Una ricetta buona da far paura? Dita di strega

Dita di strega
Commenti: 0 - Stampa

Dita di strega : biscotti con le mandorle per la notte di Halloween…

Dolcetto o scherzetto?” – Probabilmente possiamo offrire entrambe a ogni ragazzino che busserà alla nostra porta, preparando un dolcetto… che è un po’ uno scherzetto! Le dita di strega possono infatti fare lo stesso effetto e, se realizzate con cura, possono quasi sembrare vere e procurare a ogni ospite un piccolo sussulto… perfetto per la festa di Halloween!

Vi state chiedendo di cosa sto parlando? Di una magnifica leccornia! Le dita di strega sono biscotti, per l’appunto a forma di dita, che vengono modellati e decorati per garantire un impatto unico! Si tratta di una ricetta senza glutine e senza lattosio, che conquisterà i bambini ma anche gli adulti. Ma quali sono gli ingredienti perfetti per preparare questi dolcetti?

Niente burro e niente farina bianca!

Di solito, il burro e la farina tradizionale sono i primi ingredienti a cui pensiamo quando si tratta di preparare biscotti e dolci in generale. Tuttavia, in questo caso useremo alimenti un po’ “alternativi” come la crema di semi di girasole e la farina di riso. Principalmente grazie a questi ultimi, le dita di strega arrivano sulla tavola delle feste privi di glutine e lattosio. Pertanto, avremo a che fare con una preparazione digeribile, ma comunque deliziosa e nutriente.

Dita di strega

Useremo poi le uova, che doneranno un tocco di energia e di bontà in più ai biscotti. Questo ingrediente delle dita di strega è persino ricco di vitamina A, D e vitamine del gruppo B, nonché di preziosi minerali. Al suo fianco useremo lo zucchero di canna chiaro, l’amido di riso e il bicarbonato: l’impasto sarà delizioso e si tramuterà in tante dita perfette… e inquietanti! Una volta pronti, questi biscotti risulteranno sazianti e a dir poco soddisfacenti per il palato. Ma come possiamo creare le unghie?

Tante mandorle… per tutte le dita di strega!

Sì, esatto. Le unghie le prepariamo con le mandorle. Queste ultime sono i frutti del mandorlo, il cui nome scientifico è Prunus dulcis. Le mandorle aggiungeranno alle dita di strega un’ampia dose di fibre e proteine, ma anche di fosforo, calcio, magnesio, potassio, manganese, vitamina E, J e vitamine del gruppo B. Secondo le ricerche, questi semi oleosi sono in grado di promuovere in particolare la salute del sistema nervoso e dell’epidermide.

Essendo anche ricchi di acidi grassi monoinsaturi, come l’acido oleico e l’acido palmitoleico, aiuteranno a ridurre i livelli di colesterolo e si presenteranno come validi alleati e del cuore e del sistema vascolare. Le mandorle renderanno le dita di strega uno snack ancor più energizzante e gustoso! Direi che ogni bambino si meriterebbe uno di questi biscotti… Li vogliamo preparare?

Ingredienti per circa 40 biscotti

  • 80 gr. di crema di semi di girasole
  • 2 uova
  • 90 gr. di zucchero di canna chiaro
  • 220 gr. di farina di riso
  • 60 gr. di amido di riso
  • un pizzico di bicarbonato
  • 40 mandorle pelate

Preparazione

Versate in una ciotola la crema di semi di girasole e lo zucchero, mescolate bene, poi unite anche le uova e mescolate ancora. Aggiungete la farina di riso, l’amido di riso e il bicarbonato. Impastate finché non otterrete una pasta soda e liscia. Avvolgetela nella pellicola e tenete in frigo per un’ora.

Preriscaldate il forno a 180 gradi e rivestite una teglia con la carta forno. Riprendete la pasta dal frigo e modellate dei pezzi di pasta: dovrete ottenere dei cilindretti di uno spessore simile alle vostre dita.

Con un coltello fate dei tagli sui cilindri di pasta, per ottenere le classiche righe che abbiamo sulle dita. Per aiutarvi, mettete un vostro dito vicino al rotolino di pasta e prendetelo come esempio.

Sistemate anche le mandorle, che saranno le unghie.

Infornate i biscotti per circa 10-12 minuti, sfornate e fate raffreddare su una griglia, prima di servire.

Si potranno conservare per alcuni giorni in un contenitore a chiusura ermetica.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Madeleine con zucca

Madeleine con zucca, il dolcetto perfetto per Halloween

Madeleine con zucca, un perfetto incontro tra gusto ed estetica Si sa, quando lo scopo è creare dei dolcetti per Halloween anche l’occhio vuole la sua parte, e in senso creativo per giunta....

Risotto di Halloween con salsiccia

Risotto di Halloween con salsiccia, un primo da...

Risotto di Halloween, un primo creativo Il risotto di Halloween non è un risotto come tutti gli altri, d’altronde potete vederlo voi stessi, guardando semplicemente la foto. Ciò che colpisce di...

Brunch di Halloween

Brunch di Halloween, un tris di ricette da...

Perché un brunch ad Halloween? Chi lo ha detto che Halloween si festeggia solo di sera, con il favore delle tenebre? Certo, la festa è associata all’oscurità, alle tematiche horror e noir....

Ragnetti bon bon

Ragnetti bon bon: goliardia e gusto ad Halloween

Ragnetti bon bon bicolore: un dolce economico Volete fare la classica bella figura ad Halloween ma allo stesso tempo vorreste spendere il meno possibile? Preparate dei deliziosi ragnetti bon bon...

Cupcakes ragni salati

Cupcakes ragni salati: una delizia per Halloween!

Cupcakes ragni salati alla zucca: non un dolce come gli altri Come suggerisce il nome i cupcakes ragni salati alla zucca non sono i classici dolcetti di Halloween. Anzi, di dolce hanno davvero...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti