Coscia di anatra su rosti di patate e funghi all’aceto

Coscia di anatra su rosti di patate e funghi
Stampa

Tutta la bontà della coscia di anatra su rosti di patate

La coscia di anatra su rosti di patate e funghi all’aceto di riso non può certo essere classificato come piatto di tutti i giorni. Elegante e raffinato, esso rappresenta la scelta sulla quale dovremmo puntare in occasione di eventi e occasioni in cui vogliamo fare bella figura con i nostri ospiti. Non di pollo si tratta infatti, ma di anatra, non a caso cotta durante le festività natalizie e nelle occasioni importanti.

L’anatra all’arancia è un piatto elegante che si contraddistingue, per come lo presentiamo in questa ricetta, per il perfetto bilanciamento tra il sapore deciso dell’anatra e il gusto dolce e delicato dell’aceto di riso. Ne esistono numerose varianti, ma noi abbiamo pensato alla coscia di anatra su rosti di patate e funghi all’aceto di riso perché il connubio con le patate si rivela particolarmente gradito un po’ a tutti, anche ai più piccoli.

L’abbinamento perfetto dalle note agrodolci

La tradizione culinaria vuole che l’anatra sia accompagnata da una nota dolce. Ebbene, è esattamente quello che abbiamo pensato di fare con questa ricetta originale, che supera il classico e troppo speculato abbinamento con l’arancia. La coscia di anatra su rosti di patate e funghi all’aceto di riso è una ricetta fantasiosa nella quale fanno la loro gradita presenza profumi e aromi dolci quali quelli del miele di acacia, della scorza e del succo del lime nonché dello zucchero di canna e dell’aceto di riso.

 La coscia di anatra su rosti di patate e funghi all’aceto di riso è dunque una variante originale, inedita e sorprendente per le occasioni speciali, ma è anche un piatto nutriente e ricco di potassio, vitamina C e carboidrati complessi di cui le patate sono ricche. Le patate sono ottime per contrastare il diabete, sono disinfiammanti e molto energetiche, per cui nel consumare questo raffinato piatto facciamo il pieno di nutrienti benefici per il nostro organismo.

Coscia di anatra su rosti di patate e funghi

Cosa rende speciale la coscia di anatra su rosti di patate

A rendere speciale questo piatto non sono solo l’aspetto e il perfetto bilanciamento di note agrodolci. Particolare è anche la scelta di adagiare la coscia di anatra su rosti di patate e funghi all’aceto di riso, lì dove i rosti sono particolarmente croccanti e deliziosi, molto di più delle semplici patate. Questi derivano dalla tradizione culinaria svizzera, che suole servirli come antipasto, secondo o contorno.

 La coscia di anatra su rosti di patate e funghi all’aceto di riso ha un sapore particolare dovuto anche alla presenza dell’aceto di riso. Quest’ultimo garantisce benefici che vanno ben oltre la sfera alimentare e che investono anche la nostra buona salute. Questo aceto vanta proprietà importanti come antisettico e rappresenta un validissimo aiuto contro i radicali liberi e contro il colesterolo.

Ingredienti per 4 persone

Per l’anatra

  • 4 cosce d’anatra
  • 3 cucchiai di miele di acacia
  • 3 cucchiai di senape di Dijon forte Probios
  • 30 gr di burro chiarificato
  • 1 cucchiaino di maizena
  • mix erbe aromatiche ( rosmarino, timo, 1 foglia di alloro e salvia)
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe

Per i funghi marinati all’aceto di riso

  • 12 funghi champignons
  • q.b. aceto di riso
  • Un pezzettino di radice di zenzero
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • Scorza e succo di 1 lime
  • q.b. sale

Per i rosti

Preparazione rosti

Sbucciate le patate e grattugiate con una grattugia a fori larghi. Mettete il ricavato in acqua fredda per qualche minuto. Strizzate con le mani per eliminare l’acqua. Sbattete le uova, fate fondere il burro e tagliate la fontina a dadini piccoli.

Riunite in una ciotola le patate, il burro fuso, la fontina, la fontina, le uova insaporite con timo, sale e pepe. Mescolate tutti gli ingredienti.

Formate delle frittelle e appiattitele con le mani. Disponete su di una teglia ricoperta da carta forno e unta con un filo di olio. Infornate a 200°C per almeno 30 minuti e sfornate.

Preparazione marinata

Mondate i funghi e tagliate a spicchi. Grattugiate la scorza di lime ed estraete il succo.

Versate in una terrina aggiungendo aceto di riso, zenzero grattugiato, zucchero di canna, sale, succo e scorza di 1 lime. Mescolate accuratamente il tutto. Coprite con della pellicola e lasciate a marinare per circa 2 ore.

Preparazione cosce di anatra

Togliete la pelle alle cosce. Mescolate in un piattino la senape con un po’ di sale e pepe e con questo composto  spalmate uniformemente le cosce.  A questo punto inserite le cosce in un sacchetto del sottovuoto, aggiungete il miele, il burro a pezzetti e le erbe aromatiche tritate. Sigillate il sacchetto.

Accendete il roner e procedete con la cottura a 57 gradi per circa 12/13  ore.  Quando è pronto tagliate un angolino e raccogliete  il liquido di cottura  in un pentolino.

Infornate le cosce per ultimare la cottura e avvolgete nell’apposita carta per tenerle in caldo, mentre preparate la salsa.

Portate ad ebollizione il liquido di cottura prima di versare a pioggia la maizena. Mescolate con una frusta per sciogliere eventuali grumi. Cuocete per pochi minuti e lasciate addensare. Filtrate il fondo di cottura

Impiattate disponendo a strati la frittellina di rosti, i funghi e la coscia dell’anatra e nappate con il fondo

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti