Frittata vegan con farina di ceci e portulaca , come prepararla?

Tempo di preparazione:

Scoprite il sapore della frittata vegan con farina di  ceci e portulaca

Preparare la frittata vegan con farina di ceci e portulaca è sempicissimo e richiede, inoltre, pochissimo tempo. Quello di oggi è uno dei piatti must per tutti i vegetariani e vegani all’ascolto, ma anche chi è celiaco dovrebbe seguire con attenzione. Vegetale al 100%, non perde però né in sapore, né in aromi. Grazie, poi, alle innumerevoli proprietà benefiche della portulaca, erba rustica infestante ancora poco conosciuta ed utilizzata ma assoluto toccasana, scoprirete un gusto un po’ acidulo, che ricorda quello della rucola, e una morbidezza che si scioglie in bocca.

La portulaca, virtù terapeutiche a portata di … orto

È proprio così, la portulaca o portulaca oleracea è un concetrato di salute di preziose risorse per la salute del nostro organismo. Innanzitutto la portulaca ha indiscusse proprietà dissetanti, depurative, diuretiche, anti diabetiche e anti colesterolo. Ricca di fibre, possiede inoltre pochissime calorie, soltanto 16 kcal per 100 grammi di portulaca.

Non solo, contiene vitamina A, alcune vitamine del gruppo B, vitamina C, sali minerali come magnesio, manganese, fosforo, zinco, selenio, ferro, calcio, potassio, sodio, rame, ed è fonte di acidi grassi polinsaturi del tipo omega 3, oltre a flavonoidi e acido a-linoleico. Buonissima anche dal punto di vista culinario, si presta a molto usi in cucina: dalle insalate miste alle zuppe, dai condimenti per pasta a deliziose frittate, da ghiotti gnocchi di patate a contorno di altre pietanze. Ce n’è davvero per tutti i gusti!

Frittata vegan con farina di  ceci e portulaca

Farina di ceci, valido sostituto delle uova per piatti veg davvero gustosi

Se siete vegani, talvolta vi sarete chiesti come poter sostituire le uova con altri alimenti di orgine vegetale. Bene, ci sono diverse possibilità e alternative da considerare. Nella mia frittata vegan con farina ci ceci e portulaca ho optato, come indicato dal nome della ricetta, per la farina di ceci. Dal punto di vista nutrizionale è un alimento molto nutriente, particolarmente ricco di vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6 e B9).

Inoltre contiene altre vitamine, tra cui la A, la C e la E e una quantità interessante di acidi grassi Omega 6. Si caratterizza in più per il suo alto contenuto di ferro e per l’apporto di fibre, che aiutano l’organismo a digerire correttamente. In aggiunta, è utile anche in ambito cosmetico per la salute dei capelli, delle mani e della pelle in generale (utilizzato come scrub). Potete trovarla in erboristeria ma anche nei supermercati e online. Il prezzo varia naturalmente in base al marchio e alla qualità. Insomma, se anche voi come me non vedete l’ora di iniziare, bando alle ciance, possiamo partire con la preparazione della frittata vegan con farina ci ceci e portulaca.

Ed ecco la ricetta della frittata vegan con farina di ceci e portulaca

Ingredienti per una frittata da 20 cm:

  • 150 gr di farina di ceci
  • 200 ml di acqua
  • 100 gr di portulaca
  • ½ scalogno
  • 2 cucchiai di olio d’extra vergine di oliva
  • q.b. di sale e pepe

Preparazione

Versate la farina di ceci in una ciotola, unite lentamente l’acqua mescolando con una frusta, aggiungete sale, pepe e fate riposare per un’ora.

Nel frattempo lavate bene la portulaca, staccate le foglioline ed eliminate i gambi più duri, dovrete ottenere 100 grammi di foglioline.

Tritate lo scalogno e fatelo soffriggere per 5 minuti con 2 cucchiai di olio, in una padella da 20 cm di diametro.

Unite le foglie di portulaca, salate leggermente e fate cuocere per due minuti a fiamma vivace.

Aggiungete  il contenuto della padella alla pastella di ceci e mescolate bene.

Versate 2 cucchiai di olio nella padella, fate scaldare bene e versate la pastella, fate cuocere per circa 10 minuti, o finchè non si sarà addensata.

Girate la frittata aiutandovi con un piatto, fate cuocere ancora 5/6 minuti.

Servite la frittata vegan con farina di ceci e portulaca ben calda oppure fredda, come più preferite.

Buon appetito!

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *