Turbante di filetti di branzino per il tuo pranzo

turbante di filetti di branzino
Commenti: 2 - Stampa

Volete provare il turbante di filetti di branzino?

Quella del turbante di filetti di branzino con acqua di pomodoro e crema di cavolo romano si presenta come una ricetta da non perdere! Unisce insieme tantissimi sapori differenti, ma anche tanti diversi valori nutrizionali, che fanno sempre la differenza nella nostra alimentazione e nella nostra quotidianità. Nonostante le apparenze, questa pietanza non è poi così difficile da preparare: vi basterà un po’ d’impegno, ottimi ingredienti e anche un po’ di amore e fantasia… Con questa filosofia, si possono sempre fare faville in cucina. Ve lo assicuro!

Abbiamo a che fare con un secondo piatto che conquista tutti, sia da un punto di vista visivo, che a livello organolettico: le sue mille sfumature di gusto riscuotono sempre un gran successo. Ve ne accorgerete non appena porterete il turbante di filetti di branzino a tavola! Perciò, ci sono tanti buoni presupposti per provare questa ricetta, ma cos’altro dovreste sapere a riguardo? Conoscere gli alimenti che portiamo in tavola, ci aiuta ad apprezzare maggiormente ciò che assaporiamo!  Non è così?

Parliamo del branzino!

Quando si tratta di benessere, si sa, si parte (quasi) sempre dalla tavola, e quindi dalla nostra alimentazione. A questo proposito, è utile sapere che il turbante di filetti di branzino con acqua di pomodoro e crema di cavolo romano è un piatto dalle mille potenzialità. Gran parte del merito va certamente al pesce, ovvero uno degli alimenti più consigliati dai nutrizionisti. Infatti, si tratta di un cibo ricco di proteine ad alto valore biologico, e di vitamine e minerali fondamentali per la salute del sistema nervoso, di quello immunitario e delle ossa.

turbante di filetti di branzino

Chiaramente, queste sono solo alcune delle proprietà da non sottovalutare, che il pesce può offrirci. Non dobbiamo neanche dimenticare la presenza rilevante dell’omega 3, contenuto anche nelle carni magre del nostro turbante di filetti di branzino. Quest’ultimo è un pesce che contiene meno grassi rispetto ad altri e la maggior parte del suo contenuto lipidico è rappresentato appunto da acidi grassi essenziali, quelli buoni per il nostro cuore e per l’apparato cardiovascolare nella sua interezza.

Cos’altro sapere sul turbante di filetti di branzino?

Per parlare di tutti gli ingredienti di questa ricetta, ci vorrebbe più di un articolo! Infatti, sono tanti e tutti altamente nutrienti e genuini. Sono pochi e semplici, ricchi di macro e micronutrienti, in particolare di fibre, vitamine, minerali e antiossidanti. Sia i pomodori che il cavolo romano sono remineralizzanti, idratanti, depurativi, diuretici e ideali per potenziare il sistema immunitario e per migliorare le funzioni gastrointestinali. In pratica, rendono il turbante di filetti di branzino ancor più sostanzioso e, nel contempo, più digeribile!

Tuttavia, non dimenticate di selezionare tutti questi ingredienti con attenzione: anche il pesce dovrà essere fresco e dotato di carni compatte e di un bel colorito. Ci servono pochi alimenti… e, perciò, è chiaro che dobbiamo sceglierli come si deve. In questo modo, la nostra portata a base di turbante di filetti di branzino con acqua di pomodoro e crema di cavolo romano potrà essere bella da vedere e deliziosa da assaporare!

Ingredienti per 4 persone

  • 2 branzini da 400/600 gr. l’uno
  • 200 gr. di cavolo romano
  • 2 pomodori ramati
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Sfilettate i branzini togliendo la pelle. Poi, batteteli con un batticarne e puliteli della parte grassa della pancia. In seguito, salate, pepate e sistemate negli stampi.

Cuocete il cavolo romano in acqua salata. Spellate i pomodori, eliminate parte della loro polpa e tagliate grossolanamente, salate e mettete a scolare in un colapasta. Tenete da parte l’acqua di colatura.

Separate dal cavolo romano 4 ciuffetti e conservateli per la decorazione. Frullate velocemente la parte restante del cavolo, insieme a un cucchiaio di olio extravergine d’oliva.

Cuocete i branzini in forno a 170° per circa 5 minuti.

Mettete l’acqua di pomodoro sulla base di un piatto fondo, posizionate al centro il branzino a turbante e farcitelo con la crema di cavolo. Guarnite con i ciuffetti di cavolo, la pelle e la polpa di pomodoro.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Turbante di filetti di branzino per il tuo pranzo

  • Lun 15 Apr 2019 | vita ha detto:

    turbante di filetti di branzino: è considerato un piatto freddo? gli stampi per il branzino devono essere di diametro?
    grazie
    Vita

    • Lun 15 Apr 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Non è considerato un piatto freddo. Ho utilizzato stampini del diametro di 10 cm

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti