Ravioli ripieni di formaggio e patate: si mangia!

Ravioli ripieni di formaggio e patate
Commenti: 0 - Stampa

Delizie del palato: ravioli di formaggio, patate, rosmarino e bacon croccante

Oggi vi racconto come preparare i Ravioli ripieni di formaggio e patate, una tra le mie ricette preferite. La freschezza del formaggio incontra la delicatezza delle patate, il profumo riconoscibile del rosmarino si unisce alla croccantezza della pancetta. Nulla di meglio per celebrare un momento di convivialità qual è un buon pranzo o una gustosa cenetta tra amici. Sorprendete anche chi ha intolleranze alimentari o è celiaco con questo piatto dal sapore unico e dalla preziosa scioglievolezza al palato.

Formaggio fresco cremoso senza lattosio: un ingrediente da non sottovalutare

Ciò che rende tanto particolare e gustosa la mia ricetta dei ravioli di formaggio, patate, rosmarino e bacon croccante è certamente uno dei numerosi prodotti del marchio Exquisa: il formaggio fresco e cremoso senza lattosio. Bontà e genuinità racchiuse in un alimento autentico e, soprattutto, altamente digeribile; senza conservanti, ha un sapore unico, inconfondibile! Adatto proprio a tutti, è un alimento che consiglio vivamente.

Ravioli ripieni di formaggio e patate

Le patate aiutano l’organismo a depurarsi e non solo…

Nella mia ricetta di oggi dei Ravioli ripieni di formaggio e patate un altro grande ingrediente fondamentale è costituito dalle patate, tuberi derivati dalla specie Solanum tuberosum di cui dovrebbe essere ricca la nostra dieta alimentare. Infatti, dovete sapere che le patate contengono la vitamina C che contrasta i danni causati dai radicali liberi, e il potassio, che le rende un valido alleato contro l’ipertensione. Le patate, in aggiunta, sono alimenti energetici e disinfiammanti dell’apparato digerente. Sono ricche di carboidrati complessi, per questo motivo hanno una certa efficacia sui diabetici. Infine, le patate hanno un forte potere saziante e, quindi, aiutano a controllare la fame e a perdere peso.

Ora, non ci resta che passare in rassegna tutti gli ingredienti necessari per preparare i Ravioli ripieni di formaggio e patate!

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr. di mix di farine (100 gr di farina di riso,100 gr di farina di fioretto,100 gr di grano saraceno)
  • 100 gr di maizena
  • 4 uova
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale

Per il ripieno:

Per il condimento:

  • 150 gr di pancetta tesa a fettine
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • Parmigiano reggiano 36 mesi (facoltativo)

Preparazione

Setacciate le farine e versatele nella vasca della planetaria con le uova, l’olio extra vergine di oliva e il sale.

Azionate e iniziate a impastare con la foglia e proseguite con il gancio, fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.

Una volta che è pronto rovesciate l’impasto sulla spianatoia su cui prima date una spolverata di farina e lavorate ancora l’impasto con le mani per lisciarlo ulteriormente, quindi formate una palla che coprite con della pellicola da cucina e lasciate riposare per circa 30 minuti.

Un trucco per verificare la giusta consistenza dell’impasto: premete con il pollice e assicuratevi che non rimanga l’impronta.Mentre la pasta riposa preparate il ripieno.

Preparazione ripieno

Lessate le patate in abbondante acqua, fate cuocere finchè non riuscirete ad infilarle bene con una forchetta.

Sbucciate le patate ancora calde e schiacciatele con uno schiacciapatate, mettetele in una ciotola.

Fate sciogliere il burro in una padella, unite lo scalogno tritato e il rosmarino, fate soffriggere per alcuni minuti.

Unite il burro e lo scalogno alle patate schiacciate, eliminate il rametto di rosmarino, aggiungete sale e pepe e mescolate bene.

Unite anche il formaggio fresco cremoso senza lattosio di Exquisa e mescolate finchè non otterrete un composto liscio e ben amalgamato.

Dopo il riposo dividete l’impasto in panetti più piccoli e lavorateli uno per volta.Stendete la pasta con l’aiuto di una sfogliatrice.

Con l’aiuto di una sac à poche formate delle palline di ripieno sulla sfoglia, coprite con altra sfoglia e sigillate bene, facendo attenzione a far uscire tutta l’aria.Con l’aiuto di uno stampino, ritagliate i ravioli.

Disponete le fettine di pancetta su di  una teglia foderata con carta da forno e tostate con la funziona grill per qualche istante a seconda del grado di cottura desiderato.

Tuffate i ravioli in abbondante acqua salata e fate cuocere per un paio di minuti.

Scolateli delicatamente aiutandovi con un mestolo forato e metteteli su un piatto, cospargeteli con l’olio.

Servite i ravioli accompagnati dal bacon croccante e decorate con aghi di rosmarino fresco.

Se lo gradite, potete cospargere i Ravioli ripieni di formaggio e patate con il Parmigiano Reggiano.

Buon appetito!

5/5 (398 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti