Menu pasquale innovativo: creatività e multiculturalità

Menu pasquale innovativo
Commenti: 0 - Stampa

Chi è stanco della tradizione può sempre scegliere un menu pasquale innovativo con cui portare in tavola piatti più particolari dove si assaporano gusti ricercati che garantiscono un successo straordinario con ospiti esigenti.

L’innovazione culinaria può consistere nell’abbinamento di sapori diversi e sfiziosi o in piatti creati con ingredienti importati da altre etnie: così la multiculturalità entra in cucina e unisce tutti in un abbraccio culinario da 10 e lode! Cosa preparare di innovativo? Le idee non mancano, vediamo come concretizzarle!

innovazione e multiculturalità in tavola

Per gli amanti dell’innovazione: sfizi e vizi!

Tra gli antipasti, davvero innovativa è l’insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo che mescola in modo equilibrato proteine e fibre. Potete portare in tavola la multiculturalità con la torta salata con pak choi e champignon che vi aprirà a nuovi orizzonti…del gusto asiatico!

Tra i primi, potete scegliere il tradizionale risotto ma nella versione sovversiva di pesce del risotto al persico e salvia a cui potete abbinare dei secondi particolari come le girelle di sogliola alla curcuma su crema di piselli oppure il trancetto di storione all’aceto di mele: un toccasana per il corpo e una miscela di proprietà benefiche per la mente.

Ed ecco un menu pasquale innovativo

E se proprio volete stupire i vostri ospiti con delle sciccherie, non rinunciate ad un purè di patate viola o all’uovo marinato da abbinare a verdure o ai primi: stupirete i vostri commensali già a partire dai colori primaverili che sfodererete con classe! Per non rinunciare allo stile, chiudete con un sorbetto al limone variegato ai frutti di bosco: le vostre papille gustative si resetteranno per un nuovo tour de force!

Girelle di sogliola alla curcuma

E il dolce? Potrebbe essere un incrocio tra tradizione ed eleganza, ma rivisitate in chiave moderna: le colombine di sfoglia daranno un tocco di classe ad una tavola innovativa che non vuole rinunciare al gusto. Ma non dimenticate la mousse allo zenzero e limone da servire in coppa o i macarons con crema ai mirtilli e mandorle oppure il mango pudding che mixa cultura indiana e cinese in un tortino al mango eccezionale.

Vini per il menu innovativo: italiani o esteri?

E poi…cosa non deve mai mancare? Ovviamente, il vino! In qualunque menu, il vino è la bevanda più amata fin dai tempi antichi. Con un menu di pesce il vino bianco è d’obbligo, dall’antipasto al dolce! Moscati e passiti, Chardonnay e spumantini rosati saranno i vostri accompagnatori più intimi in un menu pasquale davvero esilarante.

Ma lasciate spazio anche a chi vuole sperimentare con curiosità spulciando nell’enologia cinese e Sud-africana dove i bianchi sono più ricercati e rari. Tuttavia, ricordate che, malgrado il vino sia prodotto in molti Paesi, quello italiano rimane il migliore!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

frigorifero

Il frigorifero, come conservare bene i cibi e...

Come conservare gli alimenti freschi in frigorifero. Per ottenere una buona conservazione degli alimenti freschi in frigorifero, occorre riporli negli scomparti o ripiani più adatti, tenendo...

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...

Cucina cilena

Cucina cilena, ricette e curiosità di una tradizione...

Un approfondimento sulla cucina cilena Oggi vorrei introdurvi alla cucina cilena, una cucina che spesso non riceve gli onori che merita in quanto è offuscata da altre tradizioni gastronomiche,...

festa del papa

Festa del papà con un menu perfetto

Una ricorrenza da celebrare in allegria La Festa del Papà è una ricorrenza carica di significati, è l’occasione per dichiarare l’affetto che si prova per il proprio padre, ma anche per...

Festa di San Patrizio

Idee per la Festa di San Patrizio o...

Festa di San Patrizio o Saint Patrick’s Day, non solo una festa irlandese Quale migliore occasione dalla festa di San Patrizio, Saint Patrick’s Day, per fare la conoscenza della cucina...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti