Popcorn al formaggio, un’accoppiata vincente

Popcorn al formaggio
Commenti: 0 - Stampa

Popcorn al formaggio, uno snack americano

I popcorn al formaggio sono un’idea semplice e geniale per uno snack da leccarsi i baffi. Tanto più che il formaggio utilizzato in questo caso, o che almeno io vi consiglio, è il nostro parmigiano reggiano. L’associazione tra un alimento tipicamente americano e uno dei simboli della cultura gastronomica italiana potrà risultare una stranezza ad alcuni, ma vi assicuro che l’accoppiata è davvero vincente! La sapidità del parmigiano reggiano, infatti, valorizza (ma senza coprire) il sapore più delicato dei popcorn. E poi non vi costa niente provare: gli ingredienti sono semplici da reperire e la ricetta si realizza in pochissimi minuti. Appunto, il tempo di far scoppiare i popcorn!

I popcorn sono diventati lo snack per eccellenza insieme alle patatine in busta ormai da qualche anno, e accompagnano spesso la visione dei film al cinema o degli eventi sportivi. Gli americani sono soliti consumarli, insieme ad altre delizie simil-fast food in occasione dei grandi appuntamenti, in particolare il Super Bowl. Se siete interessati a questo evento, e avete intenzione di guardarlo, vi consiglio di preparare i popcorn al formaggio proprio in questa occasione. Vi sembrerà di essere un americano tra gli americani, ma con un pizzico di italianità che, quando si tratta di cucina e di gusto, non fa mai male.

I tanti benefici del parmigiano reggiano

La ricetta che vi propongo oggi prende il nome di popcorn al formaggio. Trattandosi della rivisitazione di uno snack di origine americana avrei potuto proporre qualsiasi tipo di formaggio “anglosassone”, il cheddar per esempio. Invece ho scelto proprio il parmigiano reggiano perché, secondo me, i due sapori si sposano davvero bene a vicenda. Il gusto marcato del parmigiano valorizza senza coprire il sapore “più soffice” e leggermente dolciastro dei popcorn. E poi, è quasi inutile specificarlo, il parmigiano reggiano, se consumato con accortezza, non fa solo bene al palato ma anche alla salute.

Popcorn al formaggio

In primis, è una fonte eccellente e abbondante di calcio. Per fare un paragone, basti pensare che 20 grammi di parmigiano offrono la stessa quantità di calcio di un bicchiere di latte. In virtù di questa caratteristiche, rafforza le ossa e previene, o combatte, l’osteoporosi. Il parmigiano reggiano, inoltre, stimola il sistema immunitario grazie alle elevate concentrazioni di oligoelementi, come il ferro e lo zinco, e soprattutto grazie alla presenza abbondantissima di vitamine del gruppo B. Il parmigiano reggiano, poi, fa bene anche all’apparato cardiocircolatorio. Contiene infatti i tripeptidi, sostanze che bloccano l’enzima deputato all’aumento della pressione arteriosa. Infine, questo formaggio è anche del tutto privo di lattosio, essendo lungamente stagionato. Un dettaglio non da poco, se si considera che l’intolleranza al lattosio è molto diffusa!

Come preparare dei perfetti popcorn

La ricetta dei popcorn al formaggio è abbastanza semplice, a tal punto che sono tra le prime “pietanze” che i bambini imparano a preparare in autonomia. Tuttavia, preparare dei popcorn “perfetti” non è poi così facile. Occorre infatti adottare alcuni accorgimenti, altrimenti c’è il rischio che il risultato finale, per quanto commestibile, non sia gustoso come deve essere. Ad ogni modo, il primo segreto sta nell’olio: dovrebbe essere usato solo l’olio di semi di mais, per giunta di prima mano (niente riutilizzi quindi) e versato nella giusta quantità, sufficiente a coprire la padelle con uno strato sottile. Un altro accorgimento riguarda il coperchio, è meglio che sia trasparente, in modo da verificare in tempo reale quando sono pronti e non rischiare di bruciarli. Infine, un po’ di manualità nei pochi minuti necessari alla cottura, in questa fase sarebbe bene scuotere la padella in modo deciso ma lento.

Il popcorn è un classico degli Stati Uniti, che di fatto ne hanno promosso il consumo. Tuttavia è originario dell’America Latina, dove veniva consumato ben prima che Cristoforo Colombo attraversasse l’Atlantico. Per qualche secolo i popcorn sono stati ignorati dalla cucina anglosassone europea. La sua diffusione, però, è iniziata negli anni venti del XX secolo, quando sono comparse le prime macchine per fare i popcorn. E’ da quel momento che questo snack è stato associato alla visione di eventi sportivi, circensi e film.

Ecco la ricetta dei popcorn al formaggio

Ingredienti:

  • 2 cucchiai di olio di semi di mais;
  • 50 gr. di mais rosso per popcorn;
  • 1 noce di burro chiarificato;
  • 30 gr. di parmigiano reggiano 24 mesi grattugiato;
  • 1 pizzico di sale.

Preparazione:

Preparare i popcorn al formaggio è davvero molto semplice e divertente, iniziate versando due cucchiai di olio di semi su una padella abbastanza capiente e accendete il fuoco. Una volta che l’olio si sarà riscaldato, aggiungete il granturco e distribuitelo in modo omogeneo. Applicate il coperchio e fate cuocere per 3 minuti, scuotendo la padella di tanto in tanto.

Mentre i popcorn si cuociono, occupatevi della salsina. Versate in un pentolino antiaderente il burro e il parmigiano, accendete la fiamma e continuate a scaldare fino a quando il formaggio non si sarà sciolto completamente. Versate i popcorn in una ciotola e aggiungete la salsa, infine mescolate e servite.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...

Quesadillas con pico de gallo

Quesadillas con pico de gallo, un delizioso street...

Quesadillas con pico de gallo, uno spuntino proteico e gustoso Le quesadillas con pico de gallo sono un tipo di tortilla che rispetta fedelmente la cultura gastronomica messicana, una cultura che...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti