Bubble tea al tè matcha senza glutine e lattosio

Bubble tea al te matcha
Commenti: 0 - Stampa

La moda del momento direttamente a casa vostra!

Il bubble tea al tè matcha è una delle mode del momento! Ve ne sarete sicuramente accorti passeggiando in città, soprattutto nelle metropoli e nei luoghi turistici, sempre più persone sorseggiano strani bicchieroni multicolor. Quel che probabilmente stanno gustando, a meno che non si tratti di smoothies, centrifugati o frappè, sarà probabilmente uno sgargiante bubble tea. Ma di che si tratta?

Se ve lo state chiedendo, probabilmente l’onda di questa moda ancora non vi ha raggiunti e ci penso io ad aggiornarvi! Direttamente da Taiwan, dove questi bubble tea sono già noti dagli anni ’80, una moda travolgente e stravagante si è diffusa in tutto il mondo. Una moda culinaria che coinvolge soprattutto i giovanissimi ma che ha illustri fan al suo attivo, come ad esempio Hillary Clinton che li ha recentemente assaporati ed apprezzati. Parliamo in sostanza di un tè reso molto più consistente da delle aggiunte lattose (siano esse latte puro, vegetale, yogurt, panna o similari).

Questi tè vengono poi personalizzati ed insaporiti a seconda delle preferenze personali ed uniti a frutta, gelatina, sciroppi, marshmallow, cioccolatini e chi più ne ha più ne metta. Il risultato è un prodotto freddo, goloso, consistente e fruttato che ben si distanzia dal tè tradizionale del quale comunque conserva le inestimabili proprietà.

Il tè verde Matcha è da sempre apprezzato per le sue straordinarie proprietà benefiche e salutari, tanto da essere consigliato come bevanda detossinante, disintossicante e depurativa. È una delle bevande più ricche di antiossidanti al mondo (addirittura 6 volte superiore alle bacche di Goji) e di clorofilla (utile come detox e per combattere i radicali liberi). Inoltre stimola il metabolismo, dona energia al corpo, rafforza il sistema immunitario, combatte il colesterolo, migliora l’umore e iuta nella concentrazione. Grazie all’importante livello di teina, questo tè è particolarmente consigliato alla mattina, sia da solo che con l’aggiunta di latte (Matcha latte o Matcha cappuccino).

Bubble tea al te matcha

Un dolcissimo tè matcha al frozen yogurt

Preparate le papille gustative perché questo bubble tea al tè matcha è una vera ondata di dolcezza. Questa estate sapremo bene come rinfrescarci, sorseggiando questi ricchissimi bubble tea. Sorprenderemo tutti con bicchieroni trasparenti, colorati e decorati, così da poter amplificare ancora di più la bellezza di questa bevanda. Una bevanda, per altro, così consistente, saporita e ricca da essere per lo più definibile come uno snack drink. Vi proponiamo, infatti, questo bubble tè super nutriente come merenda, spuntino o dissetante drink fresco e goloso per affrontare il caldo intenso dell’estate.

Nessun clima torrido potrà più fermarci se sapremo divertirci e restare idratati con questi bibitoni energici e particolari. Questo bubble tea ci da l’occasione di scoprire le potenzialità ed il gusto di un ingrediente interessante quanto desueto, ossia le perle di tapioca. Ingredienti senza glutine ed altamente energizzante, prodotti dall’amido di manioca.

Tutte le proprietà del tè matcha in versione bubble tea

La moda del momento è personalizzabile in tanti modi, ma questo bubble tea al tè matcha ha davvero una marcia in più! Vediamo subito come mai. Il tè matcha, lo sappiamo, è un ingrediente ricchissimo di potenzialità. In primis, questo tè, più di tanti altri, è sorprendentemente antiossidante, stimolante per il metabolismo ed energizzante. Questo particolare tipo di tè verde è, inoltre, apprezzato per stimolare la memoria, la concentrazione e le capacità cognitive. Basta, infatti, assumere un buon tè matcha per ravvivare la giornata e riprendere a pieno regime con lavoro, studio o routine quotidiana.

Effetto garantito, anche in questa versione più golosa e fresca! Ma le proprietà di questo tè verde giapponese non finiscono qui, giacché esso è in grado anche di ridurre il colesterolo, tenendo in equilibrio il suo livello nel nostro sangue e, per altro, di combattere l’insorgenza del cancro. Un alleato della nostra salute a tutto tondo che, per tanti motivi oltre che per la sua bontà, merita d’essere inserito nella nostra alimentazione in ogni possibile formato.

Ed introduciamolo dunque, perché no, a partire da questa bevanda interessantissima e modaiola! Un ottimo espediente per rimanere idratati e freschi, soprattutto per tutti coloro che – anche d’estate – spesso dimenticano di bere liquidi a sufficienza o provano noia nel gustare le solite cose. Originalità, gusto e nutrimento, sono alla base di questa specialità che non potrà più mancare nelle nostre case!

Ed ecco la ricetta del bubble tea al tè matcha:

Ingredienti:

  • 50 gr. di perle di tapioca;
  • 500 ml d’acqua;
  • 1 tazza di latte delattosato freddo;
  • 1 tazza di ghiaccio;
  • 1/4 di tazza di lattedelattosato caldo;
  • 1/2 tazza di frozen yogurt;
  • q. b. di tè verde matcha.

Preparazione:

Per preparare il bubble tea al tè matcha, mettete in ammollo nell’acqua fredda circa 50 grammi di perle di tapioca. Lasciate le perle nell’acqua per un’ora poi sciacquatele. Mettete le perle in un pentolino con 500 ml d’acqua e fatele cuocere per circa 10 minuti, poi scolatele e lasciatele raffreddare. Riscaldate ora un po’ di latte e scioglietevi il tè verde matcha all’interno, mescolando bene affinché la polvere si dissolva completamente.

Dovrete ottenere un composto omogeneo e privo di grumi dopo di che versatelo nel bicchiere di un frullatore. Unite al tè matcha il latte freddo, il frozen yogurt ed il ghiaccio. Frullate il tutto e disponete in un bicchiere alto un fondo di perle di tapioca cotte e freddate. Versate il composto al tè verde matcha, finemente frullato, direttamente sulle perle fino a riempire il bicchiere. Disponete una cannuccia nel bicchiere e servite il bubble tea.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail analcolico con guava e fragole

Cocktail analcolico con guava e fragole, un drink...

Cocktail analcolico con guava e fragole, un cocktail fruttato ed esotico Il cocktail analcolico con guava e fragole è un drink fresco, gustoso e adatto per gli aperitivi come per il consumo in...

Cocktail lacroix con guava e ananas

Cocktail lacroix con guava e ananas, un drink...

Cocktail lacroix con guava e ananas, per un aperitivo rinfrescante Il cocktail lacroix con guava e ananas è una bevanda rinfrescante e decisamente esotica. Contiene, infatti, ben tre ingredienti...

Digestivo alla camomilla

Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il...

Tropical Punch

Tropical Punch: il cocktail che fa gola al...

È sempre la stagione giusta per gustare un buon cocktail Tropical Punch Il cocktail Tropical Punch vede messi insieme in un connubio perfetto, armonico ed equilibrato, limone ananas e rum. Come si...

Liquore alla melissa

Liquore alla melissa, una bevanda alcolica e aromatica

Le caratteristiche organolettiche del liquore alla melissa Il liquore alla melissa può essere definito come un alcolico da fine pasto. D’altronde è realizzato con una pianta officinale...

Tisana con camomilla e lavanda

Tisana con camomilla e lavanda, una bevanda salutare

Tisana con camomilla e lavanda, la bevanda della buona notte La tisana con camomilla e lavanda è all’apparenza una tisana come tutte le altre, d’altronde è realizzata con l’ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-02-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti