Lombo di agnello con purè di patate viola: ricercatezza

lombo di agnello con pure di patate viola
Commenti: 0 - Stampa

Una ricetta che stupirà tutti: Lombo di agnello con purè di patate viola

Il lombo di agnello con purè di patate viola è un secondo piatto che stupirà tutti per il colore delle patate. È un piatto di media difficoltà, ma che può essere comunque preparato da tutti, anche dai più pigri. Ci sono sicuramente degli accorgimenti da seguire, ma il risultato sarà da leccarsi i baffi. Si tratta di una ricetta molto innovativa perché utilizza un ingrediente molto pregiato quale quello delle patate viola.

E’ fondamentale che la carne utilizzata sia realmente la lombata che rappresenta la parte più tenera dell’animale: di solito unisce costolette e filetto. Se poi riuscirete a dosare la cottura della carne con le spezie, otterrete un risultato da master chef. Il lombo di agnello con purè di patate viola è un piatto che riscuoterà un grande successo durante le feste Pasquali perché unisce tradizione e innovazione adattandosi bene ai palati più raffinati, ma anche a quelli più esigenti.

Le patate viola: storia e curiosità

La patata viola, che tutti definiscono un tubero molto pregiato, è assai rara. Ricca di antiossidanti, vanta origini nell’America meridionale e in Europa si coltiva soprattutto in Francia. E voi potete prepararla nel lombo di agnello con purè di patate viola creando un piatto originale e sciccoso. Ovviamente, questa ricetta non è molto economica, ma il prezzo rispecchia la ricercatezza degli ingredienti.

Lombo di agnello con purè di patate viola

Eccovi una chicca: la patata viola è un ottimo alleato contro le occhiaie: bastano due fette sugli occhi e dopo una manciata di minuti il vostro viso sarà più luminoso! Inoltre, la patata viola ha dei nutrienti che si manterranno inalterati se cucinerete il lombo di agnello con purè di patate viola seguendo scrupolosamente la ricetta: avrete un piatto d’effetto da accompagnare con un buon vino rosso, come un Chianti oppure un Montepulciano!

Energia e colore in un unico piatto: Lombo di agnello con purè di patate viola

Questo secondo piatto che unisce tradizione e innovazione in un colpo solo, è fonte di grande energia perché la carne e le patate apportano carboidrati e proteine nell’organismo. Farete così un pieno energetico di classe con il lombo di agnello con purè di patate viola. Tuttavia non esagerate mai, perché le patate sono molto ricche di amido, specialmente queste viola che contengono un pigmento particolare che le rende colorite come i mirtilli.

Il lombo di agnello con purè di patate viola è una ricetta che ammette anche delle varianti o delle aggiunte, perché potete maggiormente colorare il piatto aggiungendo, ad esempio, delle carotine in umido; ma potete anche variare, eliminando l’impanatura e optare per degli aromi più leggeri. Per gli amanti della cucina piccante è possibile aggiungere del peperoncino, ma la cosa più importante riguarda la consistenza del purè di patate che deve essere molto cremoso e denso in modo da creare un’unica cosa sola con il lombo di agnello.

Ed ecco la ricetta della Lombo di agnello con purè di patate viola

Ingredienti:

  • 2 carré di agnello
  • 1 spicchio d’aglio e 1 rametto di rosmarino
  • 2 gambi di sedano
  • 1 carota e 1 cipolla
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di sale e pepe nero in grani

per la panatura:

  • 50 g di pangrattato consentito
  • 20 gr.  di parmigiano grattugiato stagionato 36 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • q.b. di di sale e pepe nero

per il purè di patate viola

Preparazione:

Pulite i carré d’agnello dalle pellicine,  dalle parti grasse e disossateli ricavandone due lombetti .

In una pentola antiaderente mettete 2 cucchiai d’olio il sedano, la  carota, la cipolla e fate soffriggere le verdure. Quando sono rosolate aggiungete nella pentola le ossa dell’agnello e coprite con dell’acqua. Portate ad ebollizione e fate cuocere per 40 minuti. Filtrate e rimettete sul fuoco per  ridurre il sugo d’agnello.

Ungete una teglia da forno antiaderente,  mettete l’aglio, il rosmarino,  i lombetti d’ agnello e mettetela in forno già caldo a 170° per 8 minuti. Una volta pronti toglieteli da forno e fateli intiepidire, poi ungeteli leggermente di olio.

In una ciotola mescolate  il pangrattato, il parmigiano, il prezzemolo, 2 cucchiai d’olio, il sale e una spolverata di pepe, mescolate bene gli ingredienti e con questo mix impanate i lombetti facendolo aderire bene alla superficie.

Tagliate ogni lombetto in tre pezzi, rimetteteli nella teglia e passateli in forno a 170° per 5 minuti.

Preparate il purè. Spegnete il fuoco e  aiutandovi con due cucchiai formate delle piccole quenelle  di purè.

Impiattate mettendo sul fondo le quenelle di purè aggiungete  i pezzi di lombo impanati e irrorate il tutto  con il sugo d’agnello.

5/5 (967 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale e sono molto facili da preparare. Le uova sono uno degli alimenti simbolo...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti