bg header
logo_print

Pennette alla vodka, un gustoso primo piatto anni 80

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

pennette alla vodka
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Pennette alla vodka, un primo gustoso e ricco di ricordi

Con le pennette alla vodka i nostri pranzi avranno uno sprint in più. Qualche giorno fa alla radio trasmettevano le grandi hit degli anni ’80 e quanta nostalgia! Canticchiavo qualche ritornello, quando mi è venuto in mente il piatto emblema di quegli anni, e ho deciso di prepararlo (con una piccola variante). Riuscite ad indovinare a cosa mi riferisco? Ovviamente, delle pennette alla vodka e il mio prof. di russo ne andava matto

Nonostante la presenza della vodka questa ricetta non arriva da quella parte di mondo. Parrebbe che le origini siano nate in un ristorante di Bologna. La ricetta originale prevede come formato di pasta le penne. Pensate che è la seconda ricetta più ricercate e cliccata negli Usa dopo la pasta alla bolognese e la pizza.

Le pennette alla vodka sono un primo piatto dal sapore incredibile: il connubio tra pancetta e vodka è a dir poco esplosivo! Per rendere questa ricetta un po’ più leggera, ho scelto di usare lo yogurt anziché la panna. È quel tocco leggermente aspro che esalta la dolcezza dei pomodori freschi. Potete servire le pennette alla vodka ad una cena a tema, oppure, fate come me: gustatevele con il sottofondo della vostra canzone anni ottanta preferita!

Ricetta pasta alla vodka

Preparazione pennette alla vodka

  • Preparare le pennette alla vodka è piuttosto semplice. Iniziate facendo appassire il trito di cipolle, sedano e carota in un tegame con un filo d’olio.
  • Aggiungete i dadini di pancetta e lasciateli rosolare. Facendo attenzione, aggiungete la vodka e lasciatela evaporare a fiamma alta.
  • A questo punto, pelate e tritate grossolanamente i pomodori, dopodiché, aggiungeteli alla pancetta.
  • Abbassate la fiamma, regolate di sale ed unite al tutto due cucchiai di yogurt.
  • Nel frattempo lessate la pasta e, quando sarà al dente, scolatela e fatela saltare qualche istante nella padella con il sugo.
  • Aggiungete una presa abbondante di pepe macinato e servite in tavola. Et voilà, la pasta alla vodka è pronta! Buon appetito!

Ingredienti pennette alla vodka

  • 320 gr. di penne o pennette consentite
  • 500 gr. di pomodori maturi per il sugo
  • 150 gr. di trito di cipolla
  • sedano e carota
  • 50 gr. di pancetta affumicata a dadini
  • 2 cucchiai di yogurt greco consentito
  • mezzo bicchiere di vodka
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale e di pepe

Conoscete la storia del superalcoolico più famoso del mondo?

Protagonista delle pennette alla vodka, non può che essere il superalcoolico tra i più famosi al mondo, ma cosa sappiamo su questa bevanda? Una leggenda russa narra che, mentre erano all’inseguimento del nemico, i cavalieri cosacchi si trovarono davanti ad un lago. Non potendo attraversarlo e non avendo tempo per costruirvi sopra un ponte, chiesero aiuto ad un mago. Costui, pronunciò qualche strana formula e trasformò l’acqua in vodka, così che i cavalieri potessero berla ed arrivare all’altra sponda.

Come tutte le leggende, è una storia incredibile, ma mostra come questo distillato fosse conosciuto già in tempi antichi. Di certo saprete che la vodka è nata nell’Est Europa, tra la Polonia e la Russia, ed è giunta fino a noi con Napoleone. Durante la campagna di Russia, infatti, il generale francese aveva bisogno di scaldare le truppe rimaste al fronte. Avendo terminato le scorte di alcoolici e di cibo, ordinò di razziare grandi quantità di vodka, indispensabile per combattere le temperature così rigide.

Quindi, l’ingrediente che da un po’ di sprint alle nostre pennette alla vodka ha una storia davvero interessante alle spalle!

Nelle pennette alla vodka metto lo yogurt anzichè la panna

Come accennavo, nella mia versione delle pennette alla vodka ho preferito lo yogurt alla della panna. Perché questa variazione? È molto semplice, perché questo latticino non sovrasta gli altri sapori. Inoltre ha delle caratteristiche nutrizionali interessanti, sapete quali?

Oltre ad essere ricco di vitamina B, che aiuta a creare globuli rossi ed alimentare il sistema nervoso, contiene una percentuale molto alta di calcio (utilissimo per la salute delle ossa e dei denti),  fosforo (che migliora le prestazione della memoria), potassio, zinco e magnesio.

Inoltre, nonostante abbia poche calorie, lo yogurt contiene molti nutrienti: si calcola che quello intero conti 83 kcal. per 125 ml. di prodotto. Cosa significa?

Significa che potete tranquillamente aggiungere lo yogurt alla vostra dieta giornaliera, senza stravolgere il fabbisogno energetico quotidiano! La vodka liscia non contiene glutine ed è adatta a chiunque.

Perché i pomodori nelle pennette alla vodka?

I pomodori fanno parte integrante delle pennette alla vodka, in particolare vengono aggiunti dopo la pancetta e prima della panna (io uso lo yogurt) in modo da produrre un sugo denso e saporito. Come al solito fate attenzione a quali pomodori utilizzate. I migliori per questo genere di preparazione sono quelli succosi e allo stesso tempo molto maturi.

I pomodori, o per meglio dire i pomodori trasformati in passata di pomodoro, esaltano i sapori delle penne alla vodka. Allo stesso tempo conferiscono una tonalità tendente al rosso, che grazie all’aggiunta della panna (o dello yogurt) vira decisamente sull’arancione.

Il tutto senza appesantire dal punto di vista calorico, infatti i pomodori non superano le 30 kcal per 100 grammi. Allo stesso tempo forniscono una certa quantità di vitamine, sali minerali e antiossidanti. Tra questi spiccano la luteina e il licopene, sostanze che riducono il rischio cardiaco.

pennette alla vodka

La pancetta fa ingrassare?

La lista degli ingredienti delle pennette alla vodka comprende anche la pancetta. E’ un alimento fondamentale in quanto conferisce sapidità alle penne, nonché una nota grassa e gradevole al palato. La presenza della pancetta in una qualsiasi pietanza fa sempre storcere il naso ai più salutisti, in quanto è considerata ipercalorica e piena di lipidi. In effetti apporta circa 400 kcal per 100 grammi (praticamente un record nel mondo delle carni trattate) e il 42% di grassi. Tuttavia, è sufficiente consumarla con prudenza per ridurre gli effetti sulla linea.

D’altronde la pancetta è anche ottima sul piano nutrizionale, infatti contiene una dose non trascurabile di proteine, vitamine del gruppo B, magnesio e altri sali minerali.

In merito a questa pasta alla vodka, possiamo dire che il trattamento riservato alla pancetta è piuttosto tradizionale, infatti viene banalmente rosolata in un soffritto classico.

Un soffritto classico per le pennette alla vodka

Tra le componenti più importanti di questa ricetta delle pennette alla vodka spicca il soffritto. Il soffritto è una preparazione base della cucina italiana, essenziale per conferire maggiore gusto agli ingredienti e favorire la loro cottura. Esistono svariate tipologie di soffritto, ma nel caso delle pennette alla vodka si utilizza un soffritto classico a base di carota, cipolla e sedano.

Preparare il soffritto è molto facile, preparare un ottimo soffritto è già più complesso. Un accorgimento consiste nel tagliare le verdure in maniera molto sottile e regolare, il ché richiede una certa manualità.

Un altro consiglio riguarda la gestione della fiamma, che dovrebbe essere media fino a quando l’olio giunge a temperatura, poi si mantiene a fiamma bassa per tutto il tempo di cottura. Infine, regolatevi con la presenza dei liquidi nei cibi. Se i liquidi sono pochi rischiate di bruciare il soffritto prima che vengano rilasciati. In questo caso è necessario anticipare di qualche istante l’aggiunta degli ingredienti.

Come rendere il piatto sicuro per gli intolleranti alimentari

Le pennette alla vodka sono sicure per chi soffre di intolleranze alimentari? Di base no, infatti contengono sia il glutine che il lattosio. Il glutine è contenuto nella pasta, mentre il lattosio nella panna o, come in questo caso, nello yogurt.

Per fortuna si fa presto a rimediare. I celiaci possono tutelarsi sostituendo le pennette con una variante gluten free, magari realizzata con la farina di riso (che vanta una buona resa). Le alternative possono essere anche esotiche, come la farina di grano saraceno, la farina di teff e di sorgo. Ovviamente valutate con attenzione come le varie farine interagiscono con gli altri ingredienti della ricetta.

Per quanto concerne l’intolleranza al lattosio è sufficiente sostituire la panna e lo yogurt con varianti delattosate. Il sapore è in genere molto simile a quello delle controparti originali, anche se di tanto in tanto si può avvertire una nota più dolce.

E per quanto concerne i sensibili e gli allergici al nichel? Per loro l’unica soluzione è escludere i pomodori e quindi il sugo, a meno che non si utilizzano pomodori nichel free, ottenuti da colture idroponiche

FAQ sulle pennette alla vodka

Chi ha inventato le penne alla vodka?

Le penne alla vodka sono state inventate da Ugo Tognazzi, il celebre attore del dopoguerra. Pochi sanno, infatti, che oltre ad essere un artista era anche un appassionato di cucina.

Come si preparano le penne alla vodka?

Le penne alla vodka sono un gioco da ragazzi, basta abbrustolire la pancetta su un soffritto classico e sfumare con abbondante vodka, poi si aggiungono i pomodorini e si manteca il tutto con la panna (io in genere uso lo yogurt). Infine, si aggiunge la pasta cotta al dente.

Cosa ci vuole per le penne alla vodka?

Le penne alla vodka vengono realizzate con la pancetta. Gli ingredienti per il soffritto sono invece i pomodorini, la panna (o lo yogurt). Sono necessari anche olio, sale, pepe e ovviamente la pasta.

Quante calorie hanno le penne alla vodka?

Le penne alla vodka apportano circa 500-600 kcal per porzione, se non si abbonda molto con la pasta. Tuttavia, il computo dipende dalle dosi e dalla quantità di pancetta che si utilizza, inoltre anche la quantità di panna (o di yogurt) che si versa sulla salsa fa la differenza.

Ricette con le penne ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Risotto alla malva

Risotto alla malva, un primo piatto aromatico e...

Quale riso scegliere? Per quanto concerne il risotto alla malva vi consiglio di andare sul sicuro utilizzando il riso Carnaroli. E’ la varietà più comunemente usata per il risotto, in quanto è...

Shirataki con verdure e salsa teriyaki

Shirataki con verdure e salsa teriyaki, un piatto...

Cosa sapere sugli shirataki I protagonisti di questa ricetta sono gli shirataki, un tipo di pasta molto consumato in Giappone ma considerata una rarità dalle nostre parti. Gli shirataki si...

Gamberoni in guazzetto

Gamberoni in guazzetto, una raffinata ricetta di mare

I gamberoni, dei crostacei davvero speciali Tra gli ingredienti di spicco della ricetta del guazzetto troviamo i gamberoni. Rispetto ai gamberi propriamente detti si caratterizzano per le dimensioni...