Meringhe alla francese con cioccolata: una golosità

meringhe alla francese
Commenti: 2 - Stampa

Dolcezza al piatto irresistibile: meringhe alla francese con cioccolata

Chi non ha mai preparato le meringhe in vita sua alzi la mano. Oggi mi è venuta voglia di preparare questa ricetta, un po’ per golosità ed un po’ per provare il mio nuovo splendido forno. uno strumento professionale, indispensabile compagno delle mie battaglie in cucina.

La Meringa all italiana e la Meringa alla francese fanno parte delle preparazioni di base nel mondo della pasticceria. Esiste una differenza fra le sue ricette. Sono relativamente semplici da preparare e richiedono pochi ingredienti. Una volta che avrete imparato a fare questo un dolce in grado di essere utilizzato  in una ampissima varietà di dolci e dessert.

Questi dolcetti soffici sono l’emblema della perfezione in cucina. Qui, non è dato improvvisare, non è concesso sostituire un ingrediente al posto di un altro…è necessario rispettare fedelmente una determinata temperatura a meno che non si voglia un disastro. Insomma con le meringhe alla francese non si scherza! Per la loro realizzazione non è possibile procedere alla cieca.

D’altronde il risultato si commenta da solo, solo a vederle fanno venire l’acquolina in bocca. Eleganti e carine come sono possono essere presentate anche al termine di cene raffinate. Senza contare che queste meringhe alla francese, non ancora irrorate dal cioccolato -questo potrà esservi versato, a piacimento, in un secondo momento- possono essere portate con sé ovunque, non richiedendo di essere conservate in frigo, in quanto “asciutte” e prive di creme.

Piccole nuvolette di proteine: le proprietà nutritive delle meringhe

Oltre ad essere il non plus ultra sotto l’aspetto organolettico -certamente non trascurabile visto il loro profumo delizioso e il loro sapore dolce e delicato le meringhe alla francese rappresentano una valida fonte di proteine. Queste ultime sono immancabili per chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana. Garantirsene un giusto apporto quotidiano è infatti determinante, visto che l’alimentazione è priva di una delle maggiori fonti di proteine: la carne appunto.

meringhe alla francese

Non a caso sono in commercio tantissimi nuovi prodotti che promettono appunto un alto contenuto di proteine a fronte di un basso tenore di grassi, pensati, in particolare, per un pubblico ampio, popolato in particolare, ma non solo, da sportivi, amanti della cucina vegetariana e salutisti. Ebbene, le nostre meringhe alla francese rappresentano un modo “fai da te”, decisamente sicuro e genuino, di fare il pieno di proteine.

Qualche piccola curiosità: meringhe alla francese e non solo…

Esistono, a ben vedere, tre tipi di meringhe: quelle alla francese, di cui ci occuperemo nella nostra ricetta odierna, per preparare le quali lo zucchero viene aggiunto a freddo; quelle all’italiana, in cui, a differenza delle meringhe francesi, lo zucchero viene aggiunto liquido e a caldo, quindi viene precedentemente fuso sul tegamino; e quella svizzera, che prevede che gli albumi, prima del loro utilizzo, siano tenuti ad una temperatura leggermente inferiore a quella di coagulazione.

La ricetta delle meringhe francesi è quella di cui vogliamo occuparci. Si tratta della ricetta originale tramandata sin dalla notte dei tempi per la preparazione di quelle che, troppo spesso, sono confuse con quelle che in Italia chiamiamo semplicemente “meringhe”, dimenticando che l’origine di questi croccanti prodotti di finissima pasticceria è proprio francese. Piccola curiosità: esiste anche la meringa giapponese, trattasi di una variante più ricca, contenente in aggiunta anche mandorle tritate. Le ho viste preparare anche ripiene di crema pasticcera al limone e al cioccolato.

Servitele con una buona cioccolata. Nel 1519, durante la conquista spagnola dell’impero azteco, Hernàn Cortés scoprf l’uso dei semi di cacao per preparare una bevanda amara, calda, chiamata “chocolate”. Tornato in Spagna, Cortés vi introdusse la nuova bevanda, che però fu trovata troppo amara, tanto che ne fu modificato il gusto con l’aggiunta di zucchero di canna.

Pochi anni dopo, la nuova bevanda si diffuse anche in Italia e poi in Francia e in Inghilterra dove si svilupparono le chocolate houses. Ma per molto tempo ancora la cioccolata rimase una bevanda di lusso, a causa del costo elevato del prodotto di partenza.

Il valore nutritivo della bevanda è variabile, perché dipende dalla quantità di polvere di cacao usata o dalla quantità di zucchero aggiunto e dal liquido usato, di solito latte ma qualche volta acqua. Comunque, dato l’alto valore energetico del cacao in polvere, una tazza di cioccolata, anche se preparata con acqua, contiene almeno 60 calorie.

Un’idea per San Valentino potrebbe essere quella di preparare queste meringhe con la cioccolata per una merenda romantica. Le meringhe possono essere preparate con anticipo e si conservano a lungo.

Ed ecco la ricetta per le meringhe alla francese

Ingredienti per circa 40 meringhe

  • albumi di 3 uova
  • 220 gr. di zucchero a velo
  • q.b. di succo di limone

Per la cioccolata:

  • 1 confezione da 200 ml di latte intero delattosato
  • 100 ml di acqua
  • 40 gr di cioccolato fondente 65%
  • 20 gr di cacao amaro in polvere
  • 60 gr di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di fecola

Preparazione:

Tritate il cioccolato fondente e mischiate al cacao, allo zucchero e alla fecola. Aggiungere al tutto il latte e l’acqua. Mischiate il tutto sciogliendo bene bene i grumi e fate bollire per alcuni minuti.

Separate i tuorli dagli albumi, versando questi ultimi nella vasca di una planetaria. E’ essenziale utilizzare albumi a temperatura ambiente.

Azionate la frusta a velocità media e versate metà dello zucchero insieme a qualche goccia di succo di limone. Montate gli albumi a neve molto ferma. Dovete ottenere un composto lucido e spumoso. Potete utilizzare anche delle fruste elettriche se non avete la planetaria a portata di mano.

Aggiungete il resto dello zucchero a velo e inglobatelo con una spatola mescolando molto delicatamente dal basso verso l’alto, per non smontare gli albumi.

Trasferite il composto in una sac-à-poche con una bocchetta dentellata e formate dei ciuffi, di circa 3 cm di diametro, ben distanziati tra loro su una teglia da forno rivestita con carta forno.

Cuocete in forno statico preriscaldato a 75°per circa 4 ore: dovranno asciugarsi lentamente al forno. I tempi di cottura sono importanti.

Non appena i vostri ciuffetti di meringa saranno ben asciutti, estraeteli dal forno e lasciate raffreddare completamente prima di staccarli dalla carta forno.

Solitamente le meringhe sono di colore bianco, ma potete variare aggiungendo altri ingredienti all’impasto o aromatizzarlo con un pizzico di cacao o con gocce di limone come in questo caso.

5/5 (315 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Meringhe alla francese con cioccolata: una golosità

  • Ven 30 Lug 2021 | Serena ha detto:

    Mi fai venire voglia di mettermi all’opera per prepararle. Devono essere una goduria.

    • Ven 30 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Serena ti credo. Guarda anche la meringa all’italiana e dimmi che ne pensi.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti