Pere al rosmarino caramellate, un eccezionale dessert

Pere al rosmarino caramellate
Commenti: 0 - Stampa

Oggi vogliamo stupire con le Pere al rosmarino caramellate

Che bella ricetta, non credete? Già dal nome, le Pere al rosmarino caramellate ci conquistano e ci fanno apparire nella mente immagini di dessert sfiziosi, leggeri e adatti anche agli intolleranti. Questo dolce gluten-free è molto semplice da preparare e permette di portare in tavola un mix di sapori autentici e di proprietà nutrizionali uniche. Come mai vi dico questo? Perché, per la sua realizzazione, andremo ad usare una particolare modalità di cottura: la cottura sottovuoto a bassa temperatura. Sapete di cosa si tratta?

Non è difficile da portare a termine ma, tuttavia, avrete bisogno di strumenti appositi… Una volta usati, non vi pentirete di certo di averli a disposizione e inizierete a utilizzarli tutte le volte che potrete. In pratica, grazie a un sacchetto sottovuoto, si possono cuocere gli alimenti a bagnomaria e a bassa temperatura. La cottura sarà lenta, ma gli alimenti non perderanno i loro succhi, i loro sapori intensi e la loro innata consistenza. Useremo questo metodo anche per preparare le pere al rosmarino… e vedrete che ne sarà valsa la pena!

La pera è il frutto del Pyrus communis, un albero conosciuto fin dai tempi antichi, che cresce sia allo stato selvatico sia in coltivazione. Le pere, frutti a seme come le mele, ne differiscono per la forma, generalmente conica, e per la qualità della polpa, di solito granulosa, di sapore particolare zuccherino, meno acidulo di quello delle mele. Le varietà e sottovarietà di pere coltivate hanno raggiunto un numero ragguardevole. I principali tipi che si coltivano in Italia e si trovano sui nostri mercati sono: pera butirra, gialla o giallo-rossa, a polpa fine succosissima, zuccherina, molto profumata; pera coscia, giallognola, dalla polpa succosa, dolce e profumata; pera spadona, verde o rossa, con polpa zuccherina, acidula, profumata; pera William, a buccia giallo-rosata, con polpa butirrosa; pera imperatore o Kaiser, allungata, buccia gialloscura coperta di ruggine, polpa bianca molto succosa, profumata, zuccherina. Le pere vengono messe in commercio fresche o inscatolate; si utilizzano inoltre per la preparazione di succhi.

Le pere maturano in un periodo estremamente breve dell’anno, e vengono raccolte immature e poi fatte maturare durante la conservazione refrigerata. Manipolatele con cautela perché sono fragili. Si trovano tutto l’anno.

Se immature, le pere dovrebbero essere fatte maturare a temperatura ambiente finché cedono alla pressione delle dita. Evitate frutti discolorati, ammaccati, ammuffiti. Refrigeratele fino al momento del consumo se molto matura, altrimenti lasciatela maturare a temperatura ambiente.

Che bontà porteremo in tavola ?

Come dicevo, abbiamo a che fare con una modalità di cottura che ci consente di preservare i sapori e i valori nutrizionali dei cibi. Pertanto, dato che il sapore della pera e del rosmarino li conosciamo, direi che è fondamentale sapere quali sono le sostanze nutritive che possiamo assimilare grazie a questo dessert. Con una gustosa porzione di Pere al rosmarino caramellate, di certo l’apporto di vitamine, minerali e antiossidanti non mancherà. Lo stesso vale per le fibre e i carboidrati.

Nello specifico, è interessante sapere che il frutto protagonista della nostra ricetta è carico di calcio, potassio, magnesio, fosforo e vitamina C. Contiene anche una sostanza chiamata boro, ovvero una valida alleata del cervello: migliora i riflessi e ottimizza le nostre capacità di memorizzazione. In generale, sappiate che, con una porzione di pere al rosmarino (e mangiando più spesso questo frutto!), potrete contare su tante altre interessanti proprietà. Gioirete di azioni benefiche di cui il vostro corpo non può proprio fare a meno!

Pere al rosmarino caramellate

Impariamo a preparare le Pere al rosmarino caramellate

In base a quello che abbiamo visto finora, probabilmente vi verrà da chiedervi perché non si dice che “una pera al giorno toglie il medico di torno!”… La verità è che questo vale un po’ per tutta la frutta. Nel caso delle pere al rosmarino, è importante dire inoltre che porteremo in tavola delle valide alleate dell’apparato gastrointestinale (in particolare grazie a fibre e pectina) e delle ossa. Infatti, grazie al loro valore nutrizionale, le pere ci aiutano a contrastare il graduale processo di demineralizzazione ossea, riducendo così il rischio di osteoporosi.

Questo frutto è persino un grande amico dell’apparato cardiovascolare. L’elevato contenuto di fibre offre un’interessante azione sui livelli di colesterolo: mangiando frequentemente le pere, possiamo ridurre la quantità di colesterolo cattivo accumulato nell’organismo. Sapevate tutte queste cose? In ogni caso, ripensarci prima di preparare il dessert a base di Pere al rosmarino caramellate non è mica una cattiva idea… Queste buone notizie vi aiuteranno a prepararlo con più entusiasmo e ad assaporarlo con più soddisfazione!

Ricetta preparata al corso di bassa temperatura dallo chef Danilo Angè

Ed ecco la ricetta delle Pere al rosmarino caramellate

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di pere decana
  • 200 gr. di zucchero semolato
  • 1 rametto di rosmarino
  • 60 gr. di burro chiarificato
  • 300 gr. di pasta sfoglia consentita
  • 2 dl. di salsa inglese al caffè

Preparazione

Caramellate lo zucchero con poca acqua e versatene metà in 6 stampini. Unite 1 decilitro di acqua a quello rimasto, rimettete sul fuoco fino a farlo sciogliere e lasciate raffreddare.

Sbucciate le pere, tagliatele a spicchi, inseritele in un sacchetto da cottura insieme al caramello e al rosmarino. Condizionate sottovuoto, cuocete nel bagno termostatato a 82°C per 40 minuti e lasciate raffreddare.

Tagliate il burro a fettine e disponetelo sopra il caramello negli stampini. Adagiatevi le pere sgocciolate, coprite con uno strato di pasta sfoglia e cuocete in forno a 190°C per 12 minuti.

Lasciate intiepidire e servite le tatin con la salsa al caffè.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-04-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti