Voglia di freschezza? Tartare di ananas con gelato

tartare di ananas con gelato

Tartare di ananas con gelato e coulis di albicocche: il benessere è servito!

La tartare di ananas con gelato e coulis di albicocche si presenta come un dessert fresco e leggero, che delizierà il vostro palato con i suoi accostamenti di gusto sfiziosi ed originali. Sicuramente è adatto per essere servito nelle giornate luminose e solari dell’estate, nelle serate in compagnia e nelle occasioni più speciali.

Nutriente e ricco di sapori unici, è un vero concentrato di salute e benessere grazie alle proprietà benefiche dei suoi ingredienti principali, ovvero il fresco ananas, la deliziosa e delicata albicocca e lo goloso gelato allo yogurt. Minerali, vitamine, antiossidanti e tantissime altre sostanze nutritive sono racchiuse in ogni boccone di questo dessert. Andiamo a scoprirne qualcosa di più e poi… prepariamolo!

Un dessert leggero, ma ricco di dolcezza e sostanza

Già dai presupposti è ovvio che si tratta di un dessert genuino oltre che gustoso. Il merito va ovviamente ai suoi ingredienti, che vi ricordo di scegliere con attenzione e prediligendo la qualità e la freschezza. A partire dall’ananas, frutto tropicale originario del Sud America, dotato di un sapore dolce e fresco, dobbiamo dire che contiene pochissime calorie e viene spesso utilizzato nelle diete per le sue proprietà benefiche contro la ritenzione idrica e la cellulite.

Grazie a questo ingrediente, la tartare di ananas con gelato  e coulis di albicocche potrà offrire un buon apporto di sali minerali come il potassio e il magnesio, ma anche di vitamina C. Tuttavia, l’elemento contenuto nell’ananas, considerato più importante per le sue proprietà digestive, è la bromelina: un complesso di enzimi, in grado di assimilare le proteine (endopeptidasi) e altre componenti proteiche stimolatrici del metabolismo.

Questa sostanza è anche antinfiammatoria ed è in grado di prevenire la formazione di edemi. Tuttavia, dobbiamo ricordare che queste proprietà vengono meno se il frutto viene lavorato ad alte temperature, per cui è necessario avvalersi di un ananas fresco, se si vuole usufruire delle sue principali qualità. E le albicocche? Leggere, gustose, ricche di acqua e fibre, e povere di grassi, si rivelano salutari in particolare per favorire il transito intestinale, proprio come lo yogurt.

Le altre potenzialità di una buona tartare di ananas con gelato  e coulis di albicocche

Bisogna considerare che le albicocche contengono moltissimi minerali e vitamine, che offrono indubbi benefici al nostro corpo. Le quantità maggiori spettano al potassio ed al betacarotene, seguiti dalla vitamina C e dalla E, nonché da molte altre sostanze antiossidanti come la quercetina, un flavonoide antinfiammatorio e stimolante del sistema immunitario; la luteina e la zeaxantina, carotenoidi con azione protettiva nei confronti di alcune parti del corpo.

L’elevato contenuto di sostanze antiossidanti nei frutti protagonisti della ricetta della tartare di ananas con gelato e coulis di albicocche ci propongono inoltre una valida prevenzione dalle malattie cardiovascolari. In modo particolare, il betacarotene ostacola l’ossidazione del colesterolo “cattivo” e previene la formazione di placche arteriosclerotiche. Il betacarotene è anche utile per mantenere la pelle bella e sana. Insomma, ci sono tante buone ragioni per provare questo dessert, non credete?

Ed ecco la ricetta della Tartare di ananas con gelato

Ingredienti

  • 1 ananas
  • 600 gr di gelato alla panna
  • 400 ml di yogurt naturale
  • 125 ml di panna fresca
  • 125 ml di latte
  • 80 ml di sciroppo di yacon
  • 5 gr di agar agar
  • 200 gr di polpa di albicocca pastorizzata
  • qualche albicocca fresche
  • il succo di limone
  • un pizzico di cannella
  • 1 cucchiaino di zucchero a velo
  • qualche fogliolina di menta

per la coulis di albicocche:

  • 250 gr. di albicocche fresche
  • 75 gr. di zucchero di canna

Preparazione:

Mondate l’ananas  e tagliatelo a cubetti piccoli. Versate in una terrina con l’aggiunta della cannella,  dello zucchero a velo e parte delle foglioline di menta tritate. Mescolate accuratamente e mettete in frigo per 1 ora a riposare.

In un pentolino versate latte, panna, sciroppo di yacon, agar agar e bollite a 80 gradi. Togliete dal fuoco e aggiungete la polpa di albicocca.

Fate raffreddare a bagnomaria con acqua e ghiaccio per abbattere velocemente la temperatura. Coprite con della pellicola e lasciate raffreddare in frigo per un’ora circa.

Trascorso il tempo di raffreddamento, unite lo yogurt ben freddo. Mescolate bene, versate in un contenitore precedentemente congelato e girate con la frusta per alcuni minuti. Lasciate in freezer per qualche ora.

Preparate una coulis di albicocche. Lavate e mondate le albicocche. Tagliate a metà e togliete il nocciolo e quindi riducetele a tocchetti piccoli.

Versate in una pentola con lo zucchero e cuocete a fuoco medio fino ad ottenere una salsa densa. Lasciate intiepidire e filtrate la salsa con un colino.

Pulite e tagliate l’ananas a cubetti, aggiungete un cucchiaio di succo di limone e menta tagliuzzata. Lasciate marinare per 10 minuti circa.

Lavate e tagliate le albicocche a spicchi.

Impiattate versando un cucchiaio di coulis di albicocche, adagiate la tartare di ananas aiutandovi con un coppapasta e completate con due palline di gelato e le fettine di albicocche. Decorate con una fogliolina di menta.


Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.


25-06-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti