Salmone e ananas per rimanere in forma con gusto

salmone e ananas
Commenti: 0 - Stampa

Ricetta fresca e deliziosa, freschissimo piatto di salmone e ananas

Solitamente l’ananas si trova abbinato con frutta fresca, con creme o dessert, invece oggi vi propongo una ricetta fuori dalle righe: piatto di salmone e ananas!Vi ho incuriositi non è vero?

Il sapore dolce e leggermente aspro dell’ananas si sposa benissimo con il gusto deciso del salmone affumicato e con il limone. Provate a grattugiarne la scorza sul salmone! Vedrete che freschezza!

Infine, per rendere ancora più intrigante il tutto, aggiungete una spolverata di pepe per dare una sferzata piccante al palato.

Potete servire il mio piatto di salmone e ananas come antipasto ad una cena a base di pesce, come rinfrescante intermezzo tra una portata e l’altra. Oppure, se siete di corsa, come piatto unico per un pranzo dietetico ma sfizioso.

Insomma, per me, ogni scusa è buona per gustarmi questa delizia. E per voi?

Come mantenere la linea con dolcezza grazie all’ananas

Quando si fa la dieta, tutti consigliano di mangiare tanto ananas perché sembra che bruci i grassi, ma è vero?

Affermare che “bruci i grassi” è un’esagerazione, però c’è da dire che contiene sostanze nutritive particolari, come la bromelina, un enzima che permette la scissione delle proteine, facilitando quindi la digestione.

Per questo motivo, mangiare una fetta d’ananas fresco dopo i pasti abbondanti può essere d’aiuto per sentirsi meno pieni.

Inoltre, questo frutto tropicale, è un vero e proprio elisir per chi combatte la ritenzione idrica, infatti, oltre ad avere proprietà depurative e disintossicanti, svolge un’azione diuretica e drenante.

Basta mangiare una porzione di ananas per fare il pieno di energie, grazie al suo apporto di fibre, vitamine A (che contrasta l’azione dei radicali liberi), C (importante per il sistema immunitario) e sali minerali come potassio, ferro, calcio e fosforo.

Insomma, questo frutto particolare è davvero un toccasana, soprattutto se abbinato al pesce, come nel nostro piatto di salmone e ananas.

salmone e ananas

Buono e sano, alla scoperta del salmone affumicato

 Io adoro il salmone affumicato: eppure non lo mangio molto spesso. Sarà perché lo associo al Natale ed alle tartine al burro, ma perché privarmi di uno sfizio così sano tutto il resto dell’anno?

Grazie al nostro piatto di salmone e ananas, non ce n’è più bisogno. Oltre ad essere buonissimo, il salmone affumicato fa anche bene all’organismo, vediamo perché.

Iniziamo dicendo subito che è un pesce tipico dei mari del Nord. È piuttosto grosso dato che può raggiungere la lunghezza di un metro e mezzo e arrivare a pesare anche 20 kg.

Dal punto di vista nutrizionale non ci sono grosse differenze tra la versione fresca e quella sottoposta ad affumicatura.

Poiché vive in acque fredde, il salmone, è ricco di acidi grassi polinsaturi, ma state tranquilli: non significa che contenga colesterolo. Anzi, i grassi di cui è ricco, riducono il colesterolo cattivo ed aumentano quello buono.

Infine, è ricco sia di proteine animali, sali minerali e vitamine B e P. Cosa possiamo volere di più?

Ingredienti per 4 persone

  • 350 gr. di salmone affumicato
  • 1 limone bio
  • 10 fette d’ananas
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • yogurt al naturale delattosato
  • q.b. pepe nero appena macinato

Preparazione

Tutto il divertimento del nostro piatto di salmone e ananas sta nell’impiattamento. Iniziate tagliando a metà 8 fette d’ananas e le rimanenti a cubetti piccoli.

Tritate il salmone affumicato con la scorza del limone, quindi aggiungete i cubetti d’ananas già preparati.Ora viene la parte creativa.

Prendete quattro piatti rettangolari e, aiutandovi con un cucchiaio, disponete lo yogurt in modo che formi tre strisce.

Su ognuna di queste, riponete un cucchiaio abbondante di trito di salmone e ananas. A questo punto, alternate una mezza fetta del frutto ad ogni porzione di salmone.

Come tocco finale, condite con un filo d’olio e servite spolverizzando con pepe nero appena macinato.

Buon appetito!

5/5 (469 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

kebab

Il kebab, una versione casalinga

Come preparare il kebab in casa La ricetta di oggi può essere considerata come una specie di panino kebab fatto in casa a base di carne. Molti storceranno il naso di fronte a questa espressione,...

Burro al dragoncello

Burro al dragoncello, un’alternativa aromatica

Burro al dragoncello, un condimento per tanti usi Il burro al dragoncello è un’alternativa gradevole al burro classico. Fa parte della categoria dei burri aromatizzati, che apre scenari...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Aceto al dragoncello

Aceto al dragoncello, un sostituto dell’aceto di vino

Le differenze tra l’aceto al dragoncello e l’aceto di vino L’aceto al dragoncello è una gradevole alternativa al classico aceto di vino. E’ una preparazione semplice, che gioca sulla...

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

Pesto al dragoncello

Pesto al dragoncello, un condimento squisito

Pesto al dragoncello, una gradevole alternativa Il pesto al dragoncello è un’alternativa molto suggestiva rispetto al pesto alla genovese, realizzato con il basilico. Ovviamente gli utilizzi sono...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti