Cavolo cappuccio con mele e ribes, ottimo per la dieta

Cavolo cappuccio con mele
Commenti: 0 - Stampa

Le preziose proprietà degli ortaggi viola

Il cavolo cappuccio brasato con mele e ribes porta il colore viola alla ribalta sulla nostra tavola. Non lasciatevi intimidire da questa tonalità desueta, tantissime specialità hanno questo colore a partire dall’eccellente carota viola oppure anche dalle barbabietole rosse. Ciò che accomuna questi ingredienti, oltre ovviamente al colore, è la ricchezza di proprietà nutrizionali che anche nel caso del cavolo cappuccio viola è particolarmente interessante.

Infatti, rispetto al più frequente cavolo verde, questo viola contiene un tasso 10 volte superiore di vitamina A ed il doppio del ferro. Oltre a questi dati possiamo sottolineare che il cavolo viola contiene vitamina C, sempre utile al nostro corpo per rafforzare il sistema immunitario ed una significativa quantità di sostanze antiossidanti, essenziali per contrastare i radicali liberi e fermare l’avanzare dei segni del tempo.

Un contorno agrodolce al cavolo cappuccio

Questo cavolo cappuccio con mele e ribes è un’eccellente idea da contorno, sublime da affiancare alla carne ma adatta anche, volendo, a pietanze di mare. Il buono di questo contorno è la sua capacità saziante unita alle straordinarie proprietà nutrizionali e ad un’assoluta leggerezza.

Cavolo cappuccio con mele

A livello calorico il cavolo cappuccio è molto basso quindi perfetto per le diete ipocaloriche e per tutti coloro che prestano particolare attenzione al proprio peso-forma.

Il consumo regolare di cavolo può, inoltre, sostenere il metabolismo e favorire la riduzione del colesterolo. Tutti questi vantaggi sono un valore aggiunto ad un contorno che sorprende per il suo il sapore ricco e l’aroma agrodolce, dato dalla commistione tra aceto di vino rosso, zucchero, mela e ribes.

Sapori invernali da saltare in padella

L’idea del cavolo cappuccio brasato con mele e ribes nasce da una semplice ricerca di un contorno particolare, saporito e nutriente da accompagnare alle nostre pietanze. A volte basta davvero molto poco per rendere qualcosa di consueto una fantastica novità. Così la ricetta del cavolo ripassato in padella, in questa nuova versione è diventata un contorno gourmet insaporito ed aromatizzato dalle spezie e dall’aggiunta di frutta, a tutto vantaggio di sapori, consistenze e nutrimento.

Questi ingredienti sono l’espressione dell’inverno e della stagionalità, tutti utilissimi per rafforzare l’organismo e proteggerlo da raffreddori ed influenze tipici dei primi freddi. Un contorno che, ad ogni assaggio, mostra tutte le sue sfaccettature di sapore. Una vera delizia che vi consigliamo caldamente di provare, assaporare e condividere! Un contorno che sa di tradizione ed innovazione al tempo stesso. 

Ed ecco la ricetta del cavolo cappuccio brasato con mele e ribes:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di cavolo cappuccio rosso
  • 80 gr. di mela verde
  • 20 gr. di ribes rossi
  • ½ dl d’aceto di vino rosso
  • 10 gr. di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di semi di cumino
  • 4 cucchiai di olio allo scalogno
  • q. b. di sale

Preparazione:

Per preparare la nostra ricetta iniziate lavando e sfogliando un cavolo cappuccio rosso. Rimuovete l’acqua in eccesso e tagliate le foglie alla julienne. Lavate accuratamente una mela e tagliatela a cubetti, rimuovendo semini e torsolo ma lasciando la buccia. Lavate, infine, i ribes.

In una pentola antiaderente mettete l’olio allo scalogno ed il cavolo cappuccio a brasare. Sfumate con l’aceto di vino rosso solo quando tutti i liquidi si saranno asciugati. Aggiungete a questo punto mela, ribes, zucchero, sale e semi di cumino, lasciando cuocere il tutto per circa 40 minuti. Trascorso il tempo di cottura, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare per 10 minuti prima di servire.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un piatto tra i più conosciuti ed apprezzati. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


31-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti