Canapine al profumo di limone per una dolce Pasqua

Canapine al profumo di limone
Commenti: 0 - Stampa

Un raffinato dessert con canapa e limone

Le chiamiamo canapine al profumo di limone, ma potremmo anche dire madeleine ai semi di canapa. Questi piccoli dolcetti, in qualunque modo li si voglia definire, sono delle morbidissime coccole per il palato, capaci di sprigionare dolcezza, delicatezza e profumi, in modo raffinato ed equilibrato. L’assaggio di queste canapine è capace di rievocare magiche suggestioni, ricordi, pensieri, sensazioni. Così come con le madeleine del francese Marcel Proust nell’opera “La ricerca del tempo perduto”, anche noi ci lasciamo romanticamente solleticare da queste piccole tentazioni.

Immaginate di servire questi dolcetti come dessert, a termine del gustoso pranzo di Pasqua oppure, perché no, di confezionarne un po’ da regalare come dolce omaggio ad amici e parenti. Le canapine al profumo di limone sono belle, eleganti e particolari, saranno quindi il regalo più apprezzato che potrete fare, considerando anche la ricercatezza degli ingredienti utilizzati per la loro preparazione.

Canapine, una dolce tentazione per Pasqua

La bellezza delle canapine al profumo di limone, con la loro forma affusolata a conchiglietta, è tale da poter cominciare ad apprezzarne la bontà già con lo sguardo. Morbide, profumate, lievemente croccanti grazie all’apporto dei semi di canapa, queste canapine sanno come tentare il nostro palato. Infondo, stiamo parlando di una tentazione innocente e nemmeno troppo calorica per essere un dessert ricco, tra l’altro, anche di zucchero, olio e burro di cacao.

Canapine al profumo di limone

Per colazione, a merenda o come dessert, queste canapine sono sempre giuste, pronte e perfette, da buttar giù senza pensarci troppo. Assaporerete un gusto intenso e goloso, esaltato dalla morbidezza e dal cuore umido. Aggiungendo lo yogurt di riso, la naturale pancia rigonfia e morbida viene ancor più esaltata da un boccone che sembra sciogliersi in bocca.

Questo dessert senza glutine e senza lattosio è una proposta alternativa, pratica, gustosa e semplice da realizzare, per onorare la festività della Pasqua, oppure da preparare in qualsiasi momento dell’anno come pura golosità. Nella nostra versione, ottimizzata per le intolleranze e composta di soli ingredienti ricercati e di prima qualità, queste canapine sono ancor più buone di quel che potrete immaginare.

Una pausa tè con una raffinatezza in più

A colazione le canapine al profumo di limone sanno svegliarci in allegria e benessere, ma è intingendole nel tè che riusciamo ad apprezzarle ancora meglio. Quando a metà pomeriggio cominciamo ad avere un po’ di appetito o magari fa freddo ed avremmo voglia di gustare qualcosa di caldo, ecco che l’abbinata canapine e ci risolve in dolcezza il problema. Dividete con parenti ed amiche questi mini-plum-cake e riceverete complimenti ed apprezzamenti per la loro preparazione.

Le madeleine sono per altro una passione che si può personalizzare a seconda del caso, in versioni salate o dolci che vi consigliamo di assaporare. Sfogliate liberamente questo blog alla ricerca delle molteplici alternative possibili che abbiamo pensato per voi, tra cui delle ottime madeleine con pomodori secchi, timo ed olive o un’altra versione dolce con riso nero e mandorle!

Ed ecco la ricetta delle canapine al profumo di limone:

Ingredienti per 20 pezzi mignon: 

  • 90 gr. di uova intere;
  • 60 gr. di yogurt di riso;
  • 60 gr. di zucchero di canna;
  • 40 gr. di olio di canapa;
  • 20 gr. di burro di cacao;
  • 50 gr. di farina di canapa;
  • 60 gr. di amido di riso;
  • 2 gr. di sale;
  • 2 gr. di lievito per dolci;
  • 40 gr. di semi di canapa (per decorazione);
  • 1 limone grattugiato.

Preparazione: 

Per preparare le canapine al profumo di limone conviene pesare separatamente ogni ingrediente, nelle dosi specificate. Prediligete uno stampo per madeleine in metallo perché capace di trasmettere il calore in maniera più omogenea, favorendo una migliore lievitazione e cottura. Sciogliete il burro di cacao, con tecnica a bagnomaria oppure nel microonde, ed unitelo poi all’olio di canapa. Spaccate le uova ed unitele al composto, sbattendo il tutto energicamente con delle fruste elettriche.

Dovrete ottenere un composto omogeneo ma non montato. Setacciate, aggiungendo al composto il lievito, la farina e mescolate il tutto fino a rendere l’impasto semisolido. Aggiungete sale, yogurt, zucchero e scorza di limone grattugiata, continuando con lo sbattitore ad inglobare il tutto fino ad ottenere una consistenza soddisfacente. Ricoprite la coppetta con della pellicola e riponete l’impasto a riposo in frigorifero per circa un’ora.

Oliate lo stampo per le canapine, a forma di conchiglietta, con dell’olio e versateci l’impasto all’interno con l’ausilio di un sac à poche o di un cucchiaio. Abbiate cura di lasciare sempre alcuni millimetri liberi dal bordo, in previsione della lievitazione in cottura. Distribuite sulla superficie dei semini di canapa che fungeranno da decorazione. Introducete lo stampo in un forno pre-riscaldato a 180°e lasciate cuocere per 6 minuti. Noterete dopo poco la parte superiore gonfia ed asciutta. Sfornate subito le canapine, altrimenti l’umidità interna dei dolcetti potrebbe sciupare il risultato finale. Estraete le canapine dallo stampo e servitele, magari assieme a del tè. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale e sono molto facili da preparare. Le uova sono uno degli alimenti simbolo...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone. Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-04-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti