logo_print

Succo di melagrana e limone, bevanda gustosa

Succo di melagrana e limone
Stampa

Succo di melagrana e limone, un abbinamento perfetto

Il succo di melagrana e limone è una bevanda rinfrescante, gustosa e leggera. Vanta anche un certo impatto visivo, determinato principalmente dalla melagrana, il cui succo si caratterizza per un bel rosso granata. Entrambi gli ingredienti, melagrana e limone, sono fondamentali per l’equilibrio della ricetta. A emergere, però, è il sapore della melagrana, mentre il succo di limone si “limita” a conferire un sentore acre che possa compensare il dolce e l’acidulo dell’altro frutto. La melagrana è anche l’ingrediente più presente, dal momento che per realizzare due litri di preparato sono necessari addirittura 300 grammi di prodotto. Un’abbondanza che non può che far bene, visto l’impatto della melagrana sulla salute e il suo valore nutrizionale.

Il riferimento è in particolare alla vitamina C, di cui si apprezzano quantità significative, persino superiori a quelle delle arance e degli altri agrumi. La melagrana è anche ricca di antiossidanti, che impattano positivamente sui meccanismi di rigenerazione cellulare, contribuendo a ridurre il rischio di sviluppare il cancro. Tra gli antiossidanti più utili in questo senso, e presenti in abbondanza nella melagrana, spicca l’acido punicico. Il frutto si difende molto bene anche in quanto a sali minerali, come dimostrano le elevate concentrazioni di potassio, che vanta proprietà di ricostituente naturale.

Zucchero bianco o zucchero di canna?

Quando si tratta di preparare delle bevande o dei centrifugati, come ad esempio il nostro succo di melagrana e limone, andrebbe posta parecchia attenzione allo zucchero. In primis facendo molta attenzione alla quantità. Una bevanda poco zuccherata potrebbe risultare sgradevole al palato, soprattutto quando il succo è realizzato con ingredienti “importanti” sotto il profilo organolettico (come il limone). Di contro, una bevanda troppo zuccherata, oltre che risultare sgradevole, rischia di dare poco risalto al sapore della frutta. Insomma, occorre trovare un equilibrio e ponderare al meglio le dosi. Per non sbagliare, seguite fedelmente le indicazioni che trovate nella nostra ricetta (non oltre 50 grammi di zucchero).

Succo di melagrana e limone

C’è poi la questione della qualità, nella fattispecie intesa come tipologia e varietà. Il dubbio è, come al solito, tra zucchero bianco e zucchero di canna. Sulle qualità dell’uno rispetto all’altro, occorre sfatare alcuni miti. L’unica grande differenza, che però pesa molto in termini di sapore, è la presenza o meno di residui di melassa, che conferiscono allo zucchero un sapore tiepidamente caramellato. Ebbene, in questo caso consiglio lo zucchero di canna, in quanto il sentore di caramello conferisce maggiore equilibrio alla bevanda, compensando con gusto e dolcezza l’acidulo della melagrana.

Il contributo del limone e il suo apporto di vitamina C

Per quanto il limone sia poco rappresentato, rispetto alla melagrana, è comunque una presenza fondamentale nel succo di melagrana e limone. Lo è per tre motivi, in primis perché conferisce maggior gusto alla bevanda. Secondariamente perché compensa l’essenza acidula e a tratti dolciastra del frutto. Infine, perché si distingue comunque per un elevato valore nutrizionale. Il riferimento è alla vitamina C, che è una presenza comune a tutti gli agrumi, associati nell’immaginario collettivo proprio da questo importante elemento. I pregi del limone, ovviamente, non finiscono qui. Dalla sua parte ha anche una certa concentrazione di vitamine del gruppo B, che tra le altre cose impattano positivamente sulla salute della pelle e del sistema nervoso.

l limoni, poi, vantano proprietà antisettiche e antibatteriche, come è ampiamente risaputo. Come tutti gli agrumi, infine, hanno un contenuto calorico molto basso e quasi trascurabile: 100 grammi di prodotto apportano solo 11 kcal. Il limone contiene, inoltre, un’abbondante varietà di sali minerali, anche se non sono presenti in dosi eccessive. Si segnala una presenza più o meno accentuata di sodio, potassio, ferro, calcio e fosforo. A dominare la scena, però, è comunque il potassio, mentre il ferro è presente in quantità tutto sommato modeste. In generale la bevanda si difende bene dal punto di vista nutrizionale, anche grazie al prezioso contributo del limone.

Ecco la ricetta del succo di melagrana e limone:

Ingredienti:

  • 50 gr. di zucchero di canna finissimo;
  • succo di 1 limone;
  • 300 gr. di chicchi di melagrana;
  • 1 litro e mezzo di acqua naturale.

Preparazione:

Per la preparazione del succo di melagrana e limone iniziate versando nel bicchiere del frullatore 50 grammi di zucchero di canna, 300 grammi di chicchi di melagrana, il succo di limone e l’acqua che avete a disposizione. Frullate per mezzo minuto a velocità 6, o comunque ad una velocità molto alta. Ora prendete un colino a maglie strettissime e filtrateci il succo, infine versatelo dentro una bottiglia di vetro. La bevanda va servita fresca, dunque conservatela in frigorifero prima di offrirla ai vostri ospiti. Buon relax!


Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


20-11-2019
Scritto da: NonnaPaperina
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti