Ricetta vegan? Ecco i wurstel di lenticchie con crauti

wurstel di lenticchie
Commenti: 0 - Stampa

Wurstel di lenticchie rosse con i crauti: un piatto dalle ancestrali origini

Quando si sente parlare di wurstel di lenticchie con crauti, subito pensiamo ad una ricetta culinaria calorica e poco digeribile. Ma, se non fosse proprio così? Con la variante gluten free possiamo gustare questo piatto prelibato senza sensi di colpa e possiamo beneficiare dell’utilizzo di ingredienti sani e freschi.

Questo piatto tipico della cucina tedesca vanta origini antichissime, ma è sempre attuale! I crauti che accompagnano i wurstel sono foglie di cavolo cappuccio fermentate, che diventano perfette da utilizzare come contorno. Inoltre, la fermentazione dei crauti li arricchisce di vitamine, sali minerali e proprietà che aiutano la digestione e il rafforzamento della flora batterica.

Volendo rendere i wurstel particolarmente salutari e adatti a coloro che seguono una dieta ipocalorica o gluten free, ci basterà sostituire la carne di maiale con ingredienti del tutto benefici per il nostro organismo, come la farina di lenticchie rosse amalgamata con altri ingredienti sani, per preparare i wurstel vegan. E, allora, non ci rimane che dilettarci nella preparazione di questa gustosa ricetta.

Le occasioni per gustare i wurstel preparati con farine di lenticchie

I wurstel di farina di lenticchie accompagnati con i crauti sono una ricetta veloce da preparare ideale durante la stagione invernale, ma anche ottimi anche per le calde sere d’estate. È sorprendente vedere come i wurstel possano diventare un piatto versatile, sano e colorato, adatto alle più svariate occasioni: per una cena leggera preparata durante le fredde giornate invernali, ma anche in piena estate.

wurstel di lenticchie

La pietanza può essere presentata in tavola leggermente tiepida o fredda per conservare il suo sapore gustoso e garantire un apporto di benefici che il nostro organismo apprezzerà. Inoltre, la varietà di colori garantita dai vari ingredienti naturali, rende questo piatto particolarmente invitante e protagonista di un abbondante e leggero buffet.

Un consiglio? Provate ad esempio anche questa ricetta alternativa di hot dog con crauti!

Wurstel di lenticchie con crauti: la prelibatezza incontra il benessere!

Se c’è un ingrediente in particolare in cui bisogna fare attenzione in questa ricetta, questo è la farina di lenticchie, in quanto base del nostro piatto deve essere delle migliori. Per questo la mia scelta è andata sulla farina di lenticchie rosse La Veronese un prodotto di qualità studiato per chi come me soffre di intolleranze.

La farina di lenticchie rosse, a differenza di altre farine di legumi, presenta un maggiore contenuto proteico, utile per risvegliare il metabolismo. Le sue proprietà sono innumerevoli: è ricca di fibre per il buon funzionamento del tratto intestinale, contiene antiossidanti, ferro, zinco, fosforo e acido folico indispensabile alle donne in gravidanza per la corretta formazione del feto. Se poi siamo a dieta, oltre a stimolare il metabolismo e ad essere ricca di fibre, la farina di lenticchie rosse dona subito senso di sazietà.

All’impasto dei wurstel salutari possiamo aggiungere la cipolla ramata ricca di acqua (90%), vitamina A, C ed E, che svolgono un’importante funzione antiossidante e protettiva contro i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Inoltre, questa varietà di cipolla – oltre a contenere calcio, ferro, fosforo, potassio, sodio e zinco – è ricca di prostaglandine, importante per la sua azione antinfiammatoria, per il controllo della pressione arteriosa e del colesterolo. Per amalgamare e compattare il tutto, la salsa di soia è un ottimo condimento derivato dalla soia che, contenendo poche calorie, sostituisce l’olio. Le fibre stimolano l’intestino, disintossicano il fegato e purificano il sangue dalle sostanze dannose. Basta veramente poco per rendere un piatto, all’apparenza molto calorico, salutare e in grado di apportare innumerevoli benefici utili a chi segue una dieta ipocalorica, agli amanti del gluten free, ma anche a tutti coloro che vogliono prendersi cura del proprio organismo.

Ed ecco la ricetta dei wurstel di lenticchie con crauti

Ingredienti per 12 wurstel:

  • 30 gr. di cipolla ramata
  • 10 gr. di olio extravergine d’oliva
  • 10 gr. di concentrato pomodoro
  • 100 gr. di patata
  • 10 gr. di sale
  • q.b. peperoncino
  • 1 gr. di semi di finocchio
  • 500 gr. di acqua fredda
  • 200 gr. di farina di lenticchie rosse La Veronese
  • 20 gr. di zucchero di canna
  • 20 gr. di salsa di soia

Preparazione:

Rosolate la cipolla nell’olio, aggiungete tutti gli altri ingredienti e coprite con l’acqua fredda. Cuocete con coperchio per 10 minuti (fino a cottura della patata), frullate il tutto e portate ad ebollizione. Aggiungete la farina di lenticchie con una frusta e cuocete per 2 minuti.

Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare, formate dei salsicciotti e avvolgeteli nella pellicola singolarmente, lasciate riposare un’intera notte in frigo. Caramellate lo zucchero in una padella, aggiungete la salsa di soia e pochissima acqua per formare uno sciroppo regolato di sale. Saltate i salsicciotti di lenticchie fino a che prendano la giusta caramellizzazione esterna. Servite con insalata di crauti.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con La Veronese

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-07-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti