logo_print

Ghoriba, i biscotti marocchini buoni da impazzire!

Ghoriba
Stampa

Ghoriba, biscotti marocchini senza glutine e senza lattosio

Oggi prepareremo assieme la nostra versione dei ghoriba, biscotti d’origine marocchina generalmente a base di farina, semola, olio, burro e mandorle. Secondo la tradizione, questi biscottini vengono serviti come accompagnamento ad un caffè marocchino o ad un tè alla menta del Maghreb. Le increspature dell’impasto e lo zucchero a velo, sembrano ricordare biscottini simili agli amaretti, ma all’assaggio noterete la differenza in maniera chiara.

Questi biscottini ghoriba potranno diventare degli eccellenti ed originali biscotti per la colazione o la merenda, da inzuppare nel latte, nel tè, nel cappuccino, nel caffè o da gustare semplicemente con un succo di frutta o un ginseng, magari. La nostra rivisitazione di questa ricetta ha come base della profumata farina di cocco e del semolino di riso, il tutto aromatizzato lievemente col limone. Con queste scelte ci assicuriamo una versione senza glutine e senza lattosio ma comunque al pieno della sua bontà e versatilità.

Questi ghoriba hanno, tuttavia, un grave ed evidente difetto del quale dobbiamo necessariamente informarvi: uno tira l’altro! Quando li prepariamo dobbiamo necessariamente farne grandi quantità perché vanno a ruba appena sfornati e rischiano di non arrivare integri alla colazione del giorno dopo!

Semplicità e sapori: una ricetta per tutti

Se prediligete le ricette semplici ma golose, questi ghoriba andranno assolutamente provati. La preparazione di questi biscotti è davvero agevole. Potrete scegliere se lavorare il tutto a mano o con l’ausilio di una planetaria, ottenendo in ogni caso un risultato più che soddisfacente e la giusta consistenza. L’impasto, comprensivo di olio e burro, si lavora facilmente ed anche nella sua granulosità non crea particolari difficoltà nella formazione delle palline tipiche da infarinare con lo zucchero a velo.

La forma e l’impasto di questi biscottini è così pratica e divertente che potrete condividere il piacere della loro lavorazione, volendo, anche con i piccoli di casa. Invece della solita pasta frolla da biscotti, potrete giocare con i bambini a lavorare le palline necessarie per i ghoriba. La cucina probabilmente s’inneverà con lo zucchero a velo, ma ne varrà la pena per vederli felici e soddisfatti e gustare poi tutti assieme queste piccole leccornie.

Ghoriba

Dolcetti marocchini a modo nostro

La rivisitazione fatta con i ghoriba ha reso questo dolcetto tradizionale marocchino maggiormente affine alle intolleranze alimentari. Abbiamo sostituito la semola con la farina di cocco ed il semolino di riso, ma in realtà questi dolcetti si prestano bene alle personalizzazioni. Il base al gusto, si possono aggiungere mandorle, pistacchi, amaretti e nocciole, oppure – perché no – al posto delle zeste di limone e dell’aroma al limone, si può riprodurre il tutto con zeste ed aroma all’arancia.

Infine, e non guasta mai, esistono versioni di ghoriba anche col cacao. In qualsiasi versione deciderete di prepararli, questi ghoriba si distinguono per bontà e morbidezza. Un gusto ed una scioglievolezza in bocca che non esitiamo a definire meravigliosi. Un dolce che, infondo, potremmo leggere in chiave anche sociale, essendo capace di unire popoli e culture così distanti dal nostro ma al tempo stesso così vicini.

In un’epoca come quella attuale, così incline al razzismo, ci piace pensare che la tavola ed i piaceri della gola possano riunirci tutti pacificamente! Non trovate che sarebbe bello? Nell’apprezzare culture diverse e ricette appartenenti a Nazioni differenti, arricchiamo noi stessi e le nostre potenzialità, non solo culinarie. Un motivo in più per provare, assaporare e condividere questi ghoriba, alternandoli di tanto in tanto con le abituali frolle, amaretti o paste di mandorla. 

Ed ecco la ricetta dei ghoriba:

Ingredienti:

  • 90 gr. di farina di cocco
  • 85 gr. di semolino di riso
  • 40 gr. di zucchero a velo + q.b. per la rifinitura
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 15 ml. d’olio extravergine d’oliva
  • 15 gr. di burro chiarificato
  • q. b. di zeste di limone non trattato
  • qualche goccia di aroma di limone

Preparazione:

Per preparare i ghoriba, lasciate il burro fuori dal frigo ad ammorbidirsi per almeno un’ora. In una terrina versate lo zucchero a velo con un uovo, poi aggiungete olio, burro e reste di limone, amalgamando energicamente. Nel composto, aggiungete poi farina di cocco, semolino e lievito, continuando ad unire gli ingredienti e mescolando con un cucchiaio. Otterrete un impasto umido, omogeneo ma sbricioloso.

Bagnatevi le mani con l’aroma di limone e prendete delle piccole porzioni d’impasto. Lavora ogni porzione tra le dita fino ad ottenere una pallina grande quanto una noce. Schiacciate la pallina leggermente e passatela nello zucchero a velo. Man mano che li producete, appoggiate le ghoriba su di una teglia foderata con carta forno. Ripetete l’operazione fino a completamento dell’impasto, intanto pre-riscaldate il forno a 180° in modalità ventilato.

Una volta completate le palline di biscotto, infornate la teglia per circa 20 minuti. Sfornate i ghoriba non appena si saranno dorati in superficie. Potranno essere apprezzabili fin da subito, appena intiepiditi. Buon appetito!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


21-02-2020
Scritto da: NonnaPaperina
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti