Peperonata : una ricetta leggera e buonissima!

Peperonata al pomodoro
Commenti: 2 - Stampa

Con la peperonata rispolveriamo i piatti dei ricordi

La peperonata è uno di quei piatti che ci accompagnano da tutta la vita. “Che si mangia oggi mamma?” e la risposta era semplice, un paio di peperoni freschi e profumati appena scottati in padella, la “pummarola” fresca ed il piatto era bello e servito, al profumo di basilico. Che piacere l’odore dei peperoni e della salsa di pomodoro che in pochi minuti avvolgeva casa! Da quei ricordi molto tempo è passato, ma ancora oggi resta un piatto del nostro cuore da fare e rifare appena ne abbiamo occasione.

La peperonata puo’ essere utilizzata anche come condimento della pasta. Come contorno accompagna bene sia secondi di carne che secondi di pesce. Puo’ diventare un contorno estivo servito freddo. E’ una delle ricette vegetariane che preparo di frequente.

Per altro, è sempre bene sottolinearlo, i peperoni hanno tantissime proprietà nutrizionali in poche calorie, per questo sono da considerarsi un alimento essenziale per la nostra salute. Ricchissimi di vitamina C, vitamina A e potassio, i peperoni possono prevenire i radicali liberi, favorire la diuresi e ridurre il colesterolo. Preparare questa ricetta non è dunque solo un peccato di gola ma anche un utilissimo piatto capace di ricaricarci di salute ed energie. Un motivo in più per mangiare peperoni e mangiarli anche spesso!

Una peperonata con la salsa di pomodoro, quella giusta

Gli ingredienti che vi suggeriamo non sono mai casuali, ve ne sarete accorti ormai! Per questa peperonata  non ci accontentiamo di una salsa qualunque, ma vi consigliamo un prodotto di primissima qualità, genuino e sicuro, soprattutto dal punto di vista basso contenuto di nichel . La passata di pomodoro e il basilico Sfera è il risultato di agricolture al 100% italiane, più precisamente toscane.

Peperonata al pomodoro

Per realizzare questo prodotto d’eccellenza vengono selezionati pomodori datterini e pomodori superiori per un mix di sapore e cremosità senza eguali. Il sapore giusto  è dunque una passata di pomodoro Sfera, vedrete che equilibrio di sapori e che cremosità!

A prova d’intolleranza al nichel!

Per la nostra peperonata , come abbiamo detto, abbiamo scelto un prodotto d’alta qualità. Il motivo però non è solo il gusto e vi spieghiamo subito come mai. Il brand Sfera, nostro partner, sostiene con noi il progetto Nontitollero.info, un importante ricerca scientifica incentrata sull’importanza di approfondire la conoscenza dell’intolleranza al nichel. Questa intolleranza in particolare ha manifestazioni mutevoli e di difficile diagnosi, non a caso il simbolo di questo progetto è un piccolo camaleonte con la scritta “non ti tollero”.

Il progetto, in partenza nel 2020, vedrà un campione di 2000 soggetti impegnato nella raccolta di dati utili alla ricerca, semplicemente sottoponendosi a screening, visite mediche e test per individuare l’eventuale presenza d’intolleranza; un modo per tracciare confini maggiormente chiari e distinguibili. Un progetto dunque importantissimo che potrà consentire una maggiore conoscenza dell’intolleranza al nichel a tutto vantaggio di quanti ne soffrono, magari talvolta senza saperlo.

Una variante gustosa potrebbe essere la peperonata con patate. Basta aggiungere le patate a crudo e cotte insieme ai peperoni. Purtroppo da intollerante al nichel le patate sono consentite solo in una dieta a rotazione.

Ed ecco la ricetta della peperonata:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 peperoni rossi, gialli e verdi
  • 1 scalogno
  • 200 gr. di salsa di pomodoro Sfera
  • 3 cucchiai di olio extravergine oliva
  • qualche foglia di basilico fresco Sfera
  • q. b. di sale

Preparazione:

Mondate e lavate i peperoni eliminando filamenti bianchi, semi e picciolo. Tagliate i peperoni a falde di circa 1 centimetro. In una padella antiaderente, mettete a rosolare uno scalogno a fettine sottili con un paio di cucchiai d’olio. Dopo qualche minuto aggiungete i peperoni tagliati e lasciate cuocere per circa 15 minuti. Versate a questo punto la salsa di pomodoro e continuate la cottura a fuoco medio coprendo con un coperchio, per altri 20 minuti circa.

Prima della conclusione della cottura, aggiungete un po’ di sale e qualche foglia di basilico. Quando la peperonata al pomodoro è arrivata quasi a fine cottura, alzate la fiamma al massimo, giusto per qualche minuto e mescolate; in questo modo otterrete la consistenza cremosa desiderata. Se si asciuga troppo aggiuntete due cucchiai di acqua calda. Spento il fuoco aggiungete dell’altro basilico fresco e servite la peperonata al pomodoro. Buon appetito!

5/5 (2 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Peperonata : una ricetta leggera e buonissima!

  • Sab 18 Gen 2020 | Gabriella ha detto:

    Leggo di prodotti ausli i pomodori che in altre liste ho trovato tra quelli proibiti per il nichel, e non so cosa pensare. La cosa più giusta é quella consigliata da nonnapaperins di fare il patch test.
    Cosa che andrò subito a fare.
    Devo dire che tra le varie letture fatte sull’argomento quella che mi ha dato più fiducia é questa. Grazie infinite

    • Sab 18 Gen 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Gabriella i pomodori sono ad alto contenuto di nichel ma quelli usati in questa ricetta sono di Sfera. Questa azienda produce in idroponica e sono garantiti senza nichel.La ringrazio per i complimenti.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Melanzane e zucchine alla scapece, un piatto napoletano

Melanzane e zucchine alla scapece, un contorno semplice e gustoso Le melanzane e zucchine alla scapece sono due piatti tipici della cucina napoletana. Sono famosi in tutta Italia, soprattutto...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno sfizioso, molto gustoso, ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di...

cianfotta

La cianfotta, una versione vegetariana

La cianfotta, una pietanza che unisce mezza Italia La cianfotta o ciambotta è un piatto della tradizione italiana. E’ preparata soprattutto al Sud, dalla Campania alla Sicilia, tuttavia le...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-11-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti