Risotto alle pere e zafferano, piatto raffinato

risotto alle pere e zafferano
Commenti: 0 - Stampa

Con il risotto alle pere e zafferano, stupirete tutti con sapori semplici e delicati

C’è un primo piatto saporito e versatile che, con qualsiasi ingrediente lo cuciniate, non ci deluderà mai. Sapete cosa è?  È il risotto! Provate la mia versione del risotto alle pere e zafferano! Scommetto che vi piacerà tantissimo!

Il segreto di questa ricetta è la semplicità: pochi e semplici ingredienti che, combinati insieme, creano una vera e propria armonia di sapori!

La dolcezza delle pere è esaltata dal soffritto di scalogno, mentre lo zafferano dona a questo piatto, oltre che un colore brillante, anche un sentore particolare. L’ho sfumato con mezzo bicchiere di vino bianco e, come nota fresca e leggera, ho aggiunto un po’ di succo di limone!

Vi ho incuriosito, vero? È un piatto unico con un equilibrio perfetto di sapori. Delicato e saporito al palato, potete servirlo per una cena elegante, per deliziare i vostri ospiti con semplicità.

Alla scoperta dello zafferano, una spezia antica e ricca di proprietà nutritive

Per dare colore e sapore al nostro risotto alle pere e zafferano, ho usato una spezia molto particolare. Non sappiamo molto sull’origine dello zafferano, quel che sappiamo è che fin dall’antichità era considerato una vera panacea. Pensate che il nome stesso in antico persiano significa “chioma d’angeli”, anche a ricordare il suo colore giallo intenso.

Era utilizzato dalle antiche civiltà mediterranee sia per tingere le stoffe, che per curare diversi malanni. Sicuramente lo zafferano non cura tutti i mali, però, è ricco di antiossidanti (necessari per combattere l’azione dei radicali liberi, responsabili del precoce invecchiamento delle cellule) e sali minerali come ferro, calcio, potassio, fosforo, magnesio, sodio, zinco, rame, manganese e selenio.

Come se non bastasse, lo zafferano ha anche apprezzabili quantità di vitamine B e P. Insomma, il nostro risotto alle pere e zafferano non solo è buono, è anche nutritivo!

risotto alle pere e zafferano

Per fare il pieno di energie, ci sono le pere

Di pere ne esistono tanti tipi, a seconda del loro colore, della provenienza e del sapore della polpa. Quel che le accomuna tutte, sono le proprietà nutrizionali. Vediamo insieme quali sono. Le pere sono un concentrato di vitalità per il nostro organismo: svolgono, infatti, un’azione diuretica, rinfrescante ed antiossidante.

Ma nello specifico, quali sono le caratteristiche nutrizionali di questo frutto? La pera è il frutto del Pyrus communis, un albero conosciuto fin dai tempi antichi, che cresce sia allo stato selvatico sia in coltivazione. Le pere, frutti a seme come le mele, ne differiscono per la forma, generalmente conica, e per la qualità della polpa, di solito granulosa, di sapore particolare zuccherino, meno acidulo di quello delle mele. Le varietà e sottovarietà di pere coltivate hanno raggiunto un numero ragguardevole.

I principali tipi che si coltivano in Italia e si trovano sui nostri mercati sono: pera butirra, gialla o giallo-rossa, a polpa fine succosissima, zuccherina, molto profumata; pera coscia, giallognola, dalla polpa succosa, dolce e profumata; pera spadona, verde o rossa, con polpa zuccherina, acidula, profumata; pera William, a buccia giallo-rosata, con polpa butirrosa; pera imperatore o Kaiser, allungata, buccia gialloscura coperta di ruggine, polpa bianca molto succosa, profumata, zuccherina. Le pere vengono messe in commercio fresche o inscatolate; si utilizzano inoltre per la preparazione di succhi.

Le pere maturano in un periodo estremamente breve dell’anno, e vengono raccolte immature e poi fatte maturare durante la conservazione refrigerata. Manipolatele con cautela perché sono fragili. Si trovano tutto l’anno.

Se immature, le pere dovrebbero essere fatte maturare a temperatura ambiente finché cedono alla pressione delle dita. Evitate frutti discolorati, ammaccati, ammuffiti. Refrigeratele fino al momento del consumo se molto matura, altrimenti lasciatela maturare a temperatura ambiente.

Innanzitutto, hanno una buona quantità di zuccheri semplici, come il fruttosio, la cui rapida assimilazione conferisce alle pere una funzione saziante.

Ricche di sali minerali come calcio (importante per rinforzare le ossa e lo smalto dei denti) e boro (alleato del cervello, perché ne migliora la memoria), le pere hanno anche un alto contenuto di fibre e pectina.Quest’ultima è un enzima cosiddetto “anticolesterolemico”, perchè aiuta ad eliminare il colesterolo.Dulcis in fundo, contengono vitamine A, B, C ed E (indicate per contrastare le rughe della pelle).Quindi, mangiate quante più pere volete, specialmente provatele nel mio risotto alle pere e zafferano!

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr. di riso Carnaroli
  • 3 carote
  • 3 pere biologiche
  • 1 scalogno
  • 1 bustina di zafferano
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 1 lt di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. succo di limone
  • un pizzico di pepe nero

Preparazione

Preparare il risotto alle pere e zafferano è un procedimento lungo, ma molto facile da eseguire.

Iniziate facendo appassire lo scalogno finemente tritato, quindi, unitevi le carote tagliate a dadini e continuate la cottura.

Dopo circa 5 minuti, aggiungete il riso e fatelo tostare. Non dimenticare di mescolare continuamente durante questa fase.

A questo punto, versate il vino bianco e fatelo sfumate. Portate il riso a cottura versando poco brodo vegetale per volta. Quando sarete a circa metà cottura, aggiungete le pere mondate e tagliate a dadini e lo zafferano.

Servite in tavola spolverizzando il vostro risotto alle pere e zafferano con il pepe nero macinato al momento e guarnitelo con qualche fettina sottile di pera, con la buccia spruzzata con succo di limone.

Una vera leccornia!

Buon appetito!

5/5 (392 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti