Il raviolo con patate, mentuccia e tartare di gamberi!

raviolo con patate

Siete alla ricerca di un primo piatto strepitoso? Ecco il raviolo con patate, mentuccia e tartare di gamberi!

Sì, è così goloso che, volendo, ne basta solamente uno per proporre un’esperienza organolettica unica e un pasto pieno di gusto e soddisfazione. Con pochi ingredienti semplici, come le uova, il parmigiano e l’olio extravergine di oliva, potrete portare in tavola un delizioso raviolo con patate, mentuccia e tartare di gamberi, fatto in casa e capace di stupire ogni ospite e familiare.

Ideale per le cene più speciali, per le feste e per le festività, questa ricetta vi consentirà di proporre un primo ricco di sapori in contrasto, che però si uniscono perfettamente tra loro. Si amalgamano e si valorizzano a vicenda, lasciando tutti a bocca aperta! Il raviolo con patate, mentuccia e tartare di gamberi fa venire l’appetito solo a parlarne… Perciò non mi perderò in chiacchiere, ma vi parlerò brevemente delle principali potenzialità di questa pietanza e poi passeremo alle modalità di preparazione. Anche la preparazione della sfoglia è semplice e veloce con il Pasta Fresca Bel paese Mix® de La Veronese! Vi stupirà

Le patate: regine in cucina e anche in questa ricetta!

Le patate si presentano come dei tuberi commestibili o, per meglio dire, molto buoni e apprezzati in tutto il mondo! Sono disponibili in varietà diverse e anche in vari colori, e vantano sempre numerose proprietà, sia da un punto di vista organolettico che nutrizionale. Con il loro sapore delicato, si prestano a moltissime preparazioni e si rivelano degli ottimi ripieni per la pasta, proprio come nel caso del raviolo con patate, mentuccia e tartare di gamberi. Rendono ogni pasto più sostanzioso e ricco di importanti macro e micronutrienti.

Infatti, le patate sono valide fonti di carboidrati e amidi, di minerali e vitamine. Offrono importanti azioni digestive, diuretiche, idratanti e depurative a favore del corpo umano e, secondo alcune ricerche, propongono inoltre un effetto calmante e sedativo per il sistema nervoso. Sono un toccasana per l’organismo e trasformano il nostro raviolo con patate, mentuccia e tartare di gamberi in un concentrato di benessere e bontà. Ovviamente, il merito del successo di questo piatto andrà anche agli altri ingredienti principali…

raviolo con patate

Ecco come un raviolo con patate può diventare ancora più gustoso e nutriente

Se amate il sapore della menta tradizionale, amerete anche quello della mentuccia che, al fianco delle patate, si presenta come uno speciale tocco di gusto. È ricca di antiossidanti e di altri fitonutrienti, che si andranno ad unire al valore nutrizionale proposto dai crostacei: i gamberi doneranno al nostro raviolo con patate un’ottima dose di grassi sani e di proteine di qualità. Naturalmente, questa è solo una parte del nutrimento offerto dagli ingredienti. Perciò, potrete già immaginarlo: avrete a che fare con una pietanza davvero sostanziosa!

Tutte queste informazioni avranno sicuramente elevato la vostra voglia di assaporare un buon raviolo con patate, mentuccia e tartara di gamberi, non è vero? Perciò, siamo arrivati al momento della preparazione: fate una spesa attenta e consapevole, e il risultato sarà ancora più soddisfacente!

Ed ecco la ricetta del raviolo con patate, mentuccia e tartare di gamberi

Ingredienti per 4/6 persone

Per la pasta:

  • 500 g di Pasta Fresca Bel paese Mix®
  • 5 uova intere
  • cucchiaio e mezzo di olio extravergine d’oliva
  • 10 g sale
  • 100 ml d’acqua ca.

Per il ripieno dei ravioli:

  • 200 gr di patate
  • 40 gr di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 8 gr di mentuccia foglie
  • 2 di tuorli d’uovo
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe nero

Per la tartare:

  • 240 gr di mazzancolle
  • 2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
  • q.b. sale
  • la buccia di 1 limone
  • 80 gr di pomodori datterini

Preparazione

Pulite accuratamente i gamberi, facendo attenzione a rimuovere l’intestino. Dopodiché, tagliateli a tocchetti e conditeli con olio extra-vergine d’oliva, scorze di limone e un pizzico di sale. Infine, metteteli da parte in frigorifero.

Fate lessare le patate in abbondante acqua salata e, una volta cotte, rimuovetegli la pelle, passatele in uno schiacciapatate e conditele con olio, sale, pepe, parmigiano e menta tritata finemente.

Preparate la sfoglia versando tutti  gli ingredienti nella planetaria ed azionate fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Tirate l’impasto ottenuto fino a che non sarà spesso circa 1 o 2 millimetri e farcitelo con il ripieno di patate preparato in precedenza, creando quindi dei ravioli della forma desiderata.

Quando tutti i ravioli saranno pronti, lessateli in abbondante acqua salata. Una volta pronti, scolateli e saltateli velocemente in padella con un filo d’olio e due cucchiai di acqua di cottura.

Tagliate a cubetti i pomodorini e conditeli a vostro gusto. In seguito, sistemateli al centro del piatto insieme ai ravioli. Con i gamberi preparati in precedenza, realizzate delle quenelle che utilizzerete per guarnire il piatto.

Print Friendly, PDF & Email
Contenuto in collaborazione con La Veronese

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


18-03-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti