Tronchetto al grano saraceno e amarene a S.Valentino

Tronchetto al grano saraceno e amarene
Commenti: 0 - Stampa

Tronchetto al grano saraceno e amarene: colore e gusto

Il tronchetto al grano saraceno e amarene è un dolce facile da preparare, a tratti persino divertente, che spicca per gusto e per colore. E’ proprio l’impatto visivo a renderlo un dolce perfetto per San Valentino. L’amaranto brillante delle amarene lo trasforma in un sostituto efficace e ben gradito dei classici quanto banali cioccolatini. Ma la resa visiva non è l’unico pregio di questo speciale tronchetto, il quale spicca anche per gusto e accessibilità.

Il primo è dato da una preparazione semplice ed efficace, nonché da una scelta azzeccata degli ingredienti. L’accessibilità è dovuta invece alla presenza di alcuni specifici alimenti, che rendono il dolce adatto anche a chi soffre di patologie legate al cattivo assorbimento del glutine. In definitiva, il tronchetto al grano saraceno e alle amarene è un dolce da provare e far assaggiare a parenti, amici e, soprattutto – magari a San Valentino – al proprio partner!

I tanti pregi del grano saraceno

Il pregio che salta maggiormente all’occhio, e che viene menzionato più spesso da chi lo consuma, è la già citata accessibilità. Il grano saraceno, infatti, è privo di glutine e soprattutto ne è privo naturalmente (non c’è nessun processo chimico dietro a questa caratteristica). Dunque può essere liberamente consumato dai celiaci o da chi manifesta un’intolleranza al glutine.

Tronchetto al grano saraceno e amarene

Sbaglia però chi lo considera come un sostituto del grano “normale”, alla stregua di altri prodotti per celiaci. Il grano saraceno, infatti, è un alimento con una sua identità e con una sua precisa “identità” in termini organolettici. Da alcuni, addirittura, è considerato come un super alimento, dal momento che non si limita a contenere molti carboidrati, come è giusto che sia, ma vanta anche una discreta presenza di vitamina A, B, e J, nonché di magnesio, potassio, selenio, zinco e rame.

Si tratta di una pianta annuale appartenente alla famiglia delle poligonacee e non alle graminacee, come si potrebbe erroneamente pensare.

Grazie alle sue proprietà nutrizionali, il grano saraceno è un cereale che può essere utilizzato come alternativa al riso: è composto soprattutto da amido (25% amilosio e 75% amilopectina) e viene catalogato dai nutrizionisti come una sorta di ibrido a metà tra un cereale e un legume.

Il grano saraceno non contiene glutine ed è quindi alimento ideale per i celiaci e per coloro che soffrono di altre intolleranze alimentari.

Il consumo è da moderare alle persone intolleranti al nichel.

Per gli sportivi poi è un toccasana, perché contiene un valore proteico paragonabile a quello di carne, uova e formaggi presentando però un livello inferiore di grassi. 

La cottura di questo cereale è molto semplice, è sufficiente sciacquare bene il grano prima di cuocerlo.

Occorre utilizzare una parte di grano saraceno e due parti di acqua o brodo lasciando cuocere per circa 30 minuti a fiamma bassa, finché non l’acqua non sarà assorbita. Successivamente si può condire a piacere.

Il ricorso frequente al grano saraceno in cucina comporta sicuramente dei benefici al sistema circolatorio e cardiovascolare, aiutando ad abbassare il colesterolo cattivo (LDL).

Tra le altre cose è il solo cereale a contenere la rutina, sostanza in grado di sciogliere i ristagni e i depositi di adipe agevolando l’ossigenazione dei tessuti e il rinforzo dei capillari.

Non da ultimo va considerato l’alto contenuto di magnesio che riduce il rischio di diabete abbassando la glicemia e aumentando il senso di sazietà.

Il grano saraceno inoltre rappresenta un valido alleato nella prevenzione dei calcoli biliari, l’utilizzo di cibi integrali ricchi di fibre insolubili aiuta il transito intestinale portando a una diminuzione della secrezione degli acidi biliari.

Olio di semi di riso: una scelta azzeccata

Uno degli ingredienti più particolari della ricetta di oggi è l’olio di semi di riso. Un olio, questo, poco diffuso in Occidente ma che in Giappone e in Cina viene considerato come un toccasana per la salute, nonché come un alimento in grado di favorire una cottura eccellente sotto tutti i punti di vista (in particolare il sapore).

L’olio di semi di riso è apprezzato e considerato quasi terapeutico in virtù dell’elevata concentrazione di fitosteroli, sostanze capaci di ridurre l’assorbimento del colesterolo. Notevole è anche la presenza della vitamina E, che viene considerata come un vero antiossidante per i tessuti. Sotto il profilo culinario, di questo olio è apprezzata soprattutto la resistenza alle alte temperature.

Ecco la ricetta del tronchetto al grano saraceno e amarene

Ingredienti:

  • 120 gr. di tuorlo,
  • 60 gr. di uova intere,
  • 130 gr. di olio di semi di riso,
  • 100 gr. di zucchero di canna,
  • 180 gr. di zucchero di cocco solido,
  • 140 gr. di fecola di patate,
  • 120 gr. di albume,
  • 80 gr. di farina di grano saraceno,
  • 70 gr. di amido di riso,
  • 5 gr. di guar,
  • 5 gr. di lievito,
  • 1 gr. di sale,
  • 200 gr. di amarene sciroppate asciutte

Preparazione:

Frullate i tuorli, le uova, il sale e l’olio di semi di riso fino a creare una maionese, poi aggiungete lo zucchero di canna e la fecola di patate precedentemente setacciata. Create una meringa montando gli albumi, lo zucchero di cocco solido e il guar. Dopo aver setacciato la farina di grano saraceno con l’amido e il lievito, aggiungeteli gradualmente alla meringa.

Unite poi le amarene tagliate e la maionese creata precedentemente. Continuate a mescolare fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo. Infine versate il tutto in uno stampo per plumcake e cuocete al forno per 30-35 minuti a 160 gradi.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Un brunch di San Valentino

Un brunch di San Valentino davvero originale

Proposte sfiziose per un San Valentino diverso dal solito Il brunch di San Valentino è un’idea per festeggiare la festa degli innamorati in modo diverso. Di solito, si predilige la classica cena...

Mini madeleine al pepe rosa

Mini madeleine al pepe rosa e cacao a...

Mini madeleine al pepe rosa e cacao, un dolce davvero speciale Le mini madeleine al pepe rosa e cacao sono un’ottima idea per San Valentino. L’impatto visivo, i colori (tendenti al rosa) e il...

croquembouche

Croquembouche, deliziosi bignè al caramello

Cosa sono i croquembouche? I croquembouche, osservati dall’esterno, assomigliano alla nostra pignolata, tuttavia dovrebbero essere associati più che altro ai celebri profiteroles. Si tratta,...

Tartare di bisonte con uova di quaglia

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un...

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un piatto di alta classe La tartare di bisonte con uova di quaglia è un secondo piatto raffinato, da sfoderare durante le occasioni speciali. Io lo...

Red Velvet al mais bianco

Red Velvet al mais bianco, torta per grandi...

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre? La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune...

Crostata con marmellata di arance e fragole

Crostata con marmellata di arance e fragole per...

Crostata con marmellata di arance e fragole, una combinazione suggestiva La Crostata con marmellata di arance, un dolce per tutti, Questa ricetta è stata preparata non solo perchè è squisita, ma...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-02-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti