Giuggiole sotto spirito: da provare

Giuggiole sotto spirito

Giuggiole sotto spirito, il gusto incontra il benessere

Le giuggiole sotto spirito rappresentano indubbiamente una ricetta piuttosto nota nella tradizione culinaria italiana, in quanto costituiscono un ottimo alimento da gustare dopo pranzo oppure dopo la cena. Esse si rivelano infatti perfette come digestivo e, grazie ad un’attenta preparazione, propongono un liquore dal sapore estremamente delicato ed adatto a tutti i palati, spesso conosciuto con il nome di “brodo di giuggiole”.

Oltre al liquore che si otterrà grazie a questa ricetta però, saranno le stesse giuggiole ad attivare la funzione digestiva e a regalare una sensazione di leggerezza: sono pertanto particolarmente indicate in caso di pesantezza e gonfiore dopo un lauto pasto. Tuttavia, si presentano persino come un dessert molto originale! Volete provarle? Ecco tutto quello che dovreste sapere, dalle peculiarità di questi particolari frutti fino ad arrivare alle modalità di preparazione.

Una ricetta adatta a chi ama i sapori forti e decisi

Ma che cosa sono in realtà le giuggiole? Quando si parla di questo alimento molto spesso si fa confusione e si presentano molti dubbi, non sapendo bene di che cosa si tratti. Le giuggiole sono in realtà dei frutti estremamente dolci che derivano dalla pianta del giuggiolo. Esse sono caratterizzate da un sapore decisamente dolce, ma con un retrogusto acidulo che ricorda un po’ il sapore della mela.

Possono essere consumate come frutti freschi, possono essere utilizzate all’interno di ricette di dolci oppure possono essere adoperate per la preparazione di appetitose confetture. Le giuggiole sotto spirito rappresentano dunque un’originale variante, che può deliziare il palato di chi predilige gusti intensi e decisi, ma non vuole rinunciare ad un tocco di dolcezza, soprattutto dopo i pasti più saporiti.

Giuggiole sotto spirito

Questa preparazione non è solamente molto buona, ma presenta anche alcune proprietà e benefici di una certa importanza. Infatti, dovreste sapere che le giuggiole contengono diverse sostanze nutritive. I principali sali minerali proposti da questi frutti sono il fosforo, il potassio, il rame, il manganese, il ferro e il calcio. Oltre a ciò, offrono una valida dose di vitamina B3 e vitamina C, quest’ultima in una quantità davvero considerevole: decisamente molto più alta rispetto ai più comuni agrumi.

Un piacere per tutti con le giuggiole sotto spirito

Sapevate che le giuggiole possono essere tranquillamente consumate anche da chi sta seguendo una dieta dimagrante e vuole restare in forma? Sì, è così, e questo è dovuto al loro elevato contenuto di acqua e al ridottissimo contenuto di grassi. Per ciò che concerne le calorie, invece, se ne possono contare circa 79 per ogni 100 grammi di frutto.

Le giuggiole sotto spirito sono dunque in grado di accontentare tutte le necessità e possono essere gustate sia da sole, che come amaro a fine pasto. Leggerezza e soddisfazione sono assicurate! Allora, che ne dite… avete voglia di provare questo particolare liquore digestivo preparato con questi speciali frutti? Prendete nota degli ingredienti e seguite attentamente le modalità di preparazione: avrete bisogno di attendere un po’ di tempo prima di assaporarlo, ma vi assicuro che non ve ne pentirete!

Ingredienti per un barattolo da 1 kg:

  • 500 gr. di giuggiole mature
  • 500 ml di alcool a 95°
  • 200 gr. di zucchero di canna
  • La buccia di ½ limone
  • La buccia di ½ arancia
  • 1 cucchiaio di crema di vaniglia

Preparazione

Sterilizzate il barattolo e il tappo. Tagliate la buccia del limone e dell’arancia in listarelle molto sottili. Strofinate le giuggiole con un telo e poi disponetele in un ampio barattolo, con capienza di circa 1 kg e munito di chiusura ermetica.

Aggiungete lo zucchero, le scorze di limone e arancia, 10 cl di alcool nel barattolo in cui sono le giuggiole, unite anche la vaniglia e poi chiudete ermeticamente. Sistemate il barattolo in un posto in cui possa prendere molta luce. Agitate il barattolo ogni tanto e tenetelo lì fino al completo scioglimento dello zucchero. Ci vogliono circa una ventina di giorni.

A questo punto, aggiungete il resto dell’alcool, agitate bene e ponete nuovamente il barattolo in cantina o comunque in un luogo fresco e lasciate riposare per almeno 6 mesi prima di consumare le giuggiole sotto spirito.

Trascorso questo tempo avrete ottenuto un liquore del grado alcoolico di circa 42°, e inoltre le giuggiole sotto spirito saranno un ottimo digestivo, dal sapore particolare e dolce.

4/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gelatina di ribes

Gelatina di ribes, un alleato in cucina

Gelatina di ribes, usi e applicazioni La gelatina di ribes rosso può essere preparata tranquillamente in casa, dal momento che richiede giusto un paio di ingredienti e non pone in essere...

Uva spina sotto spirito

Uva spina sotto spirito, una preparazione versatile

Uva spina sotto spirito, una preparazione dai tanti usi L’uva spina sotto spirito è la classica ricetta della nonna, ossia una conserva fatta in casa che fa riferimento alla migliore tradizione...

Confettura di uva spina

Confettura di uva spina, una confettura buona e...

Confettura di uva spina, una confettura fuori dal comune La confettura di uva spina è una confettura fuori dal comune. Il motivo risiede nelle peculiarità dell’ingrediente principale, ossia...

aglio marinato

Aglio marinato, una conserva buona e digeribile

Aglio marinato, un’idea utile L’aglio marinato è una splendida idea per una conserva diversa dal solito. Quando si parla di conserva si fa spesso riferimento ai pomodori, melanzane e ortaggi...

Cetrioli sotto aceto

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto...

Limoni confit

Limoni confit, come valorizzare un celebre agrume

Limoni confit, un’idea della cucina marocchina I limoni confit, o limoni sotto sale, rappresentano un unicum in questa categoria. Con il termine confit si intende in realtà un metodo di cottura...

24-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti