

Le imperdibili proprietà nutrizionali della farina di mais bianco Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in cucina. Il mais bianco è una vera panacea per chi ama la cucina fai da te sana e...

gofio

Gofio, anche senza glutine: ne avete sentito parlare?

Il gofio senza glutine, un alimento tutto da scoprire Il gofio senza glutine, che per l’esattezza si chiama “Gofio Canario”, è un alimento che la Commissione Europea ha incluso nel suo...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti