Semifreddo con noci di cocco: estetica e gusto

Semifreddo con noci di cocco
Commenti: 0 - Stampa

Semifreddo con noci di cocco: una deliziosa opera d’arte

Il semifreddo con noci di cocco non è un dolce come tutti gli altri. E’ sufficiente dargli un’occhiata per rendersene conto, l’impatto estetico, infatti, è notevolissimo. Il gusto, poi, non è certo da meno. Il semifreddo con noci di cocco, fatte salve le dovute proporzioni, può essere paragonato a una piccola opera d’arte. Pensate che alla fine della preparazione è necessario intervenire con un coltello per riprodurre un effetto ad hoc!

Il semifreddo è un dolce speciale anche perché non contiene glutine. A differenza di molte altre preparazioni, qui non vengono utilizzati prodotti naturali ma privati artificialmente del glutine, bensì alimenti che naturalmente non contengono questa sostanza. Il risultato è un dolce squisito e naturale, praticamente indistinguibile dall’ipotetica variante con il glutine. Anzi, forse è persino più buono!

Un pan di spagna diverso dal solito

Una particolarità di questo semifreddo con noci di cocco risiede nel pan di spagna. Sia chiaro, il meccanismo di preparazione è lo stesso, e tra le altre cose mantiene tutto il suo sapore. Tuttavia, è realizzato con ingredienti diversi, come la farina di riso nero appunto. Una sostanza, il riso nero, che oltre a garantire un apporto nutrizionale non indifferente, spicca per qualità organolettiche.

Semifreddo con noci di cocco

Anche perché il riso nero è considerato un super alimento, ovvero capace di offrire le più svariate sostanze nutritive. Per esempio, contiene quantità rilevanti di proteine, le quali in genere mancano nel riso normale e nella pasta. Rilevante è anche la presenza di fibre, che aiutano la digestione, e i sali minerali.

L’agar agar

Tra gli ingredienti più insoliti che si trovano nella ricetta del semifreddo con noci di cocco spicca proprio l’agar agar. Dietro questo nome così esotico si cela una sostanza molto utile quando si deve preparare una mousse. Di fatti, si tratta di un gelificante naturale. In parole povere, gelifica in maniera sana ed efficace. E’ realizzato con le alghe rosse, le quali contribuiscono a dare alla ricetta un sentore vagamente esotico.

Dell’agar agar, però, si apprezzano anche le proprietà nutrizionali  Ovviamente, è senza glutine, di modo che possa essere consumato persino dai celiaci. Ufficialmente, l’agar costa molto: si parla di 100 euro al chilo. Tuttavia, è sufficiente utilizzare una quantità minima di prodotto, sicché, alla fine dei conti, raramente la spesa supera il paio di euro. Ovviamente, l’agar agar, come la maggior parte delle gelatine, non contiene molte calorie.

Ecco la ricetta del semifreddo con noci di cocco

Ingredienti per 4 persone:

Per il pan di spagna:

  • 200 gr di uova intere
  • 60 gr di zucchero bruno di canna
  • 40 gr di sciroppo di agave
  • 100 gr di farina di riso nero
  • 60 gr di cocco disidratato

Per la mousse:

  • 250 gr di polpa di cocco
  • 15 gr di amido di riso
  • 30 gr di sciroppo di agave
  • 2 gr di agar agar
  • 250 gr di panna delattosata

Preparazione:

Realizzate il pan di spagna secondo la ricetta base: montate albumi e zucchero con una frusta a velocità media, aggiungete con gradualità gli altri ingredienti, continuate a montare fino a quando non vi ritroverete con un composto denso ma fluido; cuocete al forno a 180 gradi per 15-20 minuti. Nel frattempo occupatevi della mousse: unite in una terrina la polpa di cocco, l’amido di riso, lo sciroppo di agave, l’agar l’agar e lasciate raffreddare il tutto fino a una temperatura di 25 gradi. Infine, aggiungete la panna semimontata. Adesso occupatevi della realizzazione del dolce, che è la parte più complicata: rivestite due stampi semisferici con il pan di spagna tagliato a fette (in questa fase, se desiderate una versione alcolica potete bagnare il pan di spagna nel rum).

Inserite la mousse all’interno degli stampi. Quando l’interno si sarà solidificato e unito al pan di spagna, rimuovete gli stampi. Successivamente, unite le semisfere ricavate (pan di spagna e cuore alla mousse) e spennellate per due volte la “sfera” con del cioccolato sciolto. Date un’abbondante spolverata di cacao e lavorate la superficie con il coltello in modo da riprodurre le scanalatura della noce di cocco fresca. Servite a temperatura da frigo (da 4 a 8 gradi).

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, uno golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti