Confettura di bacche di Goji: concentrato di antiossidanti

Confettura di bacche di Goji
Commenti: 0 - Stampa

Una alleata della salute: la Confettura di bacche di Goji

Senza dubbio avete già sentito parlare delle bacche di Goji. Magari le avete pure assaggiate, ma secche. Oggi voglio aiutarvi a scoprirle in una veste un po’ particolare. La Confettura di bacche di Goji vi stupirà, ve lo assicuro!

Perfetta sia per gli intolleranti al lattosio, sia per i celiaci, è una fantastica alleata della salute. Seguitemi nelle prossime righe per scoprire perché!

Qualche informazione sulle bacche di Goji

La ricetta della Confettura di bacche di Goji è una buona occasione per parlare delle proprietà delle bacche. Note anche con il nome scientifico di Lycium barbarum, le bacche di Goji appartengono alla famiglia della Solanacee.

Crescono soprattutto in Asia, in Paesi come Cina e Mongolia. Come già specificato, una delle versioni più diffuse di questo frutto è la bacca essiccata.

Per quanto riguarda l’apporto energetico, si parla di 350 calorie ogni 100 grammi. Cosa dire sulle loro proprietà? Per parlarne in maniera completa, ci vorrebbero pagine e pagine. Da ricordare è che le bacche di Goji sono considerate un super food.

Le loro proprietà, infatti, riguardano diversi aspetti  della salute, dalla prevenzione dei tumori al miglioramento dell’efficienza del sistema immunitario.

Confettura di bacche di Goji

Alla scoperta delle proprietà delle bacche di Goji

Le proprietà delle bacche di Goji sono davvero tante. Iniziamo ad elencarle parlando del contenuto, molto alto, di vitamina C.

L’acido ascorbico rende le bacche delle ottime alternative antiossidanti. Non dimentichiamo che questa sostanza è fantastica anche per l’efficienza del sistema immunitario e per la prevenzione di diverse patologie, come per esempio i tipici malanni invernali.

I benefici delle bacche di Goji non finiscono certo qui! Per completare almeno in parte quello che è un quadro molto complesso è il caso di ricordare che, grazie alle fibre, contribuiscono a mantenere regolare l’attività intestinale, con ovvi vantaggi per il peso.

Ideali come spezza-fame, aiutano a raggiungere rapidamente la sazietà e, grazie alla presenza di betacarotene, sono ottimi per la vista!

Come già detto, esistono diversi modi di consumarle. Si possono aggiungere allo yogurt, ma anche all’insalata.

Ovviamente si può anche prendere in considerazione l’alternativa della marmellata. Ora però bando alle chiacchiere!

Il momento di provare a prepararla è arrivato! Il processo è molto semplice e il risultato, vi assicuro, vi darà un sacco di soddisfazioni speciali!

Ed ecco la ricetta della Confettura di bacche di Goji

Ingredienti:

  • 200 gr. di Bacche di Goji
  • 50 ml. di acqua
  • la buccia di 1 arancia
  • 1 cucchiaio di sciroppo di zenzero
  • 1 cucchiaio di miele

Preparazione:

Sciacquate e ammollate le bacche per almeno 1 ora. Pulite la buccia dell’arancia della pellicina bianca (albedo) e tagliate a striscioline sottili. Scolate le bacche e versate con tutti gli altri ingredienti nel bicchiere del frullatore e azionate fino ad ottenere un composto omogeneo.

Fate cuocere il composto fino a raggiungere la consistenza desiderata. Una volta pronta versate in un vasetto a chiusura ermetica. Non riempite totalmente il vasetto. Capovolgete e lasciate raffreddare.

5/5 (365 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gelatina di ribes

Gelatina di ribes, un alleato in cucina

Gelatina di ribes, usi e applicazioni La gelatina di ribes rosso può essere preparata tranquillamente in casa, dal momento che richiede giusto un paio di ingredienti e non pone in essere...

Uva spina sotto spirito

Uva spina sotto spirito, una preparazione versatile

Uva spina sotto spirito, una preparazione dai tanti usi L’uva spina sotto spirito è la classica ricetta della nonna, ossia una conserva fatta in casa che fa riferimento alla migliore tradizione...

Confettura di uva spina

Confettura di uva spina, una confettura buona e...

Confettura di uva spina, una confettura fuori dal comune La confettura di uva spina è una confettura fuori dal comune. Il motivo risiede nelle peculiarità dell’ingrediente principale, ossia...

aglio marinato

Aglio marinato, una conserva buona e digeribile

Aglio marinato, un’idea utile L’aglio marinato è una splendida idea per una conserva diversa dal solito. Quando si parla di conserva si fa spesso riferimento ai pomodori, melanzane e ortaggi...

Cetrioli sotto aceto

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto...

Limoni confit

Limoni confit, come valorizzare un celebre agrume

Limoni confit, un’idea della cucina marocchina I limoni confit, o limoni sotto sale, rappresentano un unicum in questa categoria. Con il termine confit si intende in realtà un metodo di cottura...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-08-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti