Popcorn al miele e timo, variante sfiziosa di un classico

Popcorn al miele e timo
Commenti: 0 - Stampa

Popcorn al miele e timo, perché sono così speciali

I popcorn al miele e timo non sono normali popcorn. Questa affermazione è giustificata, in maniera solo apparentemente banale, dalla presenza di questi due alimenti, molto raramente associati al concetto di snack. Per quanto l’accostamento possa sembrare strano, esso risulta molto azzeccato, sia dal punto di vista estetico che gustativo. I popcorn al miele e timo sono una piccola gioia per gli occhi, almeno a livello di colori, ma anche e soprattutto per il palato.

Tra l’altro sono molto consumati negli Stati Uniti, abituati più di noi mediterranei alle preparazioni che mischiano, non senza una certa audacia, il dolce con il salato. I popcorn al miele e timo vengono consumati spesso in onore di eventi della cultura pop americana, tra cui spicca l’imminente Super Bowl. Se avete intenzione di guardarlo vi consiglio di preparare questa ricetta… Per un attimo vi sembrerà di essere negli Stati Uniti, americani tra gli americani!

Ad ogni modo, quella dei popcorn al miele e timo è una ricetta meno banale di quanto si possa immaginare. Se preparare i popcorn è semplice, preparare la salsina al miele richiede un certa conoscenza. Il rischio, se non si seguono le istruzioni alla lettera, è di compromettere il rapporto tra gli ingredienti e rendere i vari sentori poco compatibili tra di loro.

I tanti benefici del miele

Il miele non è solo un alimento squisito, ma è anche versatile. Viene impiegato nelle produzioni dolciarie, nelle bevande in sostituzione dello zucchero (è considerato il primo dolcificante della storia dell’umanità) ma anche per alcune produzioni salate. Questa pratica, come potrete immaginare, non è tipica della cultura gastronomica italiana, ma ciò non implica che non sia utile o capace di valorizzare anche alimenti apparentemente agli antipodi come i popcorn. Tra l’altro, in questa ricetta il miele non viene applicato in solitaria, ma insieme ad altri ingredienti e sottoposto a un’operazione di caramellatura.

Popcorn al miele e timo

Ad ogni modo, vale la pena sottolineare ancora una volta i tanti benefici del miele. Per esempio, l’abbondante presenza degli acidi organici, che regolano e implementano molte delle funzioni biologiche dell’organismo. Il miele, poi, contiene molti oligoelementi e tutti in discrete quantità: potassio, sodio, calcio, fosforo, magnesio, ferro, rame e manganese. Il miele, inoltre, esercita parecchie funzioni: dissetante, vermifugo, antitossico, stomachico, cicatrizzante e tonico. Insomma è un vero “nettare degli dei”, un valore aggiunto in qualsiasi preparazione, popcorn compresi!

Il timo e le sue mille proprietà

Nella ricetta dei popcorn al miele il timo è una pianta aromatica che in genere viene associata ai primi e ai secondi, non certo agli snack. Dunque potreste sorprendervi del fatto che il timo, in questa ricetta, è presente per ben “due volte”: una sotto forma di polvere post-essiccazione, una seconda addirittura nella sua variante più fresca, in foglioline. La presenza così abbondante del timo non è un vezzo, ma una scelta che procede da elementi di tipo gustativo ed estetico.

In primis il timo dona colore a questi popcorn. Secondariamente si sposa bene con l’altra salsa, realizzata con il miele e con il burro. Tra l’altro, ma questo è un dettaglio molto conosciuto, il timo è una pianta quasi terapeutica, che fa bene all’organismo. Il timo, per esempio, è un formidabile antibatterico e persino un antivirale. Per questo motivo viene impiegato come rimedio naturale all’influenza o anche come strumento di prevenzione della stessa.

Il timo è anche famoso per le proprietà antispasmodiche, che giovano all’intestino, soprattutto in una prospettiva di alleviamento dei sintomi della colite. E’ anche uno stomachico, ovvero una sostanza in grado di favorire la peristalsi degli organi dell’apparato digerente. Ciò è merito soprattutto della presenza dei flavonoidi, che raramente si trovano in concentrazioni più elevate. Il timo, infine, si caratterizza per la presenza dei fenoli, che agiscono in qualità di antinfiammatori e contribuiscono soprattutto a diminuire il rischio di contrarre malattie cardiovascolari.

Ecco la ricetta dei popcorn al miele

Ingredienti:

  • 100 gr. di mais rosso per popcorn;
  • 2 cucchiai di olio di girasole;
  • 3 cucchiaini di zucchero di canna;
  • 2 cucchiaini di miele;
  • 2 cucchiaini di timo essiccato;
  • qualche fogliolina di timo fresco;
  • 1 pizzico sale.

Preparazione:

Per la preparazione dei popcorn al miele iniziate riscaldando un po’ di olio in una padella molto capiente utilizzando la fiamma media, poi versate qualche chicco di mais. Quando questi iniziano a scoppiare, aggiungete il resto del mais, coprite la pentola e scuotetela un po’. Lasciate “cuocere” per cinque minuti agitando di tanto in tanto. Quando i popcorn sono pronti, versateli in una ciotola ampia e profonda e lasciate intiepidire.

Caramellate lo zucchero insieme al miele in un pentolino, sempre a fiamma media. Condite la salsa caramellata con il sale e il timo essiccato, versate metà dei popcorn, mescolate, aggiungete l’altra metà e mescolate nuovamente. Versate il tutto in una teglia ricoperta con carta forno per farli raffreddare. Infine aggiungete il timo fresco e servite.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

kebab

Il kebab, una versione casalinga

Come preparare il kebab in casa La ricetta di oggi può essere considerata come una specie di panino kebab fatto in casa a base di carne. Molti storceranno il naso di fronte a questa espressione,...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti