Filetti di branzino con salsa di cannellini

Filetti di branzino con salsa di cannellini
Commenti: 0 - Stampa

Oggi prepariamo i Filetti di branzino con salsa di cannellini

Nella ricetta dei Filetti di branzino con salsa di cannellini, la salsa ha la sua importanza. Le salse sono preparazioni semiliquide che hanno l’importante funzione di accompagnare le vivande, che trovano in esse il loro completamento. Il ruolo delle salse in cucina è pertanto di grande rilievo; la loro preparazione e il loro abbinamento con i cibi debbono essere molto curati affinché i sapori si fondano in modo armonico e gradevole al palato.

Erano già diffusamente impiegate nell’antichità – basta ricordare il celebre garum (salsa di pesce) di epoca romana, vennero autorevolmente codificate nel XIV secolo ad opera del cuoco francese Guillaume Tirel nel Viander, il più antico libro di cucina apparso in Francia che, influenzato da precedenti ricettari italiani, fu un’ opera base per i secoli a venire.

Tirel, che dal 1346 fu al servizio delle più raffinate case reali, suddivise l’opera in dieci sezioni dedicando la prima alle salse, distinguendole in ‘salse bollite e salse fredde’. Tra le salse bollite, grande importanza era riservata alla cameline, così chiamata per il suo colore bruno rossastro, che ricordava il manto del cammello.

Si otteneva con cannella, zenzero, chiodi di garofano, grani del paradiso, aceto, mollica di pane. Usatissima inoltre era la ‘salsa bianca’ che era considerata “il banco di prova d’ogni cuoco”. Si componeva di mandorle, carne di cappone, zucchero, zenzero, mollica di pane, acqua di rose, il tutto abbrustolito, passato al setaccio e fatto restringere a fuoco molto lento.

In cucina si impara ogni giorno!

In passato questo tipo di elaborazioni di cucina erano considerate un elemento essenziale per rendere un piatto fastoso e raffinato; oggi il loro impiego è meno indispensabile, ma ugualmente apprezzato. In linea generale si intendono per salse sia i fondi di cottura opportunamente legati (cioè fatti addensare) sia le salse preparate a parte, calde o fredde che siano. Poiché l’argomento è molto vasto parleremo in questa occasione di salse calde ed in una prossima di salse fredde.

Come per i filetti di branzino con salsa di cannellini, gli elementi base per la preparazione delle salse calde sono i fondi e i roux. I primi possono essere di pesce, verdura, carne o pollame e possono essere sostituiti in casa con brodo ristretto. I secondi servono come base ‘legante’ per le salse calde e sono costituiti da burro e farina; si tratta di una preparazione semplice ma che richiede grande cura; a seconda del tempo di cottura si ottiene un roux bianco, biondo o bruno.

George-Auguste Escoffier, considerato il creatore della gastronomia moderna, prescrive, per una perfetta riuscita dei roux, l’impiego del burro chiarificato, e cioè fatto sciogliere a fuoco dolce – senza soffriggere – e filtrato in modo da eliminare i residui solidi di caseina e la spuma. Si possono ottenere dei roux anche utilizzando altri grassi (di rognone, margarina, escluso però l’olio): ma le vivande ne risultano appesantite.

Le salse calde più importanti sono quelle di base, dette, in gergo gastronomico, ‘salse madri’ in quanto da queste derivano tutte le altre. Più precisamente le salse di base sono: la salsa besciamella, la salsa vellutata o bianca, la salsa spagnola o bruna e la salsa al pomodoro.

Qualche consiglio sia per i Filetti di branzino con salsa di cannellini, che per tutte le salse calde:

Elenchiamo qualche piccolo consiglio che si rivelerà certamente utile nella preparazione di salse calde:

  • utilizzate solo ingredienti di sicura freschezza e qualità;
  • eliminate sempre il grasso in eccesso che si forma in superficie;
  • se la preparazione della salsa calda è avvenuta in anticipo, conservatela in caldo a bagnomaria sino al momento dell’uso dopo aver passato la superficie con un pezzetto di burro onde evitare che si formi la pellicola;
  • se la salsa è troppo liquida, potete addensarla unendo un poco di burro impastato in precedenza con un poco di farina; non eccedete con spezie e aromi per non caricare il sapore della salsa.

Ecco la ricetta per preparare un piatto dal sapore fresco ma allo stesso tempo forte e gustoso?

I Filetti di branzino con salsa di cannellini sono il piatto giusto per voi!

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gr. di filetti di branzino
  • 200 gr. di fagioli cannellini
  • un rametto di timo
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Mettete i cannellini in ammollo per una notte intera in abbondante acqua. Sciacquateli e cuoceteli in acqua e poco sale per un’ora a fuoco medio. Tenete qualche cucchiaio dell’acqua di cottura che vi potrebbe servire se una volta passati la salsa di addensa.

Una volta cotti e raffreddati togliere un mestolo di cannellini da lasciare interi e passate il resto al frullatore con un filo d’olio e tenete in caldo.

In una pentola antiaderente appoggia i filetti di branzino e fateli dorare da ambo le parti.

Impiattate mettendo sul fondo la salsa di cannellini e appoggiate nel centro i filetti e decorate con qualche fogliolina di timo.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesce spada al forno con bergamotto

Pesce spada al forno con bergamotto, gourmet

Pesce spada al forno con bergamotto e radicchio, degli ingredienti di classe Il pesce spada al forno con bergamotto e radicchio stufato è un secondo molto elegante, quasi gourmet. D’altronde, la...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-07-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti