Risotto al persico e salvia: un piatto semplice

Risotto al persico e salvia
Commenti: 0 - Stampa

Un tris di colori: il risotto al persico e salvia

Il risotto al persico e salvia è una ricetta adatta a chi vuole preparare un menù Pasquale in apparenza semplice, ma di classe. Facile da preparare, prevede una difficoltà molto bassa e tempi di preparazione che si aggirano intorno ai 40 minuti. Servito con una spolverata di peperoncino, deve essere fumante e può essere “colorato” dallo zafferano.

Nutriente, proteico e facilmente digeribile, questa ricetta ben si sposa con i gusti delicati dei vostri commensali. L’aroma della salvia donerà a questa pietanza un gusto deciso e un’alta sazietà. Il risotto al persico e salvia è un piatto molto versatile che potrete preparare sicuramente durante tutta la stagione invernale, autunnale e primaverile. Inoltre, è abbinabile con un menù a base di pesce e manterrà alte le vostre aspettative non solo in tema di eleganza di presentazione, ma anche di un basso tasso di calorie.

Cosa sapere della salvia: tra credenze e proprietà nutrizionali.

Questo piatto utilizza un ingrediente fondamentale che incide sul risultato finale. L’ingrediente principe è costituito dalla salvia che regala al risotto al persico e salvia delle proprietà nutrizionali di non poco conto. La salvia è infatti conosciuta come una spezia molto leggera, da una percentuale di grassi pari allo zero e ha poche calorie perché 30 grammi di salvia contengono circa 100 calorie in cui ci sono il 40% di fibre.

Risotto al persico e salvia

Il risotto al persico e salvia ha un’alta digeribilità proprio grazie a questa spezia che già ai tempi dell’Impero Romano veniva considerata una pianta sacra perché capace di lenire malattie come febbre e tosse, ma anche capace di cicatrizzare ferite molto profonde. Oggi la salvia è un valido rimedio contro i problemi gastrointestinali, ma soprattutto contro la depressione e i disturbi mestruali. Una tisana alla salvia non solo riduce i dolori mestruali, ma cura l’insonnia.

Il Risotto al persico e salvia: come personalizzare la ricetta?

Questo piatto ricco di benefici nutrizionali allieterà la vostra tavola senza appesantire lo stomaco, per questo potete abbinarlo ad altri piatti o variare facendolo diventare un piatto molto più ricco. Il risotto al persico di salvia può essere arricchito di bottarga grattugiata oppure di una fonduta di gorgonzola. In questo modo il sapore sarà più inciso e la sua corposità più intensa.

Nel risotto al persico e salvia potete anche scegliere di preparare il pesce caramellandolo con aceto balsamico oppure sostituire il brodo vegetale con una zuppa di pesce molto ristretta. Il vino bianco secco è un must perché si abbina molto bene con il pesce e potete quindi scegliere tra un rosato, un Moscato oppure uno Chardonnay. Per una decorazione più d’effetto, potete anche aggiungere una cascata di noci o di nocciole.

Ed ecco la ricetta del Risotto al persico e salvia

Ingredienti:

  • 800 g di filetto di pesce persico
  • 320 g Riso Carnaroli
  • 1 lt Brodo vegetale
  • 1/2 Cipolla
  • 1 noce di Burro chiarificato
  • b. di foglie di salvia
  • b. di Farina di riso
  • 1/2bicchiere di vino bianco secco
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di sale

Preparazione:

Sbucciate la cipolla e affettatela a velo. Mettetela in una casseruola con l’olio e quando comincia a soffriggere aggiungete il riso. Fatelo tostare per alcuni minuti poi sfumatelo con il vino bianco. Quando il vino è evaporato bagnatelo con un mestolo di brodo bollente.

Portatelo poi a cottura per circa 18 minuti, aggiungendo, poco per volta, il restante brodo.

Infarinate uno alla volta i filetti di pesce persico e metteteli su una teglia foderata di carta forno, cercando di non sovrapporli.

Preriscaldate il forno a 200 °C (ventilato) e cuocete i filetti di pesce persico per 10 minuti. Passateli poi in modalità grill per altri 5 minuti. Non lasciatele troppo in forno per evitare che si secchino eccessivamente

In una padella sciogliete una noce di burro, aggiungete le foglie di salvia e fatele appena appassire, cuocendo finché il burro diventa color nocciola.

Versate il riso nei piatti, disponetevi sopra i filetti dorati e irrorate tutto con il burro nocciola. Servite subito.

5/5 (568 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-03-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale. Le uova sono uno degli alimenti simbolo della Pasqua, tanto che molte...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Io amo prepararlo a Pasqua, che è tradizionalmente una...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti