Macchine per la cottura sottovuoto: quali sono?

Tempo di preparazione:

Quali sono le macchine per cuocere gli alimenti sottovuoto

Dopo aver esplorato le fondamenta della cucina sottovuoto, bisogna dedicarci oggi agli strumenti con cui cuocere l’alimento messo già nel sacchetto sottovuoto. Quali sono le macchine adatte alla cottura sottovuoto a bassa temperatura? Sul mercato vi sono diverse macchine che vanno da quelle più casalinghe a quelle più professionali, dai prezzi contenuti a quelli molto più esosi.

Sicuramente, una macchina assai economica è la vaporiera che, con l’aiuto di un casalingo rilevatore di temperatura (semplice termometro da cucina), permette un buon avvicinamento alla cottura sottovuoto a bassa temperatura. Ma il risultato non potrà mai essere di alta qualità, anche se la vaporiera è un primo passo verso la cottura sottovuoto.

Tra gli altri attrezzi per cucinare gli alimenti sottovuoto, bisogna annoverare il forno a vapore che è una sorta di vaporiera ma più precisa e anche più complessa perché prevede anche un display dove scegliere la temperatura e impostare gli optional. Sicuramente, offre un approccio più professionale rispetto alla vaporiera, ma pur sempre di qualità media.

Per una cottura sottovuoto a bassa temperatura che sia professionale ed economica al tempo stesso, è consigliato il bagno termostatato. Di che si tratta? Vediamo come noi casalinghe possiamo utilizzare questo attrezzo.

bagno termostatato 1 683x1024 Macchine per la cottura sottovuoto: quali sono?

Il bagno termostatato: innovazione ed economicità

Il bagno termostatato è il fiore all’occhiello della cucina sottovuoto a bassa temperatura perché garantisce professionalità e risparmio, soprattutto alle casalinghe amanti della sana cucina sottovuoto. Si tratta di un marchingegno che comunemente viene chiamato Roner e che funziona come un termoregolatore ad alta precisione che va a regolare la temperatura della vasca.

È molto semplice da usare anche per chi si approccia in maniera casalinga alla cucina sottovuoto a bassa temperatura perché prevede un morsello grazie al quale è possibile attaccare il Roner alla vasca (se non avete quella professionale, potete utilizzare una pentola comune). Poi, basta collegarlo ad una presa elettrica, accenderlo e impostare la temperatura desiderata.

Design tecnologico e funzionale del bagno termostatato

Il bagno termostatato o Roner assomiglia ad un frullatore a immersione perché la parte inferiore è in acciaio inossidabile mentre la parte superiore è ben rifinita con materiale plastico ed è dotata di un display digitale dove impostare le varie opzioni scegliendo anche il tempo e la temperatura.

La parte in acciaio possiede una serpentina riscaldante e una ventola che permette la circolazione dell’acqua e la sua miscelazione. Inoltre, si spegne in automatico se rileva sovratensione e se l’evaporazione dell’acqua è eccessiva.

Il bagno termostatato è, quindi, un aggeggio economico rispetto al forno a vapore, e anche molto maneggevole perché non è per nulla ingombrante e lo si può adattare a qualunque pentola o vasca gastronomica.

printfriendly pdf button nobg md Macchine per la cottura sottovuoto: quali sono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *