Zucca in salamoia, una conserva d’altri tempi

Zucca in salamoia

Perché la zucca in salamoia è così utile e versatile

La zucca in salamoia è una preparazione che getta le sua radici in tempi antichissimi, che rievoca epoche in cui era forte l’urgenza di conservare i cibi, magari per fare scorta in caso di carestie o semplicemente per non perdere il raccolto. Proprio da questa urgenza è nata la tradizione delle conserve, che oggi ha risvolti esclusivamente gastronomici. La zucca in salamoia è una conserva a tutti gli effetti, e in quanto tale si fregia di molti usi. E’ una preparazione versatile che si presta ad essere consumata sotto forma di antipasto e come accompagnamento di taglieri di salumi, carni essiccate e formaggi. Molti utilizzano la zucca in salamoia – e in generale le verdure sottoposte a medesimo trattamento – per farcire le torte salate, altri per realizzare dei primi freddi.

Quale che sia il suo uso, la zucca in salamoia conserva tutti i pregi della zucca “originale”. Pregi che sono tanti e significativi, soprattutto per ciò che riguarda l’aspetto salutistico. La zucca è realmente un alimento prezioso, anzi da alcuni è considerato il re degli ortaggi. In primis si caratterizza per un apporto calorico infimo, pari ad appena 26 kcal per 100 grammi, dunque è consigliato anche e soprattutto a chi sta sostenendo regimi dietetici ipocalorici. E’ poi ricca di vitamine e sali minerali, come il potassio, il magnesio e la vitamina C. La zucca contiene anche il betacarotene, un precursore della vitamina A che funge da antiossidante. Alla zucca sono riconosciute svariate proprietà, come il contrasto alla stipsi e la protezione dalle malattie cardiovascolari (grazie soprattutto agli acidi grassi omega tre).

Il contributo dello zenzero e le sue eccellenti proprietà

Lo zenzero gioca un ruolo fondamentale nella ricetta della zucca in salamoia. Infatti viene integrato nel liquido della marinatura, in modo che il suo sapore si trasmetta alla zucca stessa. Un sapore che è forte, pungente ma anche molto gradevole, in quanto piuttosto aromatico. Inoltre, lo zenzero, se consumato con moderazione, fa bene alla salute. E’ considerato un antinfiammatorio naturale, a tal punto che alcuni lo paragonano ai farmaci FANS.

Zucca in salamoia

Lo zenzero è anche ricco di antiossidanti, sostanze che fanno bene al cuore e allo stesso tempo stimolano i processi di rigenerazione cellulare. Proprio in virtù della presenza degli antiossidanti, lo zenzero è considerato anche una spezia capace di diminuire le probabilità di contrarre il tumore.

La cannella, una spezia preziosa e ricca di antiossidanti

La cannella è una delle spezie che, nella ricetta della zucca in salamoia, arricchisce il liquido della marinatura. E’ una spezia preziosa, molto reperibile e forse data un po’ per scontata. Eppure le sue caratteristiche nutrizionali sono numerose, e tutte in grado di recare beneficio all’organismo. In primis è apprezzata per il suo potere dolcificante, a cui si aggiungono sentori pungenti e allo stesso tempo profumati.

La cannella, poi, spicca per la presenza di tantissimi antiossidanti, che come ho anticipato stimolano i processi di rigenerazione cellulare e prevengono i tumori. Alcune sostanze contenute nella cannella, poi, regolano l’assorbimento degli zuccheri, caratteristica che certamente giova ai diabetici. La cannella, infine, è considerata un blando antinfiammatorio ed un analgesico, per quanto non a livello dello zenzero.

Ecco la ricetta della zucca in salamoia:

Ingredienti per due vasi:

  • 500 gr. di polpa di zucca;
  • 2 dl. di aceto;
  • 4 dl di acqua;
  • un di zenzero fresco (tagliato a fette di circa 3 x 3 cm);
  • 1 stecca di cannella;
  • 1 cucchiaino di sale;
  • 10 chiodi di garofano;
  • 1 anice stellato;
  • una foglia di alloro;
  • 1 cucchiaio di pimento;
  • 4 dl. di zucchero semolato.

Preparazione:

Per la preparazione della zucca in salamoia iniziate pulendo per bene la zucca. Di per sé è un passaggio impegnativo, anche perché la superficie è molto irregolare. Ad ogni modo, passatela sotto l’acqua corrente, poi usate uno spazzolino per eliminare i residui di terra. Ora asciugatela con un canovaccio pulito e procedete con il taglio. In genere basta un tagliere sufficientemente ampio e un coltello a lama lunga molto affilata. Se però la zucca è troppo grande, dovrete necessariamente inciderla e dividerla a metà, poi rimuovete i filamenti e i semi usando uno scavino. Continuate a tagliare, fino a ridurre la zucca prima in quattro parti e poi in otto.

Ricordate, più sono piccoli i pezzi, più sarà facile rimuovere la buccia. Prima di tagliare via la buccia è bene raschiarla con una lama liscia e ben affilata, in modo da rimuovere gli eventuali filamenti. Per quanto riguarda la ricetta vera e propria, mettete tutti gli ingredienti in una padella e portate a bollore. Aggiungete la zucca che avete tagliato a pezzi e fate bollire per 10 minuti circa. Poi scolate la zucca e mettetela in barattoli ben caldi e sterilizzati. Versate il liquido della marinatura sulla zucca fino a coprirla completamente. La zucca in salamoia va conservata in un luogo fresco.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


27-11-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti